Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Strict Standards: Declaration of UserSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Strict Standards: Declaration of UserSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of BlogCache::get_option_list() should be compatible with DataObjectCache::get_option_list($default = 0, $allow_none = false, $method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blogcache.class.php on line 355

Strict Standards: Declaration of Blog::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Blog::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Skin::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/skins/model/_skin.class.php on line 608

Strict Standards: Declaration of CollectionSettings::_load() should be compatible with AbstractSettings::_load($arg1 = NULL, $arg2 = NULL, $arg3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_collsettings.class.php on line 164

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Strict Standards: Declaration of ItemListLight::query() should be compatible with Results::query($create_default_cols_if_needed = true, $append_limit = true, $append_order_by = true, $query_title = 'Results::Q...') in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemlistlight.class.php on line 48

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php:54) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_template.funcs.php on line 59

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Strict Standards: Declaration of google_webmaster_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/google_webmaster_plugin/_google_webmaster.plugin.php on line 83

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236
NO ALLA DISINFORMAZIONE "MANIPOLATA" - R-Evolucion 2010
Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
  • Home

  • Strict Standards: Declaration of User::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::dbdelete() should be compatible with DataObject::dbdelete() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551
  • Contact
  • Gallery
  • Log in
  • Latest comments


Strict Standards: Declaration of GenericCategoryCache::clear() should be compatible with DataObjectCache::clear($keep_shadow = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategorycache.class.php on line 49

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of GenericCategory::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategory.class.php on line 45

Strict Standards: Declaration of Chapter::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/chapters/model/_chapter.class.php on line 38
Equitalia non paga la bolletta, l’Enel stacca la luce


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

(22 novembre 2011) LECCE- Equitalia, la società per azioni, a totale capitale pubblico, incaricata dell’esercizio dell’attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi, sembra che non abbia pagato la bolletta della luce. Risultato? L’Enel ha provveduto a staccarla.

Equitalia-Enel-bolletta_non_pagata_Lecce

A Lecce, la società ha diversi uffici. A cadere nel mirino dei tecnici dell’Enel, quelli situati i viale Calasso e in via Birago. Stando infatti a quanto si legge sul Quotidiano di Puglia, Equitalia non avrebbe provveduto a pagare le fatture, nonostante i vari sollecitamenti. Da qui, il distacco dell’erogazione della corrente elettrica.

Inutile dire come la mancanza di luce abbia provocato non pochi disagi: in via Birago il centralino è saltato e l’attività all’interno degli uffici è stata ridotta, se non paralizzata.

Ma come mai Equitalia non ha pagato la bolletta? Al momento non è ancora ben chiaro cosa sia successo:  “probabilmente sarà stata la conseguenza della riorganizzazione in atto all’interno della società  (ossia il campionamento di ragione sociale, partita Iva). Oppure una mancata comunicazione tra uffici o l’autorizzazione per un bonifico non pervenuta a Lecce”.

Chissà, ci potrebbero essere diverse spiegazioni dinanzi a questo disagio. Ma nel frattempo  “carta canta”: fattura non pagata, luce staccata.

Elisabetta Paladini

Fonte: http://lecce.ilquotidianoitaliano.it/notizie-in-evidenza/2011/11/news/equitalia-non-paga-la-bolletta-l%E2%80%99enel-stacca-la-luce-7555.html/


Permalink

REFERENDUM PER ABROGAZIONE 6 LEGGI REGALA-SOLDI ALLE BANCHE E SIGNORAGGIO [EVENTO FACEBOOK]

INCONTRO COSTITUTIVO COMITATO PROMOTORE REFERENDUM ABROGAZIONE 6 LEGGI REGALA-SOLDI BANCHE
E ABOLIZIONE SIGNORAGGIO

https://www.facebook.com/event.php?eid=242739979123314

PER APPROFONDIRE TEMATICHE LEGGI

1) Quali sono le 6 leggi da abrogare

2) Cos’è il signoraggio bancario primario e secondario:

3) Come e quando opporsi alla propria banca.

4) Il testo integrale dei ricorsi per incostituzionalità 6 leggi pro-banche.

Nell'occasione verrà presentato il film 1992: il Bivio.Guarda il Trailer:

http://www.marra.it/engine/swf/player.swf?url=..%2F..%2Fdata%2Fvideo%2FilBivio.flv&volume=100

Link all' evento: https://www.facebook.com/event.php?eid=242739979123314


Permalink

Manifestazione davanti alla RAI e a Piazza del Popolo [EVENTO UFFICIALE]

La prima vera grande manifestazione partita dal popolo (con nomi e cognomi degli organizzatori) contro il vero potere, contro il sistema della moneta debito e contro le gravi conseguenze ad esso implicate.


Vi terremo aggiornati su ogni sviluppo affinché chiunque possa capire chi manifesta e perché, cercando di evitare qualsiasi controversia.


Roma, 21 ottobre 2011

1. Il Comitato “Legittima Difesa”, composto dai Signori Danilo Calvani, Domenico Longo, Daniele Di Luciano e dal Generale Antonio Pappalardo, eletti dall’Assemblea dei Comitati Spontanei Autonomi degli Agricoltori, degli Autotrenisti e degli iscritti al SUPU (Sindacato Unitario Personale in Uniforme), al fine di organizzare una manifestazione in Roma, Piazza del Popolo il 19 novembre 2011, dalle ore 10,30, ha inviato il prescritto preavviso alla Questura di Roma.
2. A seguito dell’incontro fra il Questore di Roma, dott. Francesco Tagliente, e il Generale Antonio Pappalardo, delegato dal suddetto Comitato, che ha avuto luogo nell’Ufficio del Questore dalle ore 17,30 alle 18,00, del 21 ottobre 2011, si è addivenuto al seguente accordo:
- tutti i mezzi pesanti (trattori e autotreni), non potendo raggiungere piazza del Popolo, per preesistenti divieti, dovranno concentrarsi, giungendo alla spicciolata nella capitale, nello spiazzale di Saxa Rubra, dinanzi alla sede della RAI;
- è preferibile che i mezzi pesanti giungano di notte;
- le forze dell’ordine presidieranno la zona e opereranno affinché l’area sia totalmente sgombera di altri veicoli;
- il piazzale di Saxa Rubra si raggiunge, dopo aver imboccato il raccordo anulare e lo svincolo della via Flaminia, direzione Roma-Centro. Ci saranno pattuglie della Polizia Stradale che scorteranno trattori e autotreni nell’ultimo tratto. I mezzi saranno parcheggiati in modo ordinato e vigilati dalle forze dell’ordine;
- dalle ore 6,00 del mattino sono disponibili trenini che trasporteranno i manifestanti dalla stazione ferroviaria, situata a ridosso del piazzale, sino a Piazza del Popolo, in pochi minuti;
- sarà incrementato il numero dei trenini nella giornata del 19 novembre per consentire il più celere e ordinato trasporto dei manifestanti, che potranno portare con loro solo bandiere, striscioni e mezzi sonori;
- sarà consentito solo ad un trattore, con al traino un carro, adeguatamente predisposto per la successiva sua trasformazione in palco, su cui saliranno solo gli oratori, di giungere sino a piazza del Popolo. A tal fine occorre inoltrare al competente ufficio comunale (gabinetto del Sindaco di Roma capitale), il collaudo del carro/palco e richiedere l’occupazione del suolo pubblico;
- una delegazione di 10 persone, al termine del comizio, si porterà, scortata dalla Polizia di Stato, a Palazzo Chigi per essere ricevuta dal Capo del Governo, secondo un itinerario concordato.
3. Al fine di assicurare il migliore svolgimento di tutte le operazioni le sottonotate persone sono cortesemente invitate:
a) Danilo Calvani, a fornire le caratteristiche del carro su cui dovrà essere costruito il palco, con il materiale di amplificazione delle voci e delle musiche;
b) Vanda Lucidi e Pino Giuseppe, ricevuti i dati tecnici di Danilo Calvani, a prendere contatti con il Gabinetto del Sindaco al fine di chiedere l’occupazione del suolo pubblico e il collaudo del palco
c) Danilo Calvani e il suo staff, ad approntare due servizi di caffetteria sin dalle ore 05,00, uno, presso il piazzale di Saxa Rubra, l’altro a Piazza del Popolo;
d) Domenico Longo a predisporre il documento da consegnare al Presidente del Consiglio dei Ministri;
e) Antonio Pappalardo, a prendere contatti con la segreteria del Capo del Governo per la consegna del documento al Presidente Berlusconi.
4. I manifestanti, che giungeranno con mezzi propri o in treno, si porteranno liberamente in piazza del Popolo.

Per la Questura di Roma Per il Comitato “Legittima Difesa”
Dott. Filippo Santarelli Antonio Pappalardo


Motivi della protesta:

- aggregare le forze sane del Paese per mettere un freno al potere selvaggio del sistema finanziario, che in Italia sta generando miseria e sudditanza con l’annichilimento della micro produzione legata alla piccola e media impresa, al commercio, all’agricoltura e al trasporto;

- difendere le categorie produttive del Paese dai continui assalti del governo, che tendono, con normative che eliminano conquiste sociali di ben due secoli e con manovre finanziarie irresponsabili, ad affamare i lavoratori per mantenere un sistema economico-finanziario nazionale ed internazionale gestito dalle banche;

- abbattere tutti i privilegi della classe dirigente politica e delle lobby di potere, ad essa collegate;

- rinnovare il contesto politico-economico italiano ed europeo, “purificando l’aria”, come chiesto ripetutamente da più parti, con la creazione di nuovi movimenti, espressioni della società civile;

- raccogliere consensi popolari e delle diverse associazioni, col fine di promuovere lo sviluppo ed il dibattito economico e sociale attraverso il confronto sui seguenti tre punti ritenuti fondamentali:

1) Sistema Monetario, con la richiesta della piena attuazione dell’art. 47 della Carta Costituzionale ma soprattutto con il recupero da parte dello Stato della propria funzione naturale e sovrana nell’emissione monetaria diretta, oggi affidata a pochi banchieri azionisti di banche centrali, i quali, stampando banconote e sistematicamente falsificando i bilanci aziendali degli Istituti che battono moneta, creano debito pubblico e schiavitù umana;

2) Sistema Fiscale, con un’inversione di rotta tendente questa volta all’equità, anche in ossequio all’art. 36 della Costituzione, partendo dal principio che i contribuenti devono poter detrarre tutti i costi e le spese che sostengono, a prescindere dal fatto che si riferiscano a beni primari o secondari, mettendo al primo posto, dunque, il diritto naturale alla vita e la difesa della dignità dell’individuo, delle famiglie e delle comunità umane tutte;

3) Equitalia o altre agenzie di recupero crediti, da mettere immediatamente e definitivamente al bando perché iniqui centri di speculazione finanziaria, destabilizzatori del sistema economico del Paese e conseguenti causa di impoverimento delle fasce meno abbienti.

Stiamo organizzando pullman da:

FIRENZE: https://www.facebook.com/event.php?eid=282895408409004
PIOMBINO: https://www.facebook.com/event.php?eid=171402942951424
LIVORNO: https://www.facebook.com/event.php?eid=123515374424199
GROSSETO: https://www.facebook.com/event.php?eid=183737171712304
CASERTA: https://www.facebook.com/event.php?eid=268139309888792
NAPOLI: https://www.facebook.com/event.php?eid=182922351791736
CATANIA: https://www.facebook.com/event.php?eid=275754999134869
LOMBARDIA: https://www.facebook.com/event.php?eid=298721886814229
FOGGIA: https://www.facebook.com/event.php?eid=103647269750317
RAGUSA: https://www.facebook.com/event.php?eid=182521825169253

 

il 19 alle 6.0026 novembre alle ore 22.00

Luogo
Piazza del Popolo
Piazza del Popolo e Saxa Rubra, davanti alla sede della RAI
Rome, Italy

Fonte:https://www.facebook.com/event.php?eid=236364383083513


Permalink

PIRATI MEDITERRANEI [GRUPPO SU FACEBOOK]

I PUNTI SALIENTI DEL PROGRAMMA POLITICO

AZIONI PRIORITARIE DA ATTUARE IN CASO DI VITTORIA ELETTORALE

1) Annullamento del concetto di soggetto giuridico
Note : La responsabilità è solo personale e soggettiva (di un uomo), perché i più ricchi possono costituire infinite società e non rispondere di alcuna responsabilità e in pratica fallire enne volte, e chi è povero può fallire una sola volta?

2) Annullamento di tutti i finanziamenti pubblici a qualsiasi setta religiosa, in particolare alla setta cattolica cristiana romana, nell’ ottica che ognuno si paga i suoi vizi.
Note : L’Italia è uno Stato laico oppure suddito a sua volta del Papato? Se davvero tutti i cittadini sono uguali questo non dovrebbe esistere, e le altre superstizioni le sperequiamo?

3) Eliminazione del concetto di società a responsabilità limitata
Note : se tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge perché devono essere avvantaggiati i più ricchi?.

4) Uscita dell’Italia dall’Europa Comunitaria
Note : No alle mistificazioni e soprattutto alla riduzioni dei diritti di sovranità dei popoli senza l’avvallo di referendum o deleghe democraticamente e palesemente espresse. Si all’Europa unita, ma con la volontà espressa dei popoli che vi partecipano, e soprattutto sotto il controllo diretto dei cittadini e non delle multinazionali dei farmaci, delle telecomunicazioni, di Microsoft, delle banche private, dei media controllati dalla finanza.

5) Centralità e responsabilità soggettiva di ogni uomo, anche nelle attività economiche e finanziare
Note : centralità e responsabilità soggettiva di ogni uomo, anche nelle attività economiche e finanziare. Anche chi detiene azioni di società ne risponde in solido personalmente ogni volta

6) Chiusura per ignominia della Borsa italiana
Note : annullamento per ignominia della Borsa italiana e deferimento giudiziario dei suoi vari responsabili da almeno trent'anni.

7) Conquista territoriale ed annullamento giuridico e politico internazionale dello Stato del Vaticano
Note : Siete d’accordo che occorrerebbe occupare lo Stato del Vaticano ed annetterlo al territorio italiano, ed eliminare l’esistenza dello Stato del Vaticano dagli organismi internazionale, in modo da porre fine al potere temporale dei Papi che è un anacronismo, un aborto logico oltre che un conflitto di interessi assoluto?

8 ) Coscrizione obbligatoria
Note : sull'esempio svizzero ferma dei cittadini maschi e femmine coscritti dai 15 ai 65 anni per 2 settimane all'anno.

9) Eliminazione degli ordini professionali e degli albi
Note : Se il Titolo di studio non è abilitante alla professione, che cosa fa lo Stato rilascia titoli, diplomi, lauree falsi? Oppure è il caso di eliminare gli ordini corporativistici che hanno usurpato i diritti e le competenze dello Stato?

10) Uscita dell’Italia dall’ONU
Note : Senza avulgersi dai grandi sistemi politici nessuna politica veramente originale ed autonoma è possibile, occorre rendersi indipendenti per essere davvero liberi di fare scelte epocali ed inderogabile che occorrono ai nuovi scenari internazionali che si stanno appalesando

11) Uscita dell’Italia dalla NATO
Note : No al più bieco militarismo e neocolonialismo mascherato da intervento umanitario, occorre riflettere, ripensare le alleanze, i trattati, via le basi militari USA di occupazione mascherate anch’esse da alleanza dal territorio italiano.

12) Uscita dell’Italia del FMI
Note : Se l’Italia non si sgancia dl sistema del signoraggio delle altre monete qualunque politica monetaria, e nessuna politica tout court sarà mai possibile, quindi uno degli elementi essenziali ed inderogabili è svincolarsi dai legacci che avvolgono la nostra economia.

14) Uscita dell’Italia del WTM
Note : Serve sganciarsi dalle grandi multinazionali della finanza che controllano i flussi delle merci, i cambi, gli scambi internazionali e soprattutto le fonti energetiche. L’unica soluzione efficace per conto mio è quello di isolarsi, rendersi autonomi, e quindi trattare da una posizione di indipendenza e autonomia.

15) Uscita dell’Italia del WTO
Note : Come sopra.

16) Uscita dell’Italia della zona dell’Euro
Note : L’euro, ormai è chiaro a tutti, è la più grande truffa di tutti i tempi dopo quella del dollaro. Bisogna interrompere immediatamente la farsa.

17) Il potere sta nelle armi, ergo assegnazione, incarico e detenzione di armi da guerra distribuite a tutti i cittadini
Note : Detenzione di armi da guerra, di cui si è responsabili, al dominilio di ogni cittadino abile e coscritto; armi da guerra, quindi anche bazooca, lanciamissili, carri armati, autoblindo, etc., etc., ovviamente con le dovute accuratezze e sicurezze di controllo da parte di più cittadini.

18 ) Liberalizzazione delle droghe
Note : Circa due milioni di drogati schedati significa che una persona su trenta si droga con grande danno alla società in termini di delinquenza, spaccio, movimento di grandi quantità di denaro illegale, malattie incontrollate, insicurezza sociale. Forse togliendo la gestione dell’"affaire" alle mafie le cose nella società potrebbero migliorare, e forse anche ridursi il numero dei tossici.

19) Monopolizzazione delle droghe
Note : Circa due milioni di drogati schedati significa che una persona su trenta si droga con grande evasione fiscale ora che l’"affaire" è gestito dalle mafie. Una grande potenziale fonte di introiti per lo Stato. Sembrerebbe essere 44 miliardi di euro!!

20) Tassazione delle droghe
Note : Potrebbe essere una soluzione, per il finanziamento delle cure e dell'assistenza vera ai tossici; che ne dite?

21) Nuovo sistema fiscale con esazione preventiva all’atto dell’emissione della moneta.
Note : Innovativo (non tanto, ma pochissimo applicato) sistema di tassazione da parte dello Stato all'atto di emissione della moneta da parte della banca a cui ci si rivolge per l'ottenimento della moneta con fattura emessa per merce o beni richiesta da acquirente, (poi vi spiego). Aliquote oscillanti fra il 5 e il 10 %.

22) Responsabilità personale del politico
Note : Responsabilità diretta ed obbligo del risarcimento del politico che arrechi per qualunque motivo pregiudizio e danno al cittadino.

23) Responsabilità personale del pubblico funzionario
Note : Responsabilità diretta ed obbligo del risarcimento del politico che arrechi per qualunque motivo pregiudizio e danno al cittadino.

24) Responsabilità personale dell amministratore pubblico
Note : Responsabilità diretta ed obbligo del risarcimento del politico che arrechi per qualunque motivo pregiudizio e danno al cittadino.

25) Ridemanializzazione delle coste e degli arenili
Note : L’accesso al mare, ai fiumi, ai laghi deve essere libero, e le loro coste devono essere riconsegnate alla libera fruizione da parte dei cittadini, deve essere quanto più ripristinato l’ambiente naturale.

26) Ridemanializzazione delle strade e delle vie di comunicazione di ogni tipo e genere
Note : Il suolo ed i beni demaniali nel corso degli ultimi decenni sono stati fatti oggetto di appropriazioni improprie da parte di altri enti (in particolare gli enti locali), da parte di privati che hanno usurpato piccoli e grandi fondi, e soprattutto si sono incorporati pertinenze e fronti stradali in ogni genere di arteria viaria alla faccia del bene pubblico. Le strade e le ferrovie servono, lasciamogli gli spazi per gestirle, costruirle, ampliarle, innovarle.

27) Riemissione in corso la Lira (o io preferirei il Talento, se vi interessa vi spiegherò)
Note : Se l’Italia è uno Stato di diritto internazionale deve far valere le proprie ragioni di diritto sulla sua propria autonomia monetaria, che non è stata mai delegata ad altri dai cittadini sovrani, e quindi rimettere in corso una sua propria moneta. Lira o Talento.

28 ) Rimozione dei crocefissi da tutti gli edifici pubblici
Note : L’Italia è uno Stato laico oppure suddito a sua volta del Papato? Se davvero la legge è uguale per tutti sopra lo scranno del giudice non può esserci il feticcio di una delle centinaia di sette religiose o superstizioni. Lo stesso nelle aule della scuola pubblica.

29) Rinazionalizzazione della Banca d Italia sotto il controllo diretto del governo 
Note : L’Italia è uno Stato o una barzelletta? Il controllo dell’emissione della moneta (unità di misura del valore) deve essere effettuato da chi questo valore lo produce : i cittadini.

30) Rinazionalizzazione della rete elettrica
Note : Qualche anno fa ho querelato ENEL per truffa a danno dei cittadini, falsa ed omessa fatturazione, ed una sfilza di reati di vario genere, non ho mai ricevuto controquerela. . Poi vi spiego.

31) Rinazionalizzazione delle autostrade
Note : Che meriti avrà mai la famiglia Benetton per fregarsi gli utili spettanti a tutti i cittadini italiani con le autostrade costruite con i pedaggi di tutti i cittadini negli ultimi cinquant’anni??

32) Rinazionalizzazione delle dorsali telefoniche/telematiche
Note : Vogliamo porre fine allo scempio dei beni comuni dei cittadini regalati aggratis alla grande finanza??

33) Rinazionalizzazione delle ferrovie dello Stato
Note : Anche in questo caso se so venduti pure l’onore della madre. Una S.p.A. che non è una S.p.A., ma è, quando occorre, una S.p.A., il gioco delle tre carte

34) Ripubblicizzazione delle acquedotti e delle acque
Note : L’acqua è un bene primario indispensabile alla sussistenza, alla sopravvivenza, alla vita in senso lato, è di tutti per antonomasia, non può essere oggetto di concessione a nessuno, eppure quasi tutti i comuni italiani, in cambio di briciole hanno ceduto per trent’anni il loro bene primario a chi li sfrutta piratescamente.

35) Ritiro di tutte le truppe italiane all’estero
Note : Lo impedisce la costituzione. Mi sembra ragione sufficiente.

36) Seconda tassazione integrativa sulle banconote che si detengono con apposizione di bollo bimestrale

37) Elezione diretta dei giudici del tribunale locale da parte dei cittadini della circoscrizione

38) elezione diretta di tutte le Autorità di controllo, assistenza e sanzione direttamente da parte di tutti i cittadini

39) Elezione diretta di tutti i difensori civici da parte dei cittadini/elettori del Comune di competenza

40) Elezione diretta di tutti i difensori civici regionale da parte di tutti gli elettori regionali

41) Rinazionalizzazione di tutta la grande industria;

42) Ricostituzione dell I.R.I.

43) Confisca della FIAT e nazionalizzazione di tutti i beni degli Agnelli;

44) Confisca di tutte le grandi aziende quotate in borsa e nazionalizzazione delle stesse fino ad un minimo di 20 milioni di euro;

45) ridimensionamento del valore del diritto d'autore (non diritto d'editore) a massimo 5 anni di durata. Per il Software da un anno a massimo due anni.

46) chiusura di tutte le sale giochi;

47) riapertura delle case d'appuntamento/bordelli;

48) distribuzione a tutti i cittadini del "Reddito di Cittadinanza/ Cambiale Sociale" pari a millecinquecento euri/ tremilioni di lire a persona;

49) elezione diretta dei direttori generali dei vari dicasteri; durata in carica massimo due anni;

50) elezione diretta dei presidi da parte dei genitori degli studenti sia di scuola superiore che di università; durata massima in carica due anni.

51) mantenimento a vita di una sola targa automobilistica, eliminazione del P.R.A.

https://www.facebook.com/groups/piratimediterranei/


Permalink

Piuttosto fallire con onore che riuscire con la frode (Sofocle) [IxR]

02/11/11 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Novità della Revolucion, Internet

 

Quella del 23 Ottobre 2011 per Informare per Resistere è stata una lunga notte, forse la più buia e tempestosa, ma per una maniacale ricerca della verità e per il nostro assoluto proposito di essere leali con i nostri  lettori e con noi stessi, ci corre l’obbligo di comunicarvi che abbiamo deciso di chiudere qui il nostro impegno per la campagna “1clickdonation”.

Si, quella stessa campagna che qualche mese fa ci ha fatto vincere una autovettura Citroen C4 Gran Picasso e che con la sua vendita (27.000 euro), ci ha permesso di raggiungere un importante traguardo per l’acquisto dell’ambulanza da destinare a “Saint Martin Kenya”.

Quella stessa ambulanza per la quale vi abbiamo torturato ed a volte urlato  supplicandovi di donare un click a Fondazione Fontana che sostiene la Comunità di Saint Martin in Kenya richiamandovi con forza ad un gesto di solidarietà.

Ma andiamo per gradi.

Nella seconda tornata di votazioni, quella che mette in palio, tra le 5 organizzazioni umanitarie che hanno già vinto la prima Citroen C4 Gran Picasso, un’ ulteriore vettura “Citroen Jumpy”, ci siamo accorti, studiando i grafici giornalieri dell’andamento delle votazioni, che l’organizzazione “CO.MI.VI.S.”, nei primi 5 giorni di votazione aveva ottenuto diverse migliaia di click e che, successivamente i suoi voti crescevano in misura proporzionale ai nostri lasciando invariato il divario tra le due Onlus.

Ci è parso molto strano che una organizzazione per quanto ben organizzata e strutturata, potesse “prendere il largo” così velocemente per poi mantenere la differenza “fissa” (voto più voto meno) ed allora sono immediatamente scattati i controlli da parte del nostro staff che annovera ben 3 tra ingegneri informatici ed informatici.

Dopo alcuni giorni di studio ci è apparso chiaro come era possibile votare per un’organizzazione un numero di volte infinito, senza che fosse esercitato alcun controllo.

In pratica era possibile donare click a ripetizione senza problemi di sorta.

Abbiamo fatto due conti e ci siamo resi conto che in una situazione che potremmo definire “normale”, la Fondazione Fontana che è sostenuta dalla testata giornalistica Unimondo, che annovera quasi 400 partner internazionali tra cui Informare per Resistere, avrebbe dovuto ottenere un numero di click di gran lunga maggiore di quello che otteneva l’organizzazione “CO.MI.VI.S.” nello stesso lasso di tempo, tenuto conto inoltre che Informare Per Resistere conta un numero di visite che sfiorano i 2 milioni al mese sul sito, a cui si aggiungono oltre 200 milioni di visualizzazioni dei post sulla pagina Facebook.

Non appena scoperto “l’inghippo” abbiamo avvisato Fondazione Fontana che immediatamente si è messa in contatto con la società che gestisce 1clickdonation.

Da qui la richiesta dei tabulati di votazione a “CrowDM” (qui di seguito il link al loro sito: http://www.crowdm.com/ ), mai fatti pervenire nemmeno in forma generica (differenza tra voti tramite “like” di Facebook, genuino, e “dona”, truccato).

Pervengono invece una serie di e-mail, dalla stessa CrowDM, con le quali ammettono che ci sono diversi bug nella procedura e che stanno verificando i click fin qui donati alle varie organizzazioni e che certamente molte migliaia di voti  sono tarocchi, in quanto provenienti da “navigazione anonima”, per cui saranno rimossi dai click donati.

Solo da qualche giorno i voti sono stati ricalcolati senza tuttavia fornirci alcuna spiegazione sul “come e quanto”, solo una criptica scritta: “Attenzione: a causa di un problema al sistema di conteggio dei voti provocato da agenti esterni alle organizzazioni e ai promotori dell’iniziativa,sono state riscontrate delle anomalie che ci hanno costretto a rivedere il conteggio dei click donati.”

Avevamo chiesto che la competizione fosse azzerata per ripartire dopo delle serie modifiche al codice che consentissero l’espletamento di una gara corretta.

Siamo stati “posteggiati” per più di 10 giorni, oltre che “accusati” di aver pubblicizzato il fatto che era possibile votare ogni volta che si accendeva il pc (o il router).

E qua è d’obbligo fare qualche considerazione:

- IxR ha dato pubblicità (per TUTTI: votanti per TUTTE le Onlus) ad un fatto evidente per chi ha un minimo di conoscenze informatiche.

-IxR e Fondazione Fontana, accertato che erano possibili “irregolarita” hanno immediatamente avvisato l’azienda

- Altri hanno scoperto i bug e si sono ben guardati dal renderlo pubblico.

In conclusione, tutti gli amministratori di Informare per Resistere, riunitisi, hanno deciso di astenersi dall’appoggiare la campagna “1clickdonation” di Citroen.

Crediamo nel progetto Soliweb ed abbiamo già donato 27mila euro per l’acquisto dell’ambulanza per i bimbi di Saint Martin.

Ma crediamo, prima di tutto, nell’onestà e nella lealtà.

Non sappiamo se il sistema adesso sia sicuro, non lo sappiamo perché non ce n’è stata data alcuna prova per cui non possiamo continuare a supportare una campagna che potrebbe ancora peccare di “superficialità” e non assicurare la massima trasparenza nel suo svolgimento.

Continueremo ad appoggiare la Fondazione Fontana, in tutti i suoi progetti, perchè La Fondazione, il suo Presidente Gabriele Pipinato e, soprattutto, i bambini di Saint Martin (Kenya) meritano il nostro/vostro supporto.

La Redazione di Informare per Resistere – France

Per chi fosse interessato qui di seguito si inserisce la parte tecnica della vicenda:

Il sistema di voto, sin dall’inizio, non ha previsto alcun tipo di controllo sull’indirizzo IP. Ma si limitava esclusivamente ad un controllo di veridicità di un codice captcha al 60%.
In questo modo era possibile votare utilizzando sessioni anonime del browser, anche senza cambiare indirizzo IP riavviando il pc o il modem (per chi ha una connessione con IP dinamico, tipico delle connessioni calasinghe).

Oltre 3.000 voti sul sito 1clickdonation e 5 giorni di ispezione continua sugli script che gesticono le votazioni hanno portato a queste conclusioni:

Il sistema era basato esclusivamente sul tracking cookies (rilevamento dei dati di navigazione) dei browser web piu utilizzati : Internet Explorer, Firefox, Safari ( Mac).

Non sono stati applicati paragrafi allo script che controllassero: l’indirizzo IP, Proxy, User Agent, Referred

Sono state effettuate tutte le prove di verifica prima di arrivare alle precedenti conclusioni:

  • Votazione tramite navigazione pulita

  • Votazione tramite navigazione anonima

  • Votazione tramite Proxy pubblici gratuiti e rintracciabili

  • Votazione tramite Proxy pubblici anonimo e non rintracciabili

  • Votazione tramite Proxy privati

  • Votazione tramite Server Proxy Surfing

  • Votazione con diversi tipi di Browser ( IE, Firefox, Safari, Google Chrome, Midori, Dooble,Opera) A dimostrazione, e prova, abbiamo realizzato un video esplicativo e subito dopo abbiamo avvisato Fondazione Fontana che ha segnalato  le “anomalie” e richiesto il controllo dei voti.

  • GUARDA IL VIDEO

 

A seguito della segnalazione sono state apportate le seguenti modifiche:

  • Applicazione del controllo Ip

  • Applicazione del controllo Proxy

  • Applicazione de controllo su User Agent e Referred

  • Applicazione del Tracking Cookies anche sui browser Opera e Google Chrome, oltre che sui dispositivi Mobile ( Ipad, Iphone)

 

Tutti i voti tramite “Likes” sono da considerarsi genuini al 98% circa, in quanto passano dal controllo Facebook (1 account = 2 voti), il rimanente 2% si può considerare dubbio per qualche account multiplo.

È assolutamente ridicolo e lascia di stucco sapere che una società, per un progetto così importante, non prenda le più elementari precauzioni per impedire brogli nelle votazioni:

1) Conferma via email
2) Controllo sull’IP.

Non è il sistema più sicuro del mondo, ma quantomeno non rende la vita facile a chi vuole imbrogliare.

Dove sono i log?
Quale algoritmo è stato usato per certificare i voti ed eliminare quelli non corretti?
Quale è la differenza tra i “likes” (provenienti da facebook che questi controlli li applica!) e i “dona” dal sito?

Soltanto un riazzeramento dei voti e/o la pubblicazione della differenza tra i likes e i dona avrebbero potuto assicurare la dovuta trasparenza nei confronti di tutti i partecipanti.

Trasparenza che non c’è.



Tratto da: Piuttosto fallire con onore che riuscire con la frode (Sofocle) | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/10/30/piuttosto-fallire-con-onore-che-con-la-frode-sofocle/#ixzz1cY4aWMuw

- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

Fonte:http://informarexresistere.fr/2011/10/30/piuttosto-fallire-con-onore-che-con-la-frode-sofocle/#axzz1cAoX73HW


Permalink

DIMOSTRAZIONE DI IGNORANZA INDOTTA

 

Di dov'era Marco Polo????

Era Croato.

Marco polo in realtà si chiamava Marko Pilic', nato sull'isola di Korcula nella Dalmazia che allora (1254) era un protettorato veneziano.

probabilmente non sapremo mai se andò veramente in estremo oriente con il padre e lo zio o se si limitò a registrare i racconti dei commercianti che percorrevano la via della seta.

ciò che è sicuro è che il libro sui viaggi di Marco Polo fù scritto in gran parte da Rustichello da Pisa, un autore di storie romanzesche con cui Polo condivise la cella dopo esser stato fatto prigioniero dai genovesi nel 1296, Polo dettava e Rustichello scriveva in francese, lingua che Polo non conosceva.

il libro che ne venne fuori, che uscì nel 1306, aveva l'intento di divertire e stupire i lettori e divenne subito un best seller nell'era precedente la stampa.

Rimangono oscure le ragioni del nome che diedero al libro:"il Milione"...di certo si guadagnò in fretta il soprannome "il milione di bugie" e Polo,ormai mercante ricco e di successo era noto come "il signor milione".

probabilmente si trattava di un intrigante versione trecentesca di un "meraviglioso libro delle meraviglie", di cui non abbiamo nessun originale.

Ci hanno anche indotto a pensare che Marco polo abbia introdotto diverse specialità cinesi in occidente, tra cui la pasta ed il gelato..

in realtà la pasta era nota nei paesi arabi fin dal nono secolo, e se ne trova menzione  a Genova nel 1279, 25 anni prima che Polo affermasse di essere tornato.

Il gelato potrebbe anche essere un invenzione cinese, ma credo sia improbabile che a introdurlo in occidente sia stato Polo: non se ne trovano altri cenni fino alla metà del '600.

ora tutto questo per dire cosa?

per far capire che se a voi come a me hanno fatto studiare le meravigliose avventure dell'italiano Marko Pilic' che ha viaggiato il mondo e se anche a voi hanno costretto a leggere il libro da lui scritto (??) come un passo fondamentale della storia e dell'orgoglio italico........allora cosa c'è di vero nei libri che si insegnano a scuola?

perchè l'Odissea e l'Iliade sono  racconti mitologici e altri libri invece hanno lo status di Storici???

chi ha deciso cosa è la storia??

chi decide ancora oggi cosa sarà storia e cosa sarà......cenere........

il discorso è semptre lo stesso, siamo manipolati fin da piccoli.....continuare a pensare che non sia vero è da stupidi, è decidere consciamente di essere delle marionette da sfruttare.

come???

chi ha detto cosa centra la storia di Marco Polo con il fatto che mi sfruttano??????????

tu sei il più burattino di tutti.....perchè non ti vuoi rendere conto che se la storia è falsata (non solo dai vincitori),anche la religione lo è e tutto il tuo mondo si basa su delle menzogne.

VI CHIEDO SOLO DI RIFLETTERCI, CERCATE VOI ALTRI ESEMPI DI STORIA CHE NON è VERAMENTE STORICA!!!!

UN ABBRACCIO,

Fonte: Man Fred

Come disse George Orwell, «chi controlla il passato controlla il presente». E sul punto non ci sono dubbi. In Italia questa massima è troppo spesso applicata nei libri dei nostri ragazzi.

 


Permalink

FAMOSO ONCOLOGO AMERICANO DI FAMA MONDIALE RIFIUTA LA CHEMIOTERAPIA PER LA MOGLIE MALATA DI TUMORE E GUARISCE

 

Dopo aver perso parenti e amici a causa di quello che definiscono il male del secolo, il cancro, dopo averli visti soffrire terribilmente per i postumi di cicli e cicli di chemioterapia e per poi morire.... Mi sono posta la domanda " se un medico fosse colpito direttamente da questo male quale strada sceglierebbe?".

Naturalmente queste sono riflessioni personali, si riportano solo a titolo informativo, ognuno poi agisce come meglio crede. (Renè)

 

Oncologo americano rifiuta la chemioterapia per la moglie

La moglie di un oncologo famoso americano si ammala di cancro e il marito non la sottopone alla chemioterapia.

Sidney Winawer è un oncologo direttore del Laboratorio di Ricerca per il Cancro al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di NewYork, uno dei centri più importanti del mondo.

Per decenni ha praticato la chemioterapia a tutti i pazienti, metà dei quali sono deceduti. Ma un giorno la diagnosi è toccata a sua moglie... Ben consapevole dei danni catastrofici e dell'inutilità assoluta di quel tipo di cura (come ammetterà più tardi nel suo libro "Dolce è la tua voce", Positive Press, 1998) non la sottopone a nessuna chemioterapia o radioterapia, ma si affida alla somatostatina (quella di Luigi Di Bella) E la moglie guarisce !

Perchè la chemioterapia non risolve il problema

Secondo la stragrande maggioranza delle teorie mediche, ci si ammala di cancro per una insufficienza del sistema immunitario. La chemioterapia riduce le masse tumorali di dimensione, ma al prezzo di distruggere completamente il midollo e le difese immunitarie dell'organismo, col risultato che quest'ultimo rimarrà debilitato ed esposto ad ammalarsi di nuovo per anni o anche per il resto della vita.

Per dare un'idea di quanto siano tossici questi veleni posso prendere spunto dalla stessa documentazione farmaceutica allegata a questi "farmaci": pensate che basterebbe solo aumentare di poco le dosi di una sola "seduta" di chemioterapia per uccidere un cane, nel 100% dei casi, per avvelenamento nel giro di pochi giorni (potete controllare voi stessi dato che la tossicologia è pubblica).

Inoltre per smaltire questi farmaci occorre molto tempo (mesi e mesi), molto di più della durata di ogni ciclo, per cui quando si torna ad es. dopo un mese a fare un altro ciclo si ha un accumulo continuo di veleni nell'organismo!

Il fatto che molto spesso il cancro ritorna negli anni successivi, dopo una cura di chemioterapia ,non è dovuto a una certa "predisposizione" della persona, ma al fatto che le difese immunitarie sono ormai distrutte e quindi l'organismo è completamente indifeso ed è logico che venga aggredito nuovamente. La chemioterapia non è quindi la soluzione definitiva del problema, poichè questo si ripresenta molto spesso anni dopo con maggiore violenza.

Il cancro deve essere vinto invece potenziando il sistema immunitario.

Per molti tipi di tumore , il sistema immunitario ha una "memoria", esattamente come per le malattie esantematiche (morbillo, varicella, rosolia, ecc.); se il tumore viene vinto dall'organismo stesso, piuttosto che represso dai farmaci, è molto più difficile che si ripresenti in seguito.

Qui ci sono 5 pagine di dati ufficiali http://aloearborescens.tripod.com/chemioterapia.pdf sui veri risultati della chemioterapia dal 1950 ad oggi, oltre ai retroscena delle multinazionali farmaceutiche.

La ricerca non ha fatto passi da gigante come tutti pensano, ma, al contrario, la gente si ammala e muore più che nei decenni scorsi. Con i metodi di cura attuali il 90% degli ammalati non sopravvive più di 10 anni al cancro.

Fonte: https://www.facebook.com/notes/aloe-arborescens-cure-naturali-di-cancro-si-pu%C3%B2-guarire-padre-zago/famoso-oncologo-americano-di-fama-mondiale-rifiuta-la-chemioterapia-per-la-mogli/293225554040133

 


Permalink

[ATTENZIONE DA LEGGERE] CI DEVONO RIMBORSARE!!! FATE GIRARE

La Cassazione ha finalmente stabilito che la tassa sui rifiuti solidi urbani è di fatto una tassa e non una tariffa; di conseguenza hanno applicato l'IVA su un importo dove non doveva essere applicata in quanto appunto "tassa".

Pertanto tutti gli utenti hanno diritto al rimborso del 10% dei 10 anni retroattivi; inoltre controllando sul sito "Federconsumatori" si evince che chi richiede........................... il rimborso (che come al solito arriverà, lentamente ma arriverà) bloccherà di fatto l'iva sulle prossime fatture. Chi non lo fa si troverà a continuare a pagare tutto come prima perché, come capita solo in Italia , gente come anziani o fasce inferiori che non conoscono i loro diritti non ne usufruiscono "in automatico", ma solo se se ne accorgono e fanno richiesta.

Fate girare comunque tale comunicazione perché, come spesso avviene, i mezzi di comunicazione non ne parlano sufficientemente

Fonte: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.300898963257803.94032.215921061755594&type=3


Permalink

Gli indignati non vogliono sentire parlare di moneta debito (MA COME MAI?), ma noi ne parliamo lo stesso

 


Gli indignati di Roma o meglio i loro autonominatisi leader, hanno impedito che in occasione della manifestazione del 15 ottobre si discutesse di signoraggio.

Ma è ovvia, visto che loro sono un movimento creato dal potere globalizzatore, che sta cercando di cancellare le prove del complotto. Avevamo infatti appena due giorni fa visto chi aveva registrato il dominio del sito che propagandava la manifestazione e fatto uno screenshot da allegare all'articolo. Ecco lo screenshot in questione (quello di due giorni fa).



Oggi invece si è compiuto un miracolo! Il dominio che due giorni fa era trgistrato a nome di tale Paulina Arcos si è trasformato, transustanziato, è mutato completamente e adesso risulta a nome di:

Domains by Proxy, Inc.
DomainsByProxy.com
15111 N. Hayden Rd., Ste 160, PMB 353
Scottsdale, Arizona 85260
United States


Altro che San Gennaro, la potenza del Nuovo Ordine Mondiale riesce a fare molto di più!

Ma ecco in un video raccontata l'esperienza di Albamediterrana al presidio degli indignatos di via Nazionale. Etichettati come fascisti solo per aver tentato di parlare e spiegare il signoraggio e la moneta debito.

E così mentre i sedicenti black block mettevano a ferro e fuoco la città eterna la manifestazione è stata politicizzata da partiti che prima leccano il culo alle banche e poi hanno il coraggio di portare le loro bandiere in una manifestazione nata contro il debito e le banche private.

E cosi' a causa dei soliti violenti infiltrati (hanno usato le stesse tecniche del G8 di Genova, basta guardare le immagini TV) il problema, LA CAUSA DI TUTTI I MALI è stato strumentalizzato e messo nuovamente a tacere, grazie anche ai media prezzolati che nei prossimi giorni faranno il resto.


C'era una volta la moneta che costituiva un titolo di credito da parte di chi la possedeva, era la moneta "pagabile a vista al portatore" (o ancor prima altri titoli di credito equivalenti, che garantivano il fatto che il loro possessore aveva in giacenza dell'oro o dell'argento presso delle banche o degli orafi). Almeno in teoria possedere una banconota con scritto sopra pagabile a vista al portatore significa che l'istituzione che la emette dovrebbe scambiarla (su richiesta) in una equivalente quantità di metallo prezioso.

Poi ci furono gli accordi di Bretton Woods nel 1944 (quando il dollaro divenne a livello mondiale una specie di duplicato dell'oro, anche se non per i cittadini privati) mentre  nel 1971 l'amministrazione Nixon soppresse la convertibilità tra dollaro e oro, facendo così crollare uno dei pilastri del sistema di Bretton Woods.

Aggiungiamo adesso che, a differenza di lontane epoche passate adesso il denaro non è stampato dallo Stato, ma da una banca privata (il che in Italia non è nemmeno legale, dato che la banca d'Italia - adesso conferita nella Banca Centrale Europea - dovrebbe essere di proprietà almeno per il 50% dello stato, mentre attualmente è per il 95% in mano ai privati).

Come giustamente notano ironicamente alcuni utenti del web :

La scritta sulle banconote "Pagabili a vista al portatore" garantiva il cittadino del SUO oro. Con l'abolizione delle riserve auree (1971), le banche centrali, pur emettendo mero denaro tipografico, lo prestano, in virtù di un possesso che non hanno.

La scritta "pagabile al portatore" vuol dire che le banconote sono dei certificati,come se io ti dessi un biglietto con scritto 1 kg di farina,e ti dicessi con questo tu vieni da me quando vuoi e io ti do 1 kg di farina. Ma cosa succede se vai alla Bce (Banca Centrale Europea) e gli chiedi, pagatemi questi 100 euro?
Cosa ti danno? Un calcio nel culo! Il denaro infatti dopo il 1971 non ha più alcun valore


Insomma, come giustamente trovo scritto su un altro sitoquando lo Stato chiede soldi alla Banca Centrale, egli paga il costo del valore nominale con titoli e beni del debito pubblico (e non solo i costi tipografici), in pratica commissionando a se stesso il bisogno di imporre tasse sempre più crescenti a cittadini e aziendeTutto accade attraverso la Banca Centrale Europea, un mostro giuridico creato dal Trattato di Maastricht, esente da qualsiasi controllo democratico, uno stato sovrano sopra qualsiasi persona.

Ciò vuol dire che la moneta che adesso utilizziamo per fare acquisti è una moneta con l'emissione della quale lo stato (e quindi noi) si è indebitato nei confronti della Banca Centrale. O forse dovremmo dire che è una moneta con l'emissione della quale lo stato ci ha indebitatiDalla  moneta credito siamo passati alla moneta debito, fonte di ogni male, che ci sta riducendo sul lastrico, che ci porterà di questo passo a fare compagnia alla Grecia,

Alcuni tribunali hanno condannato la banca d'italia per signoraggio, ma la cassazione ha annullato la sentenza con la farseca scusa che un tribunale non può emettere sentenze su argomenti di natura monetaria e quindi politica (insomma la cassazione non nega l'esistenza del reato in sé ma tramite i soliti sofismi fa un favore dovuto al potere supremo quello bancario)

Una delle più simpatica maniere di comprendere come funziona il signoraggio bancario l'ho trovata sullibro euroschiavi di Marco Della Luna e Antonio Miclavez


È come se il tipografo, incaricato dagli amministratori della società calcistica organizzatrice di una partita di stampare 30.000 biglietti di ingresso per le partite del campionato, col prezzo di € 20 stampato su ogni biglietto, chiedesse come compenso per il suo lavoro di stampa € 600.000, in base al fatto che i biglietti che ha prodotto “valgono” € 20 cadauno.
È vero che essi “valgono” € 20 caduno, ma che essi abbiano un valore non dipende dal tipografo, bensì dall’associazione sportiva che ha formato la squadra, procurato il campo da gioco e organizzato la partita, sostenendo i relativi costi e producendo la domanda di quei biglietti, senza la quali questi niente varrebbero.
Gli amministratori della società sportiva lo sanno bene, ma il tipografo in parte li ricatta e in parte li lusinga perché promette loro che, se gli pagheranno l’ingiusto compenso richiesto, egli darà loro un lauto regalo e i fondi per farsi rieleggere alle prossime elezioni del consiglio di amministrazione. Altrimenti, finanzierà altri candidati e una campagna di stampa contro i consiglieri onesti.
Il potere bancario si comporta come quel tipografo, e i governanti si comportano come i consiglieri ricattati e lusingati dell’associazione sportiva, riconoscendo alla Banca Centrale la proprietà o titolarità del valore del denaro che emette, stampato o scritturale che sia, e in cambio di esso indebitano ingiustamente e illogicamente proprio il popolo, che è il soggetto che, col suo lavoro e con la sua domanda, ossia col mercato, conferisce valore al denaro.
Per questa ragione, oltre che in base al principio costituzionale della sovranità popolare, al momento in cui viene emesso, il denaro, il suo valore, dovrebbe logicamente essere ed essere trattato come proprietà del popolo e, per esso, dello Stato. Assolutamente lo Stato non dovrebbe indebitare se stesso e il popolo verso una Banca Centrale, pubblica o privata che sia, per ottenere denaro.
Al contrario, questo succede su base regolare.
Ma vi è di peggio: la Banca Centrale, cioè i suoi azionisti, oltre ad appropriarsi, a danno dello Stato, del valore del denaro che essa emette, nei suoi propri conti segna questo valore non all’attivo ma al passivo, simulando un debito ed evitando, così, di pagare le tasse su quello che è un puro incremento di capitale e che, come tale, dovrebbe essere interamente tassato.
L’ovvio ragionamento che abbiamo testé svolto è stato già sottoposto al Parlamento, attraverso interrogazioni parlamentari, nel 1994 e nel 1995.
Entrambe le risposte elusero il problema, affermando che la Banca Centrale (allora, cioè, la Banca d’Italia) non sarebbe proprietaria dei valori monetari, ossia del valore del denaro emesso, perché il denaro emesso costituirebbe sempre un passivo, un debito; e che, perciò, giustamente la Banca d’Italia lo iscriveva come posta passiva nel proprio bilancio. 
Come i membri competenti dei due governi interessati non potevano ignorare, queste risposte sono del tutto contrarie alla verità. Innanzitutto, la risposta fornita è contraddetta dal comportamento dei governi medesimi – di tutti i governi. Infatti, se i governi fossero coerenti con l’affermazione che il denaro, il valore monetario, non appartiene alla Banca emittente, perché lo Stato continua a dare qualcosa (i titoli del debito pubblico) in cambio di Lire o Euro?
E se il denaro emesso costituisse una passività, un debito, perché mai lo Stato dovrebbe comperarlo pagandolo con titoli del debito pubblico, che costituiscono un credito per chi li riceve? 
Si è mai visto che qualcuno paghi un altro per farsi cedere un debito?
Ma le risposte del governo sono anche false giuridicamente, perché il denaro non è affatto un debito per la Banca che lo emette. Se fosse un debito, dovrebbe poter essere incassato dal portatore presso la Banca medesima, mediante conversione in oro, e il portatore della banconota aveva il diritto di farsela cambiare in oro dalla Banca Centrale che l'aveva emessa, come avveniva una volta, fino al 1929 circa, quando il denaro era convertibile in oro.
Anche in tempi successivi al 1929, molte banconote portavano la scritta “Pagabile a vista al portatore”. Ma pagabile in che cosa, dato che esse non erano convertibili in oro? In realtà, quei biglietti non erano pagabili in alcun modo e quella scritta era una menzogna per ingannare il pubblico e fargli credere che i biglietti di banca fossero convertibili in qualcosa avente valore proprio o che la banca si fosse indebitata per emetterli, il che è falso (mentre era vero in un ormai lontano passato).
Del resto, è naturale che nessun governo potrebbe permettersi di dare risposte veridiche a simili questioni, perché ammetterebbe che la sua vera funzione è defraudare i cittadini e gli elettori per arricchire un’élite finanziaria che detiene il vero potere.Ma quanto sopra costituisce solo la punta dell’iceberg. Perché il grosso, circa l’85%, del denaro esistente e circolante al mondo, non è denaro vero, emesso da Banche Centrali, ma denaro creditizio, ossia aperture di credito e disponibilità di spesa create dal nulla dalle banche commerciali, le quali, attraverso questa creazione continua di nuovo denaro creditizio, si impossessano di quote crescenti del potere d’acquisto complessivo della popolazione mondiale.

Fonte: https://www.facebook.com/notes/corrado-penna/gli-indignati-non-vogliono-sentire-parlare-di-moneta-debito-ma-come-mai-ma-noi-n/10150332681997807


Permalink

Sono indignato. Eppure ieri sono rimasto a casa.

Ecco, ci risiamo... Ieri, 15 Ottobre 2011, la gente ha fatto di nuovo il gioco di coloro che si divertono a giocare con le loro vite.


Da tutte le parti del mondo si manifesta per difendere i propri diritti, le proprie libertà. L'attesa è tanta. La voglia di farsi sentire pure. Ma, ancor maggiore, è la triste illusione che porta con sé questa giornata. 
Eh sì, perché a ben vedere, gli Indignados (così si fanno chiamare i manifestanti, prendendo ispirazione dal movimento 15M spagnolo) non hanno fatto altro che il gioco di coloro che tanto li indigna, la classe governante. Ma forse sono solo supposizioni...
Le evidenze che portano ad una tale conclusione sono tante, specialmente qui in Italia, ma su tutte c'è la straordinaria copertura televisiva di quest'agitazione. Già da settimane le tv ed i giornali italiani continuavano a dare visibilità e credito ad un movimento di massa che ancora doveva verificarsi, quasi a volersi porre dalla parte del cittadino che, illuso, si convinceva di ottenere quella misera importanza che anni di mispolitica gli avevano trafugato. Ebbene, il motivo che sta alle spalle di tutto questo interessamento è semplice: prendersi gioco di noi. Sì, perché alimentando e fomentando questa voglia di ribellarsi i media hanno convogliato gli animi dei cittadini delusi in una manifestazione che, di fatto, di utilità pratica aveva ben poco. Se davvero un evento di così grande coinvolgimento in termine di partecipanti, che ha come scopo quello di sovvertire il sistema, avesse davvero messo paura a chi ci governa, per quale motivo i media - da sempre manipolati dall'establishment - avrebbero dovuto parlarne? Sarebbe stato un autogol pazzesco. Pubblicizzare un movimento che ha come apparente unico scopo quello di sovvertire la situazione attuale in cui banche e governanti ci sguazzano a meraviglia? Assurdo. Ma forse sono solo supposizioni...

E poi, pensandoci bene, c'è dell'altro. Cavolo...ad essere sinceri è un po' scioccante. I perbenisti e moralisti la prenderebbero troppo male, forse non dovrei parlarne... O forse sì. Be', insomma, per quale motivo - come al solito - in una manifestazione che si promette pacifica saltano fuori i cosiddetti black bloc? Da buon complottista (come piace definire chi non abbocca a tutto ciò che dice la tv), una spiegazione ce l'avrei. E se per caso qualcuno ce li avesse mandati apposta? Voglio dire, non è la prima volta che una giornata del genere degeneri in guerriglia; non è la prima volta che nei notiziari tv della sera si parli solo della violenza che la mente umana degenerata può produrre; non è la prima volta che, a causa di ciò, passi in secondo piano la reale maggioranza dei manifestanti. Quindi, perché dovrebbero essere davvero dei cittadini comuni quei guerriglieri in nero che, pensandoci bene, non fanno altro che annullare una manifestazione che potrebbe solo giovare alle loro vite? "Manie di protagonismo, mancanza di intelligenza" dirà qualcuno. Ma ad essere sinceri anche il peggior boss del ghetto si accorge che il sistema ci sta crollando addosso. Non è possibile che persone comuni (i tg parlano di studenti del liceo, anche se a me sembrano molto più grandi) si muovano in massa per distruggere l'unica occasione che abbiamo di farci valere, no. La realtà è un'altra. I black bloc, quantomeno i presunti tali, sono dei mercenari di tutto punto, scelti da chi ci governa o chi per esso, per non far altro che confondere le acque, mettere in cattiva luce il cittadino e nascondere la voglia di rivoluzione della popolazione. Pensateci bene. Se foste il politico di turno, quale sarebbe il modo migliore per disperdere la forza di un'indignazione pandemica, sapendo che sedare e limitare l'occupazione sarebbe impossibile? Spostare il centro dell'attenzione su tutt'altro.
Detto fatto. 
I black bloc, come sempre, sono riusciti alla perfezione in quest'intento. Ma forse sono solo supposizoni...

Guardate. Sembrano o non sembrano dei giovani liceali senza cervello? Io credo siano un tantino più grandi, ma forse mi sbaglio. Magari vanno appena alle medie.

Tutti i tg della sera, nessuno escluso, hanno puntato i fari su di loro. La macchina del fango ha cominciato a funzionare e la voglia di ribellione e di cambiamento di migliaia di italiani armati solo di buonsenso è andata a farsi fottere. L'unica cosa che passa in primo piano è l'oscenità che qualche centinaio di persone, la minoranza, è riuscito a scatenare. E questo a cosa porta? Porta a demoralizzare l'individuo, a convincerlo che non potremo mai cambiare nulla, perché ci sarà sempre l'idiota di turno che sputtana tutto. L'animo del singolo è ferito nel suo punto più debole. L'arma psicologica di cui è protagonista la tv è micidiale. L'indignazione è per un po' sedata e l'assurdo piano del politico è completato. Il giorno dopo la vita riprende spenta come tutti i giorni, con i voti di fiducia ridicoli, con le false promesse e le palle degli italiani che cadono giù, sempre più in basso. Quanto vi ci vuole per capire che se vi permettono di mettervi in piazza, di riunirvi, significa che non hanno paura di voi? Fra quanto inizierete a capire che tutto questo è solo un'intrigante valvola di sfogo? Ma forse sono solo supposizioni...

Ve lo dico io, però, a cosa servono realmente queste giornate. Servono a dare il contentino al cittadino medio, quello che il 24 Ottobre non aspetta altro che l'inizio del Grande Fratello. Queste giornate servono ad illuderlo di aver fatto la sua parte, di avere la coscienza pulita così che possa dirsi "Be', io in piazza ci sono andato. Che potevo fare di più?". E invece no. Non è questo il modo di cambiare la realtà. Non si fa una rivoluzione con bandierine, palloncini e il permesso della questura. Non si ripulisce l'economia con la benedizione del caro sig. Draghi che, cadendo nella più triste indecenza, pur essendo a capo della causa maggiore del malessere della popolazione dice di essere dalla parte degli indignati. No. La credibilità della politica è ai minimi storici. Il sistema economico è prossimo al collasso. Il debito pubblico è destinato, inevitabilmente ad aumentare, eppure siete disposti a mettervi in piazza, sicuri di riprendere il giorno dopo la vita di tutti i giorni. Non è così che si fa. Una rivoluzione si fa con le idee. Una rivoluzione si fa con i controcogloni. Una rivoluzione si fa solo guidati il coraggio di dare un taglio netto col passato. Una rivoluzione è, in primo luogo, quella che sta nello spirito, che ci permette di darci coraggio per dire "Ora basta. Non sto più ai vostri giochi". E non dev'essere solo una rivolta contro un ordine preesistente, ma il costituire di un nuovo ordine in contraddizione con quello tradizionale. Un totale cambiamento. E, allora, non basta andare in piazza a cantare l'inno, non basta occupare Wall Street se poi il giorno dopo si torna alla vita normale. La rivoluzione avverrà solo quando noi tutti saremo disposti a cancellare il passato, una volta per tutte. La vera rivoluzione l'hanno fatta i cittadini islandesi, che hanno avuto il coraggio di dire "No! Il debito ve lo pagate voi!" e hanno saputo ricostruire un governo da zero.

Se il 14 luglio 1789 i parigini fossero andati a prendere la Bastiglia con fiori, cartelloni e tanta musica, in Francia ci sarebbe ancora la monarchia assoluta. Chi ha orecchie per intendere, intenda...

Prima di occupare le piazze, ci sarebbe da occupare il cervello, con idee e determinazione.

Nota: lascia perplessi anche l'origine di tutti questi maestosi movimenti rivoluzionari. Per una volta, diamo i meriti a Daniele di Lo Sai che, a suo modo, ha dato un'interpretazione ben condivisibile.

Fonte: http://laduraverita-it.blogspot.com/2011/10/sono-indignato-eppure-oggi-sono-rimasto.html


Permalink

ECCO COME EQUITALIA ROVINA LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA': UN ESEMPIO PRATICO (Condividiamo, tutti devono sapere!)

 

"Equitalia", oltre ad applicare tassi di interesse pazzeschi (in pochi anni la cifra dovuta raddoppia, triplica...) strappa alle famiglie in difficoltà economica la casa, spesso pagata in anni e anni di rinunce e sacrifici:

Con le nuove normative approvate recentemente (in silenzio) Equitalia potrà prelevare i soldi direttamente dai conti correnti, e pignolare le case in SOLI 2 MESI dalla partenza delle procedure: (vedi questo articolo) la cosa che fa ancora più schifo, viene le case dei poveri vengono SVENDUTE all'asta, a qualche ricco speculatore (magari un evasore fiscale che ricicla i soldi sporchi, anche tramite prestanome) che la acquista a prezzo stracciato, per rivenderla con calma, al doppio: anche se impiega 2,3 anni per venderla, è sempre un ottimo investimento...

 

Facciamo un esempio:

La tua casa vale 200.000 Euro:

 

con gli interessi di un mutuo ventennale, ne hai restituiti 350.000:

Se la casa non viene venduta alla prima asta, viene ripetuta, e il prezzo di partenza di abbassa di volta in volta: pertanto diventa una prassi, che alla prima non venga mai venduta:

Alla prima asta, il prezzo di partenza è di 130.000: niente!

L'asta si ripete: partendo da 100.000..... niente!

alla terza asta, si parte da 70.000 ... e viene venduta.

 

Poniamo che il tuo debito nei confronti di equitalia sia stato di 30.000 Euro: (magari l'importo dovuto è di 10.000 ma tra interessi e penali, in qualche anno è arrivato a 30.000) per recuperarli, svendono la tua casa a 70.000, dopodiché ti trattengono i 30.000 del tuo debito, ti addebitano le spese (dell'asta e delle pratiche) per un importo di ulteriori 5.000 e ti restituiscono........... 35.000 euro!

 

per sanare un debito iniziale di 10.000 Euro, ti hanno privato della tua casa che hai pagato 350.000 euro, restituendoti 35.000 Euro: in pratica, quel debito ti è costato la bellezza di 305.000 Euro... visto che ti hanno tolto la casa che hai pagato 350.000 euro, ai quali scaliamo i 10.000 del debito iniziale sommati ai 35.000 che ti hanno restituito dopo la vendita all'incanto.

TUTTO QUESTO è LEGALE, E AVVIENE NEL TUO PAESE: SI CHIAMA "EQUITALIA".. (potevano risparmiarsi di coinvolgere la parola "equità"...)

DIFFONDI QUESTO ARTICOLO, FALLO LEGGERE AI TUOI AMICI, CONSIGLIALO, CONDIVIDILO SUI SOCIAL NETWORK... FACCIAMO SAPERE A TUTTI COSA AVVIENE NEL NOSTRO PAESE NELLA TOTALE INDIFFERENZA... MOLTA GENTE SI è SUICIDATA DOPO AVERE SUBITO TUTTO QUESTO, ALTRI SI SONO AMMALATI DI CUORE FINO AD AVERE UN INFARTO, ALTRI SONO ENTRATI NEL TUNNEL DELLA DEPRESSIONE... QUESTE COSE NON DOVREBBERO ACCADERE IN NESSUN PAESE DEMOCRATICO!!!

Tutto questo potrebbe essere accaduto anche a qualcuno che conosci, ma non sai niente: PERCHE'GRAZIE ALLA MENTALITA' CHE CI HANNO IMPOSTO ATTRAVERSO I MASS MEDIA, AVERE DIFFICOLTA' ECONOMICHE è CONSIDERATO UNA VERGOGNA... anziché solidarizzare con chi è meno fortunato, sembra quasi che avere problemi dovuti alle vicissitudini della vita sia una colpa... non avere una famiglia ricca, avere la sfortuna di perdere il lavoro... è una colpa?

 

Francesca Tavanti, collaboratrice di nocensura.com

SE NON LO SEI GIA', ISCRIVITI A  "Cose che nessuno ti dirà di nocensura.com

Vedi anche:

Il governo aumenta i poteri di Equitalia: pignoramento della casa in 2 mesi

Equitalia: storie di ordinaria ingiustizia

 

FONTE: https://www.facebook.com/notes/cose-che-nessuno-ti-dir%C3%A0-di-nocensuracom/ecco-come-equitalia-rovina-le-famiglie-in-difficolta-un-esempio-pratico-condivid/256230387747269


Permalink

IL 15 OTTOBRE IO FIRMO LA QUERELA CONTRO I VERI EVASORI FISCALI, E TU? [EVENTO]


--------------------------------------------------------------------

REVOLUCION2010 VI INVITA A PASSARE IN PIAZZA DEL POPOLO PER FIRMARE LA QUERELA!

Link all'evento su facebook: https://www.facebook.com/event.php?eid=258013724235328

-------------------------------------------------------------------------
QUERELA/DENUNCIA CONTRO I PIU’ GRANDI EVASORI FISCALI:

1) Tutti i governatori e dirigenti della Banca Centrale Europea a partire dall’anno 2002;

2) Tutti gli appartenenti al consiglio d’amministrazione della .B.C.E.;

3) Tutti i governatori, consiglieri ed alti dirigenti della Banca d’Italia a partire dall’anno 1992;

4) Tutti gli appartenenti ai consigli d’amministrazione delle banche commerciali private operanti sul

5) territorio italiano a partire dall’anno 1992;

6) Tutti i titolari e dirigenti del ministero dell’ Economia a partire dall’anno 1992;

7) Tutti i titolari e dirigenti del ministero delle Finanze a partire dall’anno 1992;

8) Tutti i titolari e dirigenti del ministero del Tesoro a partire dall’anno 1992;

9) Tutti i titolari e dirigenti del ministero del Bilancio a partire dall’anno 1992;

10) Tutti i ragionieri generali dello Stato a partire dall’anno 1992;

11) Tutti i consiglieri e i direttori generali della Corte dei Conti a partire dall’anno 1992;

12) Tutti gli appartenenti ai consigli d’amministrazione delle società commerciali turistiche e

commerciali operanti sul territorio italiano riconducibili al controllo della chiesa cattolica a partire dall’anno 1992;

13) Tutti i consiglieri d’amministrazione dei gestori delle sale bingo e “giochi”, giochi “on-line” etc.;

14) Tutti i consiglieri e i direttori generali dei ministeri, istituti, apparati dello Stato, amministratori e

quant’altri responsabili degli enti periferici e degli enti locali a partire dall’anno 1992;

15) ed eventuali altri, secondo il ruolo ed il grado di responsabilità risultante dalle indagini.



Per le ipotesi dei reati p. e p. dagli articoli:



1) Concorso formale in reato continuato (art.81 c.p.);

2) Pene per coloro che concorrono nel reato (art.110 c.p.);

3) Circostanze aggravanti (art.112 c.p.);

4) Omissione di atti d’ufficio (art.328 c.p.);

5) Associazione a delinquere (art.416 bis);

6) Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.476 c.p.);

7) Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in certificati (art.477 c.p.);

8) Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.479 c.p.);

9) Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in certificati (art.480 c.p.);

10) Falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici (art.481 c.p.);

11) Falsità materiale commessa dal privato (art.482 c.p.);

12) Falsità ideologica commessa dal privato in atti pubblici (art.483 c.p.);

13) Falsità in registri e notificazioni (art.484 c.p.);

14) Uso di atto falso (art.489 c.p.);

15) Falsità commesse da pubblici impiegati incaricati di un pubblico servizio (art. 493 c.p.);

16) Omessa ed infedele dichiarazione ai fini delle imposte sul reddito o sul valore aggiunto d.l. 429

del 10 luglio 1982 artt. 1; 4

17) Ed eventuali altre fattispecie di reato che venissero rilevate nel corso delle indagini.-

LUOGO DI COMMISSIONE : Tutto territorio nazionale


TEMPO DI COMMISSIONE : Reati in corso di esecuzione;



Arresto obbligatorio in flagranza 

Link alla pagina: https://www.facebook.com/pages/Querela-Collettiva-classaction/239276712791820

Link articolo su Revolucion2010: http://www.revolucion2010.altervista.org/blogs/index.php/attualita/signoraggio-bancario/denuncia-contro-gli-unici-e-veri-evasori-fiscali-gli-usurai-aamp-c-video

Video della querela già presentata:
http://www.youtube.com/watch?v=nFzae7jmks4&feature=player_embedded

--------------------------------------------------------------------

REVOLUCION2010 VI INVITA A PASSARE IN PIAZZA DEL POPOLO PER FIRMARE LA QUERELA!

-------------------------------------------------------------------------

Link all'evento su facebook: https://www.facebook.com/event.php?eid=258013724235328


Permalink

Pages: << 1 ... 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 ... 32 >>

TRADUCI IL SITO

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro).

OFFICIAL CHAT R-EVOLUCION2010

NEWSLETTER


Strict Standards: Declaration of whosonline_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/_whosonline.plugin.php on line 125

Who's Online?

  • Guest Users: 20

Strict Standards: Declaration of ItemTypeCache::get_option_array() should be compatible with DataObjectCache::get_option_array($method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemtypecache.class.php on line 179

More views

XML Feeds


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
free counters

Revolucion2010 YouTube


Strict Standards: Declaration of flash_tag_cloud_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/flash_tag_cloud_plugin/_flash_tag_cloud.plugin.php on line 327

Banner

il prigioniero news


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
powered by b2evolution blog software

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Non-static method Hitlist::dbprune() should not be called statically in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_misc.funcs.php on line 248