Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Strict Standards: Declaration of UserSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Strict Standards: Declaration of UserSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of BlogCache::get_option_list() should be compatible with DataObjectCache::get_option_list($default = 0, $allow_none = false, $method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blogcache.class.php on line 355

Strict Standards: Declaration of Blog::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Blog::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Skin::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/skins/model/_skin.class.php on line 608

Strict Standards: Declaration of CollectionSettings::_load() should be compatible with AbstractSettings::_load($arg1 = NULL, $arg2 = NULL, $arg3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_collsettings.class.php on line 164

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Strict Standards: Declaration of ItemListLight::query() should be compatible with Results::query($create_default_cols_if_needed = true, $append_limit = true, $append_order_by = true, $query_title = 'Results::Q...') in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemlistlight.class.php on line 48

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php:54) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_template.funcs.php on line 59

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Strict Standards: Declaration of google_webmaster_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/google_webmaster_plugin/_google_webmaster.plugin.php on line 83

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236
NO ALLA DISINFORMAZIONE "MANIPOLATA" - R-Evolucion 2010
Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
  • Home

  • Strict Standards: Declaration of User::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::dbdelete() should be compatible with DataObject::dbdelete() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551
  • Contact
  • Gallery
  • Log in
  • Latest comments


Strict Standards: Declaration of GenericCategoryCache::clear() should be compatible with DataObjectCache::clear($keep_shadow = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategorycache.class.php on line 49

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of GenericCategory::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategory.class.php on line 45

Strict Standards: Declaration of Chapter::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/chapters/model/_chapter.class.php on line 38
30.000 CONNESSIONI SUL NOSTRO SITO!! GRAZIE A TUTTI LA R-EVOLUCION!!

02/08/12 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Notizie del giorno

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

http://www.revolucion2010.altervista.org


Permalink

Pueblo pieno di pesticidi e lo scopre Il Salvagente

Dopo l'inchiesta del settimanale, denuncia del Codacons all'Antitrust.

Enrico Cinotti
Senza additivi ma con una presenza eccessiva di pesticidi. Quindici per l’esattezza.
Tanti sono quelli che il settimanale il Salvagente ha rilevato in una scatola di Pueblo - un tabacco trinciato per sigarette tra i più venduti in Italia - analizzato nelle settimane scorse.
La lista di sostanze indesiderate rilevata, pubblicata nel numero del giornale in edicola da giovedì 2 agosto - e in vendita a un euro in Pdf sfogliabile nel nostro negozio on line - al di là delle concentrazioni, lascia stupiti specie perché il Pueblo, prodotto dalla tedesca Pöschl Tabak, è un trinciato presentato come molto naturale e scelto da tanti consumatori proprio perché è “Senza additivi”, come recitano le etichette, ottenuto solo da “100% foglie di tabacchi Virginia”. 

Interviene il Codacons: denuncia all'Antitrust

A seguito dell'inchiesta del Salvagente, interviene il Codacons, che oggi ha presentato un esposto all’Antitrust ritenendo come nella fattispecie in esame si possa configurare l’ipotesi di pubblicità ingannevole.
In particolare, si legge nell’esposto: "L’associazione chiede formalmente all’Autorità della concorrenza e del mercato di intervenire  affinché svolga ogni opportuna indagine e adotti tutti i provvedimenti ritenuti opportuni in ordine alle condotte descritte a garanzia della tutela dei consumatori in particolare  al fine di determinare se sussista il carattere ingannevole della pubblicità del prodotto Pueblo, procedendo a prendere tutti gli opportuni provvedimenti, e ove ne ricorrano i presupposti applicando le relative sanzioni”.
Analogo esposto è stato inviato dal Codacons anche ai Monopoli di Stato e ai Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico.


“Un buon tabacco”

Il Pueblo è un “buon tabacco” a sentire i suoi tanti estimatori che sono disposti a spendere 5,40 euro per un astuccio da 30 grammi, un po’ più della media di mercato, per arrotolare sigarette con “una miscela tradizionale realizzata con tabacchi americani Virginia, coltivati anche nelle riserve naturali, in condizioni ottimali, dagli indiani pellerossa d’America”, come assicura l’azienda nelle confezioni. Insomma in un prodotto del genere tutto ti aspetti meno che la presenza contemporanea di 9 insetticidi, 3 fungicidi, 2 nematocidi e un diserbante. Senza considerare poi che, fatta eccezione per il Cymoxanil, la legislazione italiana vieta l’impiego nella coltivazione del tabacco delle altre sostanze rilevate. 


L’azienda: “Tutte sostanze legali”

“Tutte le tracce rilevate nelle vostre analisi derivano da sostanze legali e accreditate le cui concentrazioni sono ben al di sotto dei limiti previsti dalla legge”, assicura al Salvagente Steffen König, responsabile del controllo di qualità della Pöschl Tabak. 


Meno pesticidi in un altro campione

Tuttavia, al di là delle concentrazioni, resta da capire come in un prodotto così naturale, siano finiti 15 pesticidi contemporaneamente. Anche in considerazione del fatto che, avendo testato successivamente un secondo campione dello stesso Pueblo ma di un lotto diverso, il Salvagente non ha riscontrato lo stesso tenore di residui.
E allora cosa è successo al primo campione? La sua miscela, il blend di tabacchi selezionati, da dove proveniva? E l’azienda, dopo la segnalazione che il settimanale le ha inviato, quali controlli ha attivato? 


“La puzza alcolica”

A questo punto vale davvero la pena riavvolgere il nastro e raccontare la storia dall’inizio. 
Nel maggio scorso un lettore del settimanale dei consumatori porta in redazione un “barattolo” di Pueblo da 100 grammi perché, appena lo ha aperto, ha avvertito una forte puzza alcolica. 
Il Salvagente contatta il distributore italiano del prodotto, la Itagency, per capire cosa può essere successo, indicando il numero di lotto, 75704, del campione sospetto. Il 23 maggio arriva una prima risposta interlocutoria: il distributore spiega che come per tutti i prodotti naturali c’è bisogno di una “conservazione appropriata”, ma che comunque grazie al numero di lotto riportato “potremo girare la segnalazione al produttore in Germania affinché faccia gli opportuni controlli”.


Le analisi

Dalla redazione del Salvagente attendono per alcune settimane ma il responso degli “opportuni controlli” non arriva. E allora decidono di mandare in analisi il prodotto presso il dipartimento di Chimica farmaceutica e Tossicologia della facoltà di Farmacia dell’Università Federico II di Napoli. 


Risultati strabilianti

Le quindici sostanze rilevate e la loro concentrazione sono illustrate nella tabella che anticipiamo. Ora nessuno è in grado di capire se c’è un legame tra la presenza dei pesticidi e la “puzza alcolica” riscontrata nel campione. Ma a questo punto è la presenza massiccia di fitofarmaci a insospettire. 
Il professor Alberto Ritieni, docente di Chimica degli alimenti, ha condotto le analisi sul campione di Pueblo: “I livelli quantitativi e la grande varietà delle sostanze attive che abbiamo riscontrato nel campione di tabacco hanno suscitato un notevole interesse scientifico. Mi preme aggiungere, che se questa stessa situazione fosse stata osservata in un qualsiasi alimento, vegetale o non, avrebbe destato oltre all’interesse scientifico anche una forte preoccupazione dal punto di vista tossicologico e della sicurezza dell’alimento, facendoci attivare una serie di conseguenti azioni di controllo e di verifiche analitiche della filiera”.


Seconda prova ok

Lo stesso laboratorio ha poi ripetuto le analisi su un secondo campione di Pueblo, di un lotto diverso e senza “puzze anomale”, che è risultato “pulito”.  
Cosa è successo al primo campione? E, ancora una volta al di là dei pesticidi consentiti o meno, tanto affollamento di fitofarmaci non dovrebbe insospettire un’azienda che della naturalità del prodotto fa, giustamente, vanto?
Il Salvagente ha girato il risultato delle analisi al produttore, la Pöschl Tabak, a cui ha anche rivolto alcune domande. “Il campione in questione è stato prodotto il 4 marzo 2011 e secondo i nostri rapporti interni - risponde Steffen König - ha lasciato i nostri stabilimenti nelle condizioni regolari e in linea con i nostri standard”. 


L’azienda: “Tutto ok”

Quanto al risultato delle analisi dalla Pöschl Tabak si tende a rassicurare: “I risultati di tutte le analisi condotte negli ultimi anni hanno mostrato che tutte le foglie di tabacco riportavano zero tracce di pesticidi o ben al di sotto dei limiti legali. Questo in accordo con i risultati riscontrati dal Salvagente sul primo campione. In aggiunta il secondo campione non mostrava alcuna traccia. Per questo non si può parlare di alcuna forma di contaminazione”. 


Ma i conti non tornano

“Il tabacco utilizzato per tutti i nostri blend - prosegue il dottor König - proviene da tutte le parti del mondo e le migliori provenienze includono i tabacchi coltivati dagli Indiani d’America. In generale le foglie di tabacco vengono trattate con sostanze agrochimiche consentite e sempre nei limiti previsti dalla legge”.
L’azienda dunque nega che ci sia stato alcun problema, ma al Salvagente i conti non tornano. A cominciare dal fatto che in Italia quelle sostanze riscontrate non sono ammesse nella coltivazione del tabacco.



Ultimo aggiornamento: 02/08/12


Permalink

QUERELA CONTRO EQUITALIA, POSTE ITALIANE, ED ALTRI di Orazio Fergnani .... con preminenza del diritto di cronaca.

QUERELA CONTRO EQUITALIA, POSTE ITALIANE, ED ALTRI di Orazio Fergnani  .... con preminenza del diritto di cronaca.

 

ROMA, 31/07/2012

Al Comando stazione dei Carabinieri

SEDE

Alla   Procura Della Repubblica  Competente

 

E, p.c.  Ad  Altri

 

 

QUERELA/DENUNCIA  CONTRO :

1)                  Il Direttore dell'Agenzia delle Entrate e Presid. di Equitalia S.p.A sig.r Massimo Romano;

2)                  Il Direttore dell'Agenzia delle Entrate Presidente di Equitalia S.p.A sig.r Attilio Befera (dal 2008).

3)                  Il Vice Presidente  Equitalia sig.r Antonio Mastrapasqua;

4)                  Il direttore generale di Equitalia sig.r Marco Cuccagna;

5)                  Il Vice Direttore Generale di Equitalia sig.r Luciano Mattonelli;

6)                  Il Vice Direttore Generale di Equitalia sig.r Renato Raffaele Vicario;

7)                  L’Amministratore Delegato di Equitalia nord sig.r Giancarlo Rossi;

8)                  L’Amministratore Delegato di Equitalia centro sig.r Antonio Piras;

9)                  L’Amministratore Delegato di Equitalia sud sig.r Benedetto Mineo;

10)              I ministri delle finanze succedutisi a partire dall’emissione di sentenze in merito fin dal 2009 fra

cui il sig.r Mario Monti, il sig.r ;Grilli per non aver revocato la concessione statale pur dopo le palesi violazioni di legge costantemente sanzionate;

11)              I ministri dello sviluppo economico succedutisi a partire dall’emissione di sentenze in merito fin

dal 2009, fra cui il sig.r Corrado Passera per non aver revocato la concessione statale pur dopo

le palesi violazioni di legge costantemente sanzionate;

12)              tutti i dirigenti del consiglio d’amministrazione di Poste Italiane S.p.A., fra cui il sig.r Giovanni

Ialongo e il sig.r Massimo Sarmi per non aver sospeso il servizio di consegna pur dopo

le palesi violazioni di legge costantemente sanzionate;

13)              titolari di agenzie recupero credito adottanti procedure postali per notificare cartelle esattoriali;

14)              ed eventuali altri, secondo il ruolo ed il grado di responsabilità risultante dalle indagini.

 

Per le ipotesi dei reati p. e p. dagli articoli:

1)                  Concorso formale in reato continuato (art.81 c.p.);

2)                  Pene per coloro che concorrono nel reato (art.110 c.p.);

3)                  Circostanze aggravanti (art.112 c.p.);

4)                  Peculato (art.314 c.p.);

5)                  Corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio (art.319 c.p.);

6)                  Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio (art.320 c.p.);

7)                  Abuso d’uffico (art.323 c.p.);

8)                  Omissione di atti d’ufficio (art.328 c.p.);

9)                  Frode nelle pubbliche forniture (art.356 c.p.);

10)              Istigazione a delinquere (art.414 c.p.);

11)              Istigazione a disobbedire alle leggi (art.415 c.p.);

12)              Associazione a delinquere (art.416 bis);

13)              Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.476 c.p.);

14)              Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.479 c.p.);

15)              Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.481 c.p.);

16)              Falsità commesse da pubblici impiegati incaricati di un pubblico servizio (art. 493 c.p.);

17)              Turbata libertà dell’industria o del commercio (art.513 c.p.);

18)              Furto (art.624 c.p.);

19)              Rapina (art.628 c.p.);

20)              Estorsione (art.629 c.p.);

21)              Truffa (art.640 c.p.);

22)              Usura (art.644 c.p.);

23)              Appropriazione indebita (art.646 c.p.);

24)              Abuso della credulità popolare (art.661 c.p.);

25)              Ed eventuali altre fattispecie di reato che venissero rilevate nel corso delle indagini.-

 

LUOGO DI COMMISSIONE : Tutto territorio nazionale
TEMPO DI COMMISSIONE : Reati in corso di esecuzione;

Arresto obbligatorio in flagranza

1. Gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria procedono all'arresto di chiunque colto in flagranza di un delitto non colposo, consumato o tentato, per il quale la legge stabilisce la pena dell'ergastolo o della reclusione non inferiore nel minimo a cinque anni e nel massimo a venti anni.

 

2. Anche fuori dei casi previsti dal comma 1, gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria procedono all'arresto di chiunque è colto in flagranza di uno dei seguenti delitti non colposi, consumati o tentati:

 

a) delitto di furto, quando ricorre la circostanza aggravante prevista dall'articolo 4 della legge 8 agosto 1977 n. 533 o taluna delle circostanze aggravanti previste dall'articolo 625 comma 1 numeri 1, 2 prima ipotesi e 4 seconda ipotesi del codice penale (1);

 

b) delitto di rapina previsto dall'articolo 628 del codice penale e di estorsione previsto dall'articolo 629 del codice penale;

 

c) delitti commessi per finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine costituzionale per i quali la legge stabilisce la pena della reclusione non inferiore nel minimo a cinque anni o nel massimo a dieci anni;

 

d) delitti di promozione, direzione, costituzione e organizzazione della associazione per delinquere prevista dall'articolo 416 commi 1 e 3 del codice penale, se l'associazione è diretta alla commissione di più delitti fra quelli previsti dal comma 1 o dalle lettere a), b), c), d), f), g), i) del presente comma.


Persone offese:  la Repubblica italiana, tutti i Cittadini italiani, tutti i Contribuenti italiani

 

Questa è l’ennesima analisi/denuncia/querela esaminata in relazione alla assoluta ed inarrivabile truffa messa in atto dal mondo bancario ed affini  a danno dello Stato e dei cittadini.

 

 

PREMESSE LEGISLATIVE

Costituzione italiana artt. 23 – 24 – 25 – 27 – 28 – 53 – 54;

Codice civile - requisiti onorabilità/moralità – artt. 2382/2387

I FATTI

Una recente sentenza del 26 giugno 2012 ha riesumato un vecchio orientamento giurisprudenziale che sostiene la nullità delle cartelle esattoriali e delle multe che Equitalia invia a mezzo posta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

 

La Commissione  Tributaria Provinciale di Milano n.75/26/11 per di più è giunta alla conclusione che una iscrizione ipotecaria è illegittima se Equitalia non dimostra la corretta notifica di tutte le cartelle esattoriali per cui procede.

 

Tale prova si ottiene solo con l’esibizione in giudizio, delle copie delle cartelle insieme alle rispettive relate di notifica da parte del concessionario della riscossione.

 

Con la citata sentenza i giudici affermano che se il contribuente eccepisce in giudizio la mancata notifica delle cartelle, l’onere di produrre gli atti precedenti l’iscrizione ipotecaria, ossia le cartelle esattoriali e le relative relate ricade in capo al concessionario.

 

La sentenza trova un senso pratico e giuridico se si considera che il concessionario della riscossione in genere si limita a produrre in giudizio solamente le relate di notifica (oppure le ricevute di ritorno delle cartelle spedite per posta), senza tuttavia produrre in giudizio copia degli atti.

 

Ebbene, tale comportamento se da una parte prova la ricezione di “un atto” … dall’altra parte non prova assolutamente il contenuto dell’atto stesso.

In realtà la sentenza rinnova un orientamento già espresso in passato con la seguente giurisprudenza :

 

-          Sentenza n. 40/01/10  della Commissione Tributaria Provinciale di Parma;

 

-          sentenza n.559/10 del Giudice di Pace di Campi Salentina;

 

-          sentenza n.133/2012 della Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso;

 

-          sentenza n.4486 del Giudice di Pace di Genova .

- Sent. CTP di Milano 68.2.12 La cartella va prodotta in giudizio

-          Sent. CTP di Bari n.51.02.12 Notifica Cartella

-          Sent. CTR di Venezia n18.7.10 Cartella e calcolo interessi

-          Sent. CTP di Parma n.15.07.10 Onere di produrre la cartella

 

- Sent. CTP di Milano n.306.23.11 Valenza dei documenti in copia

-          Sent. CTP di Milano n. 03.25.11 Cartella esattoriale per posta

 

-          Sent. CTP Lecce n.197.05.11- cartella per posta

 

-          Sent. CTP Taranto n 470 05 2010 del 15.04.2010 - Cartella per posta

 

-          Sent. CTP Milano n.264 del 14.6.10 - Cartelle nulle per posta

 

- Sent. Tribunale Udine n. 1183.09 - Cartelle nulle per posta

 

-          Sent. CTR Milano n. 61.22.2010 Vizio notifica cartella

 

-          Sent. CTP Genova n. 125.12.2008 notifica cartella inesistente

-          Sent. CTP Lecce n.909/05/2009 notifica cartella inesistente

 

 

In particolare con la sentenza n.133/2012 depositata lo scorso 11 giugno 2012 dalla Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso si afferma la totale nullità della cartella di pagamento notificata a mezzo posta e non di persona dall’ufficiale dell’ente di riscossione.

 

Ed infine il recepimento dell’orientamento in questione anche da parte del Giudice di Pace di Genova nella citata sentenza n.4486 del 26 giugno 2012 ha stabilito la nullità delle cartelle esattoriali notificate da Equitalia via posta senza il passaggio d un messo comunale o

 

ufficiale giudiziario … questo in ossequio al dettato dell’art.26, comma 1, del D.P.R. 602/1973 che si impone al concessionario di avvalersi dell’ausilio di uno dei soggetti indicati per effettuare le notificazioni delle cartelle esattoriali e delle multe.

 

Insomma ….. la notifica con raccomandata A/R effettuata da Equitalia senza il tramite degli ufficiali della riscossione o altri soggetti abilitati dal concessionario, dei messi comunali o degli agenti della polizia municipale… è causa di nullità della cartella esattoriale…

 

DI conseguenza ogni altro atto … fra cui l’iscrizione ipotecaria è illegittima se Equitalia non dimostra la corretta notifica di tutte le cartelle esattoriali per cui procede.

 

Tale prova si ottiene solo con l’esibizione in giudizio, da parte del concessionario della riscossione, delle copie delle cartelle insieme alle rispettive relate di notifica.


Sono queste le conclusioni a cui è giunta la Commissione Tributaria Provinciale di Milano (PDF Sent. CTP di Milano n.75/26/11; liberamente visibile qui nella Sezione Documenti), secondo la quale il concessionario e l’ente impositore “si riferiscono alla definitività di un atto prodromico (la cartella di pagamento) assunto divenuto definitivo senza produrlo e comprovarne la definitività nei riguardi del ricorrente”.

 

In pratica, i giudici evidenziano l’onere del concessionario di produrre in giudizio sia gli atti precedenti l’iscrizione ipotecaria (ossia le cartelle esattoriali) e sia le relative relate di notifica.

 

Solo in questo modo il concessionario può contrastare l’eccezione del contribuente che eccepisce in giudizio la mancata notifica delle cartelle.

 

Il più delle volte, invece, il concessionario si limita a produrre in giudizio solamente le relate di notifica (oppure le ricevute di ritorno delle cartelle spedite per posta) senza tuttavia produrre in giudizio copia degli atti.

 

Ebbene, tale comportamento se da una parte prova la ricezione di un atto dall’altra non prova assolutamente il contenuto dell’atto stesso.


Ciò è stato specificato a chiare lettere da numerose pronunce, tra cui è bene citare la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Parma n.40/01/10, quella della Commissione Tributaria Regionale di Roma n. 82/21/09 ed infine quella del Giudice di Pace di Campi Salentina n.559/10 (tutte visibili su http://www.studiolegalesances.it – Sez. Documenti).


In particolare, quest’ultima sentenza chiarisce espressamente che :

 

“l’Ente incaricato per la riscossione, ha sempre l’obbligo di produrre l’atto a cui si è fatto riferimento (nella specie la cartella esattoriale)”,

 

ed ancora, in riferimento alla contestazione del contribuente, specifica che :

 

“E’ come se il debitore cambiario, prima di pagare il credito vantato dal presunto creditore, chiede con diritto di essere posto a conoscenza del

titolo cambiario da lui sottoscritto in forma autografa ed il creditore che ne richiede il pagamento ha l’obbligo di esibire il titolo”.

 

Il Giudice di Pace, infine, in riferimento alla mancata esibizione della cartella, chiarisce ancora che :

 

“Tanto meno va considerata prova a tutti gli effetti la copia della cartolina di avvenuta notifica della cartella esattoriale, senza la produzione della cartella medesima…”.

 

Potrebbe esserci circostanza più chiara?….. NONOSTANTE TUTTO CIO’…..

Le agenzie delle entrate, e tutta la “filiera” di gestione del recupero del “Credito” continuano disinvoltamente ed ostinatamente a procedere “contra legem” e contro le sentenze, insensibili a qualunque richiamo e rampogna.

Una volta si faceva rispettare (come tuttora previsto da molte leggi dello Stato) e si richiedeva, il requisito di onorabilità a chi doveva svolgere un qualunque tipo di attività pubblica, in particolare quelle a contatto con la raccolta di denaro… come previsto dal TUB 385/93 e poi anche dal Decreto 30 dicembre 1998, n. 517 del Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica Articolo 1 - Onorabilità dei partecipanti al capitale di intermediari finanziari, ed anche Decreto 30 dicembre 1998 n. 516 del Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica Articolo 4 - Requisiti di onorabilità ….

 

E non ultimo il Codice civile art.2387 - Lo statuto può subordinare l'assunzione della carica di amministratore al possesso di speciali requisiti di onorabilità, professionalità ed indipendenza, anche con riferimento ai requisiti al riguardo previsti da codici di comportamento redatti da associazioni di categoria o da società di gestione di mercati regolamentati. Si applica in tal caso l'articolo 2382.

Resta salvo quanto previsto da leggi speciali in relazione all'esercizio di particolari attività.

 

Questo solo per citarne alcuni testi di legge …ma qui dove sono l’onorabilità e la morale?

Vale la pena di evidenziare il comportamento di Equitalia seguita costantemente ed imperterritamente senza il benchè minimo ondeggiamento a seguito dell’elenco (non esaustivo) delle sentenze sopra elencate come è facilissimamente dimostrabile verificando l’immenso lavoro svolto dai funzionari e dipendenti di Poste Italiane per conto di Equitalia…. In  pratica il 100% delle raccomandante recapitate da Poste Italiane S.p.A  è spedito da Equitalia ,ai malcapitati cittadini in palese violazione di legge, come innumerevoli volte sentenziato in tutta Italia…..

 

Il che tradotto in linguaggio volgare si potrebbe enunciare come : < Equitala continua a strafottersene beatamente degli obblighi di adeguamento imposti dalle sentenze … e da delinquenti impenitenti quali sono proseguono a vessare in maniera del tutto truffaldina, rapinatrice, estortiva ed usuraria  gli sventurati che le capitano a tiro…>.


Ci si augura, dunque, che la magistratura tutta prenda finalmente atto della sfrontatezza, dell’arroganza e della dell’assoluta illegittimità di comportamento di Equitalia che elude sistematicamente di uniformare il proprio comportamento al dettato ed all’obbligo imposto dalle citate sentenze…

 

Sarebbe ora che la “giustizia” incominciasse a far rispettare le sentenze …

sanzionando e punendo Equitalia e tutta la filiera della procedura a salire …. partendo dai responsabili del Ministero delle Finanze ….  ed a scendere fino all’ultimo partecipane….. i quali, al contrario di quanto imposto tramite reiterate sentenze  …in dispregio di queste e della Giustizia (in senso supremo e in senso pragmatico),….. continua Insieme a tutto il personale…. che vi compartecipa….. insolente ed  imperterrita nella sua illegale ed illegittima condotta operativa ed esecutiva.

 

Per tutte queste ragioni e motivi, e ricordo ancora il dettato della Costituzione artt. 23 – 24 – 25 – 27 – 28 – 53 – 54

 

 

CHIEDO


Valutare se si configurino le ipotesi di reato in in calce evidenziate e finora descritte, e di procedere per la penale punizione dei colpevoli, nonché preliminarmente,  richiedere gli opportuni sequestri di

documenti cartacei e telematici, azioni, partecipazioni, valori mobiliari e immobiliari, nonché crediti, ai fini di impedire la continuazione dei reati;

 

Sollecito pure l’esecuzione di opportune perizie per la conferma della qui fornita ricostruzione.

 

È anche vero che è possibile che alcune delle persone che concorrono alla commissione di questi reati non siano consapevoli di come funziona il sistema e del fatto che ciò a cui collaborano è illecito, e che quindi non siano punibili perché in buona fede.

 

Questo però non può valere per i denunciati in quanto  Ministri, Direttori generali, dirigenti, amministratori delegati….. I QUALI NON POSSONO AFFERMARE DI ESSERE IGNORANTI E QUINDI IN BUONA FEDE IN QUANTO SAREBBERO DOPPIAMENTE RESPONSABILI NEI CONFRONTI DELLA LEGGE, DEI CITTADINI E DELLA STORIA.

Ricordo, sottolineo ed enfatizzo ad uso di chi mi legge rammentando l’ obbligatorietà dell’azione penale in caso di evidenti violazioni di legge e l’altrettanto obbligatorio arresto in caso di

flagranza di reato, e qui se ne sono verificate a josa.

Ricordo altresì il giuramento prestato nei confronti della Legge, delle Istituzioni, della Repubblica, dello Stato, dei Cittadini italiani tutti e ….

SOPRATTUTTO DELL’ARTICOLO 54 DELLA COSTITUZIONE, A CUI I DENUNCIATI IN CALCE,

NEL LORO RUOLO E CARICA D FUNZIONARI DELLO STATO E/O CONCESSIONARI DELLO STATO FACENTI FUNZIONI DI PUBBLICI UFFICIALI… HANNO L’OBBLIGO DI RISPETTARE LE LEGGI OLTRE ALLE REITERATE SENTENZE EMESSE DA NUMEROSISSIMI TRIBUNALI DELLA REPUBBLICA ED UNIFORMARCISI…

…… Ed a cui l’operato di questo giudice altrettanto si deve uniformare e deve rispondere, e di cui noi cittadini a nostra volta saremo severi censori.

Si comunica infine che questa querela sarà ripresentate in tutte le Procure della Repubblica dove ci sarà possibile.

 

Chiedo quindi la punizione nei termini di legge per tutti i reati sopra contestati, e quant’altro ravvisabile nell’esposizione dei fatti a scaturenti dalle indagini, il ripristino della legalità, della giustizia e le più severe sanzioni e condanne previste dalla LEGGE.

 

Mi riservo inoltre di costituirmi parte civile nell’instaurando procedimento penale;

e, ai sensi dell’ex art. 408 c.p.p., chiedo di essere avvisato in caso di richiesta di archiviazione.

 

Distinti Saluti

Orazio  Fergnani.

Fonte: http://www.albamediterranea.org/index.php?option=com_k2&view=item&id=428%3Aquerela-contro-equitalia-poste-italiane-ed-altri-di-orazio-fergnani--con-preminenza-del-diritto-di-cronaca&Itemid=16


Permalink

Qualsiasi banchiere, ma anche qualsiasi bancario vi potranno dire che il denaro è debito...

Qualsiasi banchiere, ma anche qualsiasi bancario vi potranno dire che il denaro è debito e che quando una banca ti presta dei soldi, non ti dà qualcosa di solido, che esiste nella realtà, ma ti dà solo dei numeri, perché la banca possiede solo il 10% dei soldi che presta. Ora, se l'economia monetaria funziona così, il fatto che la Spagna abbia un problema di indebitamento per via dei troppi interessi da pagare, potrà essere risolto indebitandola ulteriormente creando nuovi interessi? Non è forse il sistema monetario che ha creato quella che in maniera errata chiamiamo crisi economica? Allora perché non scalziamo il sistema monetario? Perché mandiamo al potere quelli che affamano il mondo? In realtà non c'è una crisi, non c'è scarsità di risorse, l'aumento dei prezzi è fasullo. Faccio un esempio: telefonini se ne trovano fin che se ne vuole, non ha senso che i prezzi aumentino, la scarsità è generata dallo stesso sistema e i servizi al tg che fanno vedere la fila delle persone che vogliono acquistare un nuovo modello alimentano quest'assurdità, per farci credere che ci sia scarsità di quella risorsa e giustificarne il prezzo. Non ci sono soldi ti dicono e tu non capisci che magari non ci fossero soldi! significherebbe che non ci sono più debiti. I guru finanziari hanno reso fumosa la loro materia, in modo che la gente non possa capirla. Agli inizi del 900 per far funzionare una trebbiatrice ci volevano 11 persone e moltissime persone ci volevano per mietere il grano, oggi, con una mietitrebbia una sola persona fa il lavoro di 30. Ma siccome l'essere umano è fesso, invece di far sì che quelle 30 persone lavorassero un giorno al mese, abbiamo fatto lavorare per 30 giorni una sola persona e creiamo 29 disoccupati. La religione del lavoro, della moneta e del profitto di pochi fanno vivere male moltissima gente. E per portare avanti questo sistema tutti, quellidesinistra, quellidedestra, i sindacati, i preti, i guru, ti dicono che bisogna consumare. Se non cambiamo noi il mondo non cambia.

Fonte:
https://www.facebook.com/natalinobalasz/posts/466057216745771


Permalink

Scie chimiche subliminali - un'analisi dettagliata di una pubblicità

Benché le scie chimiche rientrino nella categoria delle leggende metropolitane per la maggior parte delle persone, e questo la dice tutta sul livello collettivo di consapevolezza oramai raggiunto, indice dell'ottima strategia di ipnosi di massa attuata da più di vent'anni a livello globale dagli illuminati (per chi non sapesse cosa siano le scie chimiche consiglio di visionare il sito www.tankerenemy.com) le scie chimiche continuano ad essere inserite nei numerosi spot pubblicitari, video giochi, cartoni animati, e così via...Perché? Perché la gente non deve sapere, la gente deve pensare che rientri tutto nella normalità, e che le scie rilasciate dagli aerei siano pura condensazione di cristalli d'acqua. Ve lo fanno vedere in modo subliminale e non sussiste il problema. Vi abituano nella psiche, un pò per volta...

Se non ci credete guardate quest'auto, e poi il video http://www.youtube.com/watch?v=MRWJ1HjpcsU , vedrete le famigerate scie chimiche nello specchietto e in altre parti della pubblicità.

link correlato:
http://actu-chemtrails.over-blog.com/article-chemtrails-subliminaux-14-107383518.html

Fonte: http://subliminal-chemtrails.blogspot.it/2012/07/scie-chimiche-subliminali-unanalisi.html


Permalink

Basta con queste solite testate giornalistiche, che sono come un copia ed incolla...

Da tempo stavo pensando come unire l'informazione in un solo sito, dove l'utente ha la Libertà di scegliere e cercare l'informazione per lui più veritiera o adatta.

Basta con queste solite testate giornalistiche, che sono come un copia ed incolla... tutte le news vengono pubblicate allo stesso momento e uguali, non ci sono sfumature e neanche vogliono darci la possibilità di sfumare.

La libertà di pensiero e di espressione non esiste visto che ad ogni cosa si dà un peso differente, e allora che ho deciso di mettere tutto assieme, unire le solite testate giornalistiche con i blog e/o editoriali presenti nel web.

Se avete BLOG o EDITORIALI o altro ancora e volete che le vostre news vengano direttamente inserite nella categoria da me pre-impostata, contattatemi con il link del vostro servizio RSS!!

Sò che come tutte le cose innovative e FUORI DAGLI SCHEMI, non verrà presa sul serio, come già ho potuto vedere con il servizio SOCIAL VOTING SYSTEM!!

Ma ci si può provare no? :D

LiberaMenteMimmo


Permalink

Melania Rea e gli intrecci tra massoneria deviata e satanismo

29/07/12 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Novità della Revolucion, NWO

-R.C.- 24 luglio 2012- “Qualcosa di brutto è uscito dalla caserma”. E’ Lo stesso Salvatore Parolisi ad accennarlo agli inquirenti, “qualcosa di brutto” di cui Melania avrebbe pagato le conseguenze. Dichiarazione che andrebbe a suffragare l’ipotesi di Paolo Ferraro, il magistrato che per primo ha denunciato una fitta rete di intrecci tra sesso e massoneria che gravita all’interno delle caserme militari, riti che avrebbero lo scopo, attraverso l’ipnosi e la somministrazione di sostanze stupefacenti, di annullare la volontà dei neofiti da iniziare. Melania potrebbe essere stata coinvolta in questi riti, o anche soltanto aver scoperto quello che il marito praticava e comunque ne è uscita morta. Il magistrato, già dal maggio 2008 si era reso conto degli strani movimenti che avvenivano nel contesto della cittadella militare, di conseguenza aveva fatto piazzare cimici e microcamere nei punti strategici, soprattutto in una stanza dove presumeva si tenessero gli incontri. Il risultato? Un filmato inequivocabile: una stanza semibuia nella quale si muovono figure indistinte, sussurri, gemiti e lamenti. Vengono intonati canti medioevali, secondo Ferraro, tipici di questi riti massonico-militari. Poi una frase, una voce femminile “Ah, lascia stare, Sado bello, rimani capo”, seguita da comandi incomprensibili, porte che cigolano e sbattono. Paolo Ferraro ha prodotto tutto questo, non solo non è stato creduto, è stato sospeso, proposto per un trattamento sanitario obbligatorio, ha subito minacce e attentati. Quali poteri si è permesso di scalfire, e perché questa reazione dal momento che la sua inchiesta è stata definita “farneticante”? L’indagine di Ferraro è giunta a Melania Rea, per quale motivo? Il magistrato, suffragato dal Gip Giovanni Cirillo, è convinto che la donna avesse scoperto questo tipo di pratiche che avvenivano proprio nella caserma del marito, o addirittura ne fosse stata vittima. Tale convincimento trova riscontro dalla testimonianza di Imma Rosa, la migliore amica di Melania, che aveva raccolto gli sfoghi di una moglie delusa, tradita e, soprattutto, impaurita. La verità di Ferraro è una, Parolisi apparterrebbe ad una organizzazione-setta fondata da un ufficiale americano, il tenente colonnello Michael Aquino, esperto in psicologia operativa legata al progetto Monarch del programma MK-UlTRA, creato dai servizi segreti americani con lo scopo di annullare la volontà dei soggetti operativi al soldo delle potenze nemiche. Pertanto Parolisi sarebbe stato l’esecutore materiale dell’omicidio di Melania, un tassello di un’intricata vicenda dalla dinamica ben più complessa. Paolo Ferraro non ha mai conosciuto Melania Rea, però è certo di averla vista in procura, mentre usciva dalla stanza di un suo collega che stava tenendo d'occhio per via di storie che avevano a che fare con massoneria deviata e logge segrete. Perché la presenza della donna alla procura di Roma, così distante da dove viveva? Forse per denunciare gli abusi che avvenivano nella caserma di Ascoli Piceno, i festini, le orge, l’uso di droghe e le violenze sulle giovani reclute? Un protocollo appunto legato al progetto Monarch, fatto di addestramento e manipolazione mentale. Secondo Ferraro la sfortuna di Melania sta nell’aver incontrato proprio quel magistrato vicino alla massoneria deviata, che tentò di dissuaderla, ma vedendola così determinata ad andare fino in fondo, non gli rimase altro che avvisare i responsabili della setta, condannandola praticamente a morte. C’è un ultimo macabro particolare ed è legato al cadavere di Melania Rea, il corpo è stato ritrovato dissanguato. Nei rituali cruenti, propri del satanismo, le vittime vengono dissanguate e il sangue fatto colare su una specie di altare: un sacrificio riparatorio. SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK DI ARTICOLOTRE.COM !!

Fonte: http://www.articolotre.com/2012/07/melania-rea-e-gli-intrecci-tra-massoneria-deviata-e-satanismo/100402


Permalink

DOMANI 28 LUGLIO - INVASIONE SPIAGGE 2.0 · Creato da Riprendiamoci Le Spiagge

28 LUGLIO - ORE 15.00 STAZIONE LIDO CENTRO
Seconda invasione del litorale romano dopo il 7 Luglio: http://www.youtube.com/watch?v=1Jm3_GmeqpI

CASTEL PORZIANO NON SI TOCCA!
PER IL LIBERO E GRATUITO ACCESSO ALLE SPIAGGE
CONTRO IL LUNGOMURO & IL BANDO SPIAGGE

Appuntamento ore 15.00 
Stazione Lido Centro (Trenino Roma-Lido)
#Ore 14.00 punta intermedia stazione Piramide
-----------------------------------------------

 


APPELLO/INCHIESTA:

Sole, mare, musica, divertimento. D’estate il litorale romano sembra trasformarsi in un enorme parco divertimento, aperto ai turisti occasionali e a quelli che ormai non lo sono più. Durante il fine settimana le strade di Ostia si riempiono con lunghe file di macchine, provenienti soprattutto dal centro di Roma, e la sera si scatena la movida diventata centro di polemiche e di un esagerato controllo da parte delle forze dell’ordine, tanto che se posi uno zaino per terra la polizia potrebbe fermarti e perquisirti per un controllo di “normale routine”.

Ma dietro i locali e i ristoranti lavorano molte persone, ragazzi e ragazze, uomini e donne. Le loro condizioni di lavoro e di vita non sono altro che il paradigma di una crisi economica e sociale che colpisce soprattutto la fascia più debole e povera della popolazione.

VITE PRECARIE SUL LITORALE ROMANO

Il signor G., 31 anni, lavora da dieci anni presso il ristorante di uno stabilimento che è iscritto come “associato” all’Assobalneari Roma. Intervistato dopo il suo turno di lavoro, racconta:

- In dieci anni che lavoro in quel ristorante non ho mai avuto un contratto regolare e quei pochi contratti che mi hanno fatto erano a chiamata.

Svolge anche un secondo lavoro?

- Quello del ristorante per me è un lavoro stagionale. Quando chiude alla fine di ottobre mi devo ingegnare e trovare qualche altro lavoro che copra i tre-quattro mesi di chiusura del ristorante.

L’anno scorso, per esempio, che tipo di lavoro è riuscito a trovare?

- Sono riuscito a trovare un lavoro presso un discount di Ostia, come pizzicagnolo. La paga era modesta ma non mi potevo lamentare. Ho provato a chiedere al mio capo di mettermi in regola, così avrei smesso di lavorare al ristorante. Ma lui non ha voluto. Quando hai 31 anni sei già vecchio per loro e troppo esigente. Preferiscono prendere ragazzi giovani perché sono più sfruttabili e non sono troppo esigenti.

Che cosa è successo poi?

- Dopo tre mesi me ne sono andato e sono ritornato , come sempre, al ristorante per iniziare la stagione invernale. Non avevo tempo di trovare qualche altro lavoro, mi servivano soldi. Ad un certo punto non sono più riuscito a pagare l’affitto ed io e la mia compagna siamo tornati a vivere dai rispettivi genitori. È stressante vivere così, cambiare sempre lavoro, non avere stabilità.

Una giovane ragazza F., 19 anni, anche lei lavoratrice presso uno stabilimento, risponde così alla domanda sulla frequenza dei controlli della guardia di Finanza :

- La guardia di Finanza passa ogni tanto sul lungo mare a fare dei controlli. Un mio amico che lavora presso piazza Anco Marzio non li vede passare quasi mai invece. Ma non ti credere che cambi qualcosa dopo il loro passaggio. Io sono ancora qui che lavoro in nero e ti dirò di più. Proprio una settimana fa alcuni uomini della guardia di Finanza sono venuti a mangiare nel ristorante dove lavoro.

Tutti pensavamo che fosse un escamotage per fare poi dei controlli, ma niente di tutto questo. Sono venuti, hanno mangiato, si sono beccati lo sconto e se ne sono andati.

PRIVATIZZAZIONI: LA SVENDITA DI CASTEL PORZIANO

Il lungomare romano non è solo lo scenario di lavoro in nero e di uno sfruttamento radicato ormai da troppi anni ma è anche teatro di speculazioni e privatizzazioni che colpiscono non solo le spiagge ma anche il territorio limitrofo. Dopo la discussione sul progetto Waterfront e sui bandi delle spiagge , arriva fresca fresca la notizia di un ulteriore privatizzazione che colpirebbe la spiaggia di Castel Porziano, uno degli ultimi baluardi dell’accesso libero sulle spiagge del litorale romano. Questa volta l’acquirente sarebbe l’associazione Pro Locum Ostium Paradise Beach, autorizzata dall’ufficio delle dogane a posizionare su un area di circa 12.000 mq un chiosco di circa 100mq, circa 13 cabine standard e 2 cabine per disabili.

DIRITTI & DOVERI

Sarebbe nostro diritto avere libero accesso alle spiagge, avere un lavoro in regola, non essere sfruttati, né tantomeno truffati dai vari stabilimenti, che a loro piacimento alzano o “abbassano” i prezzi. Anzi, ora che la crisi cominciano a sentirla pure loro, si sono ingegnati con super offerte formato famiglia o con annunci su e-bay per svendere o vendere a buon prezzo cabine e quant'altro.

È un nostro diritto e dovere proteggere il territorio in cui viviamo da chi vorrebbe trasformalo in un enorme vetrina, piena di strutture e svaghi per turisti benestanti ma dannosi e inutili per chi quel territorio se lo vive tutti i giorni e vorrebbe cambiarlo secondo un progetto di riqualificazione non solo materiale ma anche e soprattutto sociale.

Il 7 luglio abbiamo invaso le spiagge, ci siamo ripresi il diritto di accedere gratuitamente al mare, ci siamo mostrati alla gente per quello che siamo: un gruppo di studenti e studentesse, precari e precarie che, con tanto di ciambelle e materassini, hanno voluto dire il loro NO alle privatizzazioni, allo sfruttamento, alla speculazione e al progetto di generale sotto-sviluppo promosso dai "poteri forti" del XIII Municipio.

28 LUGLIO INVADEREMO NUOVAMENTE LE SPIAGGE

Il 28 luglio ci rivedrete invadere le spiagge perchè il mare è un bene comune da difendere. Tante sono le segnalazioni che ci sono arrivate nelle ultime settimane sui sopprusi dei balneari. Tante sono le storie di ragazzi e ragazze che vengono sfruttati e sottopagati sotto il sole dell'estate romana. Invaderemo le spiagge anche per dire che Castel Porziano non si tocca e che il bando spiagge della giunta vizzani deve essere ritirato. Appuntamento ad Ostia ore 15.00 stazione lido centro (Trenino Roma-Lido) per riprendersi le spiagge.

Link EVENTO FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/368413129893814/


Permalink

Paolo Ferraro SPECIALE Intervista zonedombratv ed audio Cecchignola

Questa intervista rivisitata, implementata e rielaborata è dovuta alla intelligenza e sensibilità dei due operatori della ZonedombraTV , Costituisce una prova culturale e storica e un pezzo del progetto che stiamo costruendo . Invito chiunque vi acceda a diffonderla e a replicarla in ogni canale, sito, blog . Rispetto alla versione originale diamo conto della specifica portata delle prove audio e diamo un segnale politico più meditato e mirato . Chiunque voglia approfondire ha in mano molti altri strumenti, di seguito indicati, ma noi pensiamo che insieme alla conferenza di RESANA ed alla conferenze " da Dallas alla Morvillo Falcone di Brindisi " questa intervista completi un trittico che pone le basi di un grande movimento di liberazione di portata storica. Una svolta epocale fondata sulla prova concreta di ciò che è stato ordito e comunque praticato in questi ultimi sessanta anni, con matrici che affondano molto oltre .
http://www.youtube.com/watch?v=sM3WNXoqQBQ&feature=player_detailpage

Visitate i blogs e canali video .BLOG DEL CDD
http://www.paoloferrarocdd.blogspot.it/ ( con bottoni link a tutta le ricerche in rete )
http://www.paoloferrarocdd.altervista.org/ ( SITO NUOVO LEGGERO RAPIDO ACCESSO
PAGINE SCOOP COLLEGATE
http://www.scoop.it/t/paolo-ferraro-magistrato-cdd
http://www.scoop.it/t/cdd
http://www.scoop.it/t/cdd-comitato-difendiamo-la-democrazia
http://www.scoop.it/t/cdd-storia

LA GRANDE DISCOVERY CDD (memoriale completo, link ipertestuali, video audio, ivi compresa banca dati progetto MK- ULTRA )
http://paoloferrarocddgrandediscovery.blogspot.it/
http://paoloferrarocddgrandediscovery.blog.com/
http://www.123homepage.it/paoloferrarocddgrandediscovery

CANALI VIDEO CDD
http://www.youtube.com/user/CDDpaoloferraro/videos
http://www.youtube.com/user/paoloferraroCDD/videos
https://vimeo.com/user8636535/videos

VIDEOCONFERENZA PERMANENTE ( iscrizione gratuita da Fb od altro )
http://www.so.cl/#/party/9122?f=link&i=1CCL.kt7uaMBxw60u&r=1&n=CDD

SU FB
https://www.facebook.com/PAOLOMAG
http://www.facebook.com/PAOLOFERRARODUE
http://www.facebook.com/PaoloFerraroTre

GRUPPOhttps://www.facebook.com/groups/CDDComitatodiCoordinamentoDifendiamolaDemocra...

PAGINA PRINCIPALE
https://www.facebook.com/pages/CDD-Comitato-Difendiamo-la-Democrazia/22026478...
MAIL ccdd.difendiamolademocrazia@gmail.com
MAIL2 pafer3@libero.it
CELLULARE 3929069339
INDIRIZZO SKYPE paolo.ferraro65
INDIRIZZO ooVoo paoloferraro

E sul sito l'invito ad una grande mobilitazione e diffusione e la messa a disposizione di una serie di strumenti che ci consentono di perforare la trama di silenzio ed occultamento, ineluttabilmente . Siamo dalla parte della ragione e della umanità e stiamo per vincere . Beppe, Paolo , Roberto, Giulietto, Paolo e molti altri UNITI vinceranno e con essi un popolo che non piega e non ha nonostante tutto piegato la testa e venduto la sua dignità .


Permalink

NON TI FAR FREGARE DAI MESSAGGI SUBLIMINALI - LIBERAMENTESERVO.IT

18 luglio 2012 - Ecco perche' nessuno fa caso a quello che sta succedendo sopra le nostre teste. Ci bombardano di messaggi subliminali attraverso i media rendendoci sterili e abituando le nostre menti ad avere una visione distorta della realta'... guardatevi attentamente il video e incomincerete ad aprire gli occhi!!!

 


SEGUITECI SU FACEBOOK!!!


NON TI FAR FREGARE DAI MESSAGGI SUBLIMINALI





Video Youtube
Durata: 15':09"
Data: 23 agosto 2011
CanaleMariusdim


Un vero attacco contro l'umanità. Con questo documentario vengono mostrate, in modo semplice e amatoriale, evidenze a noi sconosciute.

Ci siamo lasciati con la domanda: "Come mai la gente non ci fa caso? Perché la gente non si accorge di quello che stanno combinando sopra le nostre teste?".

Purtroppo la risposta, la chiave, è nei "MESSAGGI SUBLIMINALI" ...


Link Attivoterrarealtime.blogspot.it
+ Principali categorie correlate su LiberaMenteServo.it:

 

 

 


Permalink

M.E. S.ento na merda sapendo che hanno approvato il M.E.S!!

LA NUOVA DITTATURA ECONOMICA!! (video con audio un pò basso)

19 luglio 2012, la Camera ha approvato il Meccanismo Europeo di Stabilità.

http://www.camera.it/320?comma=1

 

Stiamo per entrare in una dittatura economica mentre i telegiornali ci parlano del bikini della Minetti.

 

Per sapere con precisione cosa sia il MES, cliccate qui.

http://lalternativaitalia.blogspot.it/2012/02/monti-sta-per-firmare-un-trattato.html

 

Vi invitiamo a divulgare questa notizia prima che sia troppo tardi, grazie.

 

Ringrazio il blog L'ALTERNATIVA per le info fornite.

http://lalternativaitalia.blogspot.it/

 

LiberaMenteMimmo

 


Permalink

Di Lello: «Lo Stato tiri fuori l’agenda rossa di Borsellino»

Scritto da Fabrizio Colarieti

Mercoledì 11 Luglio 2012

«Lo Stato tiri fuori l’agenda rossa di Paolo Borsellino, solo così potrà recuperare credibilità». A parlare è Giuseppe Di Lello Finuoli, ex giudice istruttore e parlamentare, nel ’83 chiamato da Antonino  Caponnetto a far parte del pool di Palermo dopo l’uccisione di Rocco Chinnici. Insieme a Leonardo Guarnotta, attuale presidente del tribunale di Palermo, Di Lello è l’unico testimone ancora in vita della stagione che li vide in prima fila nella lotta a Cosa nostra, gomito a gomito con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Cosa ricorda di quegli anni, quando nacque il pool e lavorò al fianco di Falcone e Borsellino?

«Quando Gaetano Costa e Rocco Chinnici (entrambi vittime di mafia, ndr) cominciarono seriamente a indagare su Cosa nostra, ci si rese conto che in realtà era un fenomeno abbastanza perseguibile, cioè non era quel mostro sconosciuto e impenetrabile cui si faceva spesso riferimento. Ma le grandi intuizioni, quelle che cambiarono l’approccio, furono quelle di Giovanni Falcone. Mi riferisco al fatto di andare a guardare dentro le banche, di utilizzare le intercettazioni, di avviare rapporti con gli altri organi inquirenti. Era un innovatore, e il suo modo di indagare fu dirompente. Fino a quel momento a Palermo non c’era stata una magistratura credibile, ma Falcone aveva la fama di essere un giudice bravo, uno di cui ci si poteva fidare. Sono entrato nell’ufficio istruzione nell’82, c’erano già Falcone e Borsellino, il pool nacque con la morte di Chinnici, strutturalmente venne messo in piedi da Caponnetto. E anche la sua fu una grande intuizione: far lavorare insieme i giudici asse-gnatari di processi contro la mafia, per costruire un unico grande processo. Nacque così il pool che era composto da Falcone, Borsellino e me, poi arrivò Guarnotta, e noi quattro istruimmo i primi grandi processi contro Cosa nostra».

Che clima c’era a Palermo in quegli anni?

«Il clima era di grandissima collaborazione, a capo della Procura c’era Vincenzo Pajno, e a capo dell’ufficio istruzione c’era Caponnetto, e loro due andavano abbastanza d’accordo. Tra di noi c’era una grande collaborazione, basata su stima e fiducia reciproca, e con la Procura non ci furono mai grandi tensioni».

E con la politica?

«Fino a quel momento la politica, in Sicilia, non era stata mai disturbata, dunque i primi segnali vengono con l’incriminazione di Vito Ciancimino, in primis, e poi dei cugini Ignazio e Antonino Salvo, che erano i terminali degli andreottiani, mentre Ciancimino lo era della mafia. Era la Dc che contava veramente a Palermo e in Sicilia e il fatto che il pool mirasse a loro spaventò molto, perché non erano abituati a essere disturbati a quel livello. Ci fu una reazione molto ben orchestrata, anche a livello di governo, imperversava il Caf, e diventammo il loro bersaglio principale, perché mettevamo in crisi l’economia, insieme alla primavera di Leoluca Orlando che in quel periodo si stava sviluppando. Un’azione politica condotta anche sui i giornali, quello di Montanelli, un po’ anche il Corriere della Sera e Il Giornale di Sicilia. Erano tutti molto critici nei nostri confronti, “questi giudici che mettono in pericolo anche i loro coinquilini e la pace della città”. Un livello un po’ meschino».

Che idea si è fatto sul delitto di Salvo Lima?

«Lima era riconosciuto come il referente andreottiano, il principale referente di Giulio Andreotti in Sicilia, e anche il referente di ambienti mafiosi. Credo che lui avesse lucrato sui voti mafiosi e anche un po’ millantato questo suo potere, suo e degli andreottiani, perché mai avrebbero pensato che poi ci sarebbe stato un processo che addirittura arrivava in Cassazione e incastrava definitivamente molti boss mafiosi. Forse avevano dato all’esterno rassicurazioni inesistenti, sulla sorte di questo processo e quando le sentenze vennero confermate in Cassazione la mafia si scatenò contro di loro, contro i suoi referenti politici che aveva sottomano, quindi ammazzò Lima e uno dei cugini Salvo».

E della trattativa Stato-Mafia?

«Non c’è dubbio che alcuni pezzi dello Stato avranno tentato di trattare, adesso non so in quale misura, però non c’è neanche dubbio che tutto sommato lo Stato ha retto, perché alla fine di questa trattativa, che mirava a indebolire il regime sanzionatorio, di fatto si sono ritrovati con il 41bis addirittura stabilizzato per legge, quindi questa trattativa non c’è mai stata, almeno in termini ufficiali».

Qual è la sua opinione su Massimo Ciancimino?

«Un pentito deve essere attendibile sempre, non part time, a volte sì e altre no. Non si può fare antimafia dando credito a uno come Ciancimino».

Che ricordi ha di Falcone e Borsellino?

«Lavoravamo tutto il giorno insieme, c’era un legame di amicizia personale, familiare, molto forte. Falcone era un personaggio che non veniva scalfito da nessuna accusa, si riteneva un vincente e non c’è dubbio che lo fosse, perché era l’unico in Italia che poteva alzare il telefono e parlare con l’Fbi, con gli investigatori più importanti del mondo e avere una risposta. Borsellino era un po’ il complemento di Falcone, era un uomo dello Stato fino in fondo. Non si sarebbero mai tirati indietro, per nessun motivo, tant’è che sono stati ammazzati».

La morte di Borsellino è legata alla trattativa?

«Questo è difficile dirlo. Dico solo una cosa: se lo Stato vuole fare lo Stato ed essere credibile, cominci a tirare fuori l’agenda rossa di Borsellino, per esempio. Non l’ha presa il primo che passava, se la sono presa, come si sono presi i documenti dalla cassaforte di Carlo Alberto Dalla Chiesa, come quelli trafugati dal covo di Totò Riina, come le agende di Falcone. Tutta una serie di acquisizione di dati. Non sono un complottista però credo che una parte dei Servizi in questo Stato non sono mai stati fedeli ad esso, ma fedeli solo a se stessi, al loro potere interno, tant’è che la politica è stata sempre succube di questi personaggi».


*dal settimanale N.27

Permalink

Pages: << 1 ... 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 ... 32 >>

TRADUCI IL SITO

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro).

OFFICIAL CHAT R-EVOLUCION2010

NEWSLETTER


Strict Standards: Declaration of whosonline_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/_whosonline.plugin.php on line 125

Who's Online?

  • Guest Users: 4

Strict Standards: Declaration of ItemTypeCache::get_option_array() should be compatible with DataObjectCache::get_option_array($method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemtypecache.class.php on line 179

More views

XML Feeds


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
free counters

Revolucion2010 YouTube


Strict Standards: Declaration of flash_tag_cloud_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/flash_tag_cloud_plugin/_flash_tag_cloud.plugin.php on line 327

Banner

il prigioniero news


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
powered by b2evolution blog software

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Non-static method Hitlist::dbprune() should not be called statically in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_misc.funcs.php on line 248