Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Strict Standards: Declaration of UserSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Strict Standards: Declaration of UserSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of BlogCache::get_option_list() should be compatible with DataObjectCache::get_option_list($default = 0, $allow_none = false, $method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blogcache.class.php on line 355

Strict Standards: Declaration of Blog::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Blog::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Skin::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/skins/model/_skin.class.php on line 608

Strict Standards: Declaration of CollectionSettings::_load() should be compatible with AbstractSettings::_load($arg1 = NULL, $arg2 = NULL, $arg3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_collsettings.class.php on line 164

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Strict Standards: Declaration of ItemListLight::query() should be compatible with Results::query($create_default_cols_if_needed = true, $append_limit = true, $append_order_by = true, $query_title = 'Results::Q...') in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemlistlight.class.php on line 48

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php:54) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_template.funcs.php on line 59

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Strict Standards: Declaration of google_webmaster_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/google_webmaster_plugin/_google_webmaster.plugin.php on line 83

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236
NO ALLA DISINFORMAZIONE "MANIPOLATA" - R-Evolucion 2010
Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
  • Home

  • Strict Standards: Declaration of User::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::dbdelete() should be compatible with DataObject::dbdelete() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551
  • Contact
  • Gallery
  • Log in
  • Latest comments


Strict Standards: Declaration of GenericCategoryCache::clear() should be compatible with DataObjectCache::clear($keep_shadow = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategorycache.class.php on line 49

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of GenericCategory::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategory.class.php on line 45

Strict Standards: Declaration of Chapter::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/chapters/model/_chapter.class.php on line 38
Resisti Gaza, siamo tutti con te.

16/11/12 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Attualità, Politica, Politica Estera

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334


-Di Karima Al Zeer

Stanno attaccando Gaza, la mia amata Gaza.
Jaabari è stato ucciso.
La verità è che non mi sembra vero.
Sono morti anche dei bambini.
La mia mente vaga in quella terra
flash di immagini e ricordi si susseguono.
Resisti Gaza.
Resisti Palestina.
Resisti mio amato popolo.

————————————————————————————————————————————————

“In Israele si moriva di paura, mentre a Gaza si muore per davvero. Non è una differenza da poco, ma per la maggior parte dei mass media la differenza non si vede. O si vede al contrario, attraverso una lente deformata e giustificazionista del “diritto alla sicurezza”. Un neonato di 11 mesi carbonizzato da un missile israeliano, una bimba di 4 anni e una di 7 uccise da una bomba, una dozzina di bambini in fin di vita, hanno diritto a minor comprensione di un bambino israeliano spaventato. Mentre decine di droni armati di missili e numerosi F16 armati di bombe sganciano i loro oggetti di morte e colpiscono oltre 100 persone uccidendone 10 in un solo giorno, il Presidente degli Usa, Nobel Obama, invoca il diritto di Israele a difendersi . Forse ha preso un lapsus? Forse voleva dire che in base al diritto internazionale sono i palestinesi sotto assedio che hanno diritto a difendersi.
Purtroppo non è un lapsus, ma è la solita spudorata menzogna che si basa su una narrazione strutturata su due pilastri che servono da premessa sbagliata: spostare i tempi, invertire i ruoli. Funziona da sempre, e chi non sta al gioco perde il posto. Punto.
In questo momento arriva la notizia di tre israeliani uccisi da un razzo palestinese. Sincero cordoglio, noi non vogliamo la morte. Ma vogliamo che i mass media impegnati professionalmente e onestamente ricordino con il loro lavoro che la sicurezza non si ottiene assediando e bombardando ma solo imponendo il rispetto alla giustizia e alla legalità internazionale.
Secondo la IV Convenzione di Ginevra un popolo sotto occupazione ha il DIRITTO a difendersi e a ribellarsi all’occupante. Secondo il Diritto internazionale, in particolare l’art. 51 della Carta ONU, in situazione di conflitto dichiarato, esattamente come lo stato di guerra dichiarato da Israele verso Gaza, quel popolo ha diritto a difendersi e a resistere.
Se questa, come noi crediamo, confortati dal Diritto, è la premessa corretta da cui partire, la conseguenza per la sicurezza di Israele non può che essere l’abbandono dell’illegalità dell’assedio e dell’occupazione. Ignorarlo equivale a macchiarsi di concorso morale in crimini contro l’umanità, quello che il Presidente Abu Mazen potrà denunciare un momento dopo il riconoscimento dello Stato di Palestina come Stato, benché non membro, da parte dell’Assemblea Generale dell’ONU. Esattamente ciò che Israele, col favore del Nobel Obama, cerca di evitare.
Tutto questo il presidente Obama lo sa, noi lo sappiamo, Israele lo sa, anche gli operatori dell’informazione, almeno quelli professionalmente preparati lo sanno, ma all’opinione pubblica viene passato un messaggio diverso: quello che i “terroristi” sparano razzi da cui Israele deve difendersi e non piuttosto che Israele ha dichiarato guerra e assedia da sei anni la Striscia e occupa da decenni la Cisgiordania. Israele commette atti di terrorismo continuo, che la complicità di un lessico giornalistico accomodante definisce “omicidi mirati” quando non addirittura “operazioni di pace”.
Noi siamo un’associazione umanitaria, supportiamo la Mezzaluna Rossa Palestinese, nostro interesse è la sicurezza, la pace e la giustizia per il popolo palestinese. Da questo deriva la sicurezza e la pace anche per il popolo israeliano. Ma se la complicità internazionale, supportata troppo spesso anche dagli “opinion maker” non segue il canale della giustizia, i palestinesi seguiteranno a morire per mano diretta degli israeliani, ma nella loro legittima Resistenza non sceglieranno solo la lotta non-violenta, ma sceglieranno anche forme di lotta che al governo israeliano fanno gioco, ma che al popolo israeliano fanno, giustamente, paura.
Ci rivolgiamo a tutti gli operatori dell’informazione per chiedere loro di non farsi strumento di sostegno alle politiche di morte. La verità non è soltanto rivoluzionaria, non è soltanto correttezza professionale, è un DOVERE MORALE imposto sia a quelli di voi che pensano alla sicurezza di Israele, sia a chi ha consapevolezza della continua violazione dei diritti dei palestinesi.
“A volte il silenzio è tradimento”, lo diceva M. L. King, oggi omaggiato da tutti, ma allora lasciato uccidere da quel silenzio. Voi, operatori dell’informazione, sapete che oltre al silenzio la verità e la giustizia si tradiscono anche con la giusta miscela del detto, non detto e detto male. Vi chiediamo di non farlo più.
Non vi chiediamo di schierarvi per l’una o l’altra parte, vi chiediamo di schierarvi per la giustizia. Lo sapete benissimo da quale parte sta. Il vostro dovere, morale e professionale, è soltanto quello. Aiutateci a dire “restiamo umani”.” (Associazione Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese, onlus)

————————————————————————————————————————————————-

Sono 64 anni che ci occupano. La resistenza è sacrosanta!

Non è bello parlare con la propria sorella (in questo caso di mio marito) e sentirsi dire che uno dei missili di ieri è caduto sotto casa sua, che loro erano (per fortuna) tutti insieme nel lettone con i bimbi, che i vetri si sono spaccati e sono andati addosso ai loro corpi, che la casa si è riempita di detriti e fango; non è bello nemmeno sentirsi dire dalla propria madre (sempre di mio marito) che pochi minuti prima della chiamata telefonica un missile è caduto a poca distanza da casa loro e che è un continuo e un susseguirsi. Non c’è un attimo di tregua. Non te la danno.

I bombardamenti continuano. Il numero delle vittime, 19 fino a ieri sera, aumenta. Tra loro molti bambini. Piccoli innocenti, che Israele reputa “terroristi” senza alcun diritto alla vita. Immaginate soltanto che uno di quelli sia il vostro amato bambino. Il dolore straziante di una madre e un padre che si vedono strappare dalle mani il proprio figlio. Ecco io non ci riesco. Rabbrividisco al solo pensiero. La rabbia prende il sopravvento. Vorrei urlare al mondo, a questo ingiusto e cieco mondo, la mia rabbia e il mio sdegno.

Poco più di un mese fa ero lì. Immagino le facce dei miei nipotini acquisiti. Immagino la loro paura. Sì, qualche “botto” l’ho sentito anche io, ma nulla di paragonabile a ciò che sta accadendo in questi giorni. Ricordo perfettamente il viso di mia cognata che con un sorriso bellissimo mi disse “Non aver paura”. E ora mi domando chissà quanta paura sentono. Ora ci sei e un attimo dopo non ne hai la certezza.

Provo un senso di dolore, di malessere, incapace di descriverlo. Una strana sensazione. Perchè ripensi ai giorni trascorsi là, ripensi a quanto le persone ti facessero stare bene, a quanto, comunque, si cercasse di vivere una vita “normale”, nonostante si leggessero notizie di attacchi poco distanti e di persone morte. Molte persone ignorano il fatto che, in ogni caso, da quando esiste Israele, ci sono sempre morti e feriti palestinesi, non cessano mai. Le violazioni dei basilari diritti umani sono all’ordine del giorno…

Ora, tutti quelle immagini di ricordi ruotano incessantemente nella mia testa. Stento quasi a crederci. Io ero lì. Ho messo piede in quelle strade molte delle quali ora non sono che un cumulo di macerie. Ho assaporato il profumo del mare e visto con i miei occhi il tramonto sull’acqua.

E mi domando quando verrà il giorno in cui ci si potrà svegliare la mattina, a Gaza, e vivere una giornata “normale”, sicura del fatto che prima o poi giustizia sarà fatta.

Fonte: http://giornalismo2012.wordpress.com/2012/11/16/resisti-gaza/

 


Permalink

La foto della moto ad acqua corre sul web. Ma è una bufala.

16/11/12 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Novità della Revolucion, Bufale

 

Una pagina di simpaticoni ha caricato su Facebook questa foto:

La foto ha già avuto più di 8000 condivisioni.

Questa è la descrizione:

“LEGGETE LA DESCRIZIONE E CONDIVIDETE:

Un team di ingegneri Giapponesi ha messo a punto questo prototipo di moto che va ad acqua. L’unica accortezza è che l’acqua deve essere distillata, come quella del ferro da stiro, e costa 0,10€ al litro (la trovate al supermercato)!!! Con un litro si può fare fino a circa 20km in area urbana e 12km in autostrada a una velocità di 110km/h. n pratica potete far

e Roma-Milano spendendo poco più di 4€!!! Il costo di produzione della moto è di 4000€, dice Chi Yung, il responsabile marketing del progetto, ma portandola su grande scala si riuscirebbe a ridurre i costi fino a 2800€ per singolo esemplare.

 

Una vera rivoluzione, ma nessuno ne parla… perché? Facile: le grandi lobby pretolifere hanno pagato i giornalisti per non diffondere la notizia, altrimenti fallirebbero nel giro di poche settimane.

Noi siamo il web, siamo il 99%, facciamo girare!!! è giusto che la gente sappia!”

Si tratta di una bufala. La moto nella foto è un Concept della Yamaha che, se realizzato, si alimenterà con il classico carburante.
Casi come questo dovrebbero farci riflettere su come sia semplice manipolare la realtà.
Se ci riescono dei simpaticoni con una frasetta scritta su una foto, immaginiamo cosa possono combinare quelli che hanno in mano i mezzi di comunicazione di massa
Fonte: http://www.losai.eu/la-foto-della-moto-ad-acqua-corre-sul-web-ma-e-una-bufala/

 


Permalink

"MINISTRO FORNERO, DOVE STA ANDANDO?", LEI RISPONDE COSÌ - VIDEO

 

Giulia Innocenzi tenta di chiedere ai politici perché si stiano dirigendo, a sera tarda, nel palazzo dei Musei Capitolini. La Fornero: "Di questo non ho idea"

 

 

Giulia Innocenzi di Servizio Pubblico è a Roma e tenta di chiedere ai politici perché si stiano dirigendo, a sera tarda, nel palazzo dei Musei Capitolini.

Proprio in quel palazzo si è tenuta la cena organizzata da Telecom Italia in occasione del convegno delgruppo Bilderberg. Elsa Fornero, intervistata prima dello svolgersi della cena (dal minuto 4.20 del video), pare non avere idea di dove stia andando.

Il Gruppo Bilderberg (detto anche conferenza Bilderberg o club Bilderberg) è un incontro annuale per inviti, non ufficiale, di circa 130 partecipanti, la maggior parte dei quali sono personalità influenti in campo economico, politico e bancario. I partecipanti trattano una grande varietà di temi globali, economici, militari e politici. Il gruppo si riunisce annualmente in hotel o resort di lusso in varie parti del mondo


Permalink

DIRETTA: Gaza sotto attacco

Almeno 15 i morti palestinesi, molti bambini. Tre vittime israeliane. Riunione d'emergenza all'Onu. Manifestazioni di protesta in Israele e nel mondo.

dalla redazione

Gaza, 15 novembre 2012, Nena News - Continuano i bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza. Il nostro inviato a Gaza riporta di numerose esplosioni. L'Operazione Pillar of Clouds annunciata da Israele sta provocando un'escalation di violenza contro la Striscia. Almeno 15 le vittime palestinesi, tra cui numerosi bambini. Tre quelle israeliane.


ORE 15.11: Ma'an News riporta del ferimento di un ragazzo palestinese nel villaggio di Al Khader, a Ovest di Betlemme durante degli scontri con l'esercito israeliano.
Intanto Israele e Hamas si dichiarano reciprocamente guerra: il partito islamico parla di "vero conflitto" contro Israele, mentre il premier Netanyahu ripete che il suo Paese è pronto a prendere tutte le misure necessarie a difendersi. Ma dal Sud di Israele giunge una voce fuori dal coro. Una madre israeliana fa appello al suo governo: "Non difendetemi, non così".

ORE 14.50: Il presidente dell'Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha chiesto ad Hamas di fermare il lancio di razzi verso Israele, al fine di interrompere l'escalation di violenze nella Striscia.

ORE 14.45: Secondo il sito di informazione Ynet News, ieri notte l'esercito egiziano ha inviato truppe nella penisola del Sinai, al confine con Israele. Anche militari israeliani sono stati schierati al confine.

ORE 14.41: Fonti israeliane hanno riferito che il consiglio militare israeliano ha emesso l'ordinanza numero 9, che ordina il reclutamento immediato delle riserve militari in seguito escalation al confine con la Striscia di Gaza.

ORE 14.00: Il presidente dell'ANP, Mahmoud Abbas, ha dato istruzioni al suo goveno perchè invii a Gaza venti camion di medicine e materiale ospedaliero.

ORE 13.54: Secondo quanto riportato da Ma'an News, due giovani palestinesi sono stati arrestati dalle forze israeliane al checkpoint di Huwwara in Cisgiordania durante una manifestazione contro l'attacco a Gaza.

ORE 13.48: Il segretario agli Esteri britannico, William Hague, accusa Hamas di essere la sola responsabile dell'escalation di violenza contro la Striscia di Gaza. Hague condanna il lancio di missili da Gaza verso Israele e chiede a Tel Aviv di fare il possibile per far calare la tensione: "Hamas è il principale responsabile dell'attuale crisi. Crea un'intollerabile situazione per i civili israeliani, che hanno il diritto di vivere senza la paura di essere attaccati".

ORE 13.40: Fonti sul campo affermano che l'UNRWA ha chiuso tutte le sue istituzioni nella Striscia di Gaza a causa dell'escalation militare israeliana.

ORE 13.15: Nella tarda serata di ieri, nella città di Ramallah, centinaia di palestinesi hanno indetto una manifestazione di protesta contro l'operazione israeliana a Gaza. Dopo poche ore, le forze di sicurezza palestinesi sono intervenute per disperdere i manifestanti che si stavano avvicinando ai posti di blocco israeliani. Fonti sul campo hanno riferito che alcuni manifestanti sono stati feriti negli scontri con la polizia palestinese. La folla si era riunita a Piazza Manara di Ramallah: i partecipanti hanno scandito slogan pieni di rabbia chiedendo vendetta e rappresaglia e la fine della cooperazione tra la sicurezza palestinese e l'occupante.

ORE 13.06La bambina di 9 mesi, Hanin Tafish, rimasta gravemente ferita nel bombarda del campo profughi di Jabaliya, è mortaDeceduto anche un altro bambino, Walid Al Abadle, a Nord di Khan Younis. Intanto il ministro degli Esteri israeliano Lieberman ha detto che il 30% dei bambini israeliani residenti a Sud del Paese soffrono di stress e attacchi di panico per il lancio di missili da Gaza.
Colpita un'ambulanza palestinese a Nord della Striscia. La prigione di Gaza è stata evacuata, i prigionieri sono stati spostati in altri edifici o rimandati a casa. 

ORE 12.37: dal nostro inviato - Appena arrivati all'ospedale di Shifa a Gaza City due feriti gravi, un uomo e una bambina di 9 mesi, colpiti nell'attacco contro il campo profughi di Jabaliya, nel quale sono morti due militanti delle Brigate Al Qassam. Le loro condizioni sono gravissime.
Continui sbalzi di elettricità e black out: impossibile collegarsi ad internet dalla Striscia, problemi negli ospedali che stanno accogliendo i feriti.

ORE 12.29: In un comunicato le Brigate Ali Abu Mustafa, ala militare del PFLP, rivendicano 12 operazioni di lancio di missili contro il territorio israeliano in risposta all'offensiva militare israeliana iniziata ieri sera.
La prima operazione è stata sferrata ieri sera alle ore 20.24 con il lancio di 2 missili Grad verso Be'er Sheva. Nel corso della notte fino a poche ore fa sono stati lanciati altri 25 missili Grad e missili 107 in diverse zone israeliane, tra cui Ashkelon, Sderot e Askalan. 

ORE 12.21: Il presidente egiziano Morsi terrà insieme al ministro della Difesa una riunione d'emergenza con il governo per discutere dell'attacco israeliano. L'Egitto ha richiamato il suo ambasciatore in Israele.
Intanto il presidente israeliano Shimon Peres aggiorna costantemente Obama dell'operazione in corso e lancia un blitz diplomatico per "spiegare" l'offensiva contro Gaza, confermando l'intenzione di Tel Avivi di procedere nei prossimi giorni con attacchi mirati a militanti di Hamas e della Jihad islamica.

ORE 12.15: Nel quartiere palestinese di Issawiya, Gerusalemme Est, sciopero in solidarietà con l'aggressione israeliana contro la Striscia di Gaza e la costante repressione in Cisgiordania.

ORE 12.06: Sale il bilancio delle vittime: ucciso un palestinese nel campo profughi di Jabaliya. 
Intanto navi da guerra israeliane si stanno posizionando vicino la costa Nord di Gaza. A terra, pronti al confine veicoli militari israeliani. Secondo l'IDF, da ieri pomeriggio militant palestinesi hanno lanciato verso Israele 198 missili. Il sistema di intercettamento Iron Dome ne ha fermati 48.

ORE 12.03: I Fratelli Musulmani organizzano quattro manifestazioni di protesta nel pomeriggio contro l'aggressione militare israeliana a Gaza. 
Hanan Ashrawi, membro dell'OLP, condanna l'azione israeliana e chiede al Quartetto e alla UE di intervenire con misure severe al fine di fermare l'uccisione di innocenti e gli omicidi mirati israeliani.

ORE 11.51: dal nostro inviato - Tra il valico di Erez e Gaza City non si vede anima nelle strade. C'è un po' di gente in giro solo nei quartieri di Gaza City, vicini al mare. Folle di palestinesi invece sostano davanti agli ospedali dove sono ricoverati i feriti (alcuni dei quali in condizioni gravissime). Molti altri stanno partecipando ai funerali delle vittime di ieri e di questa mattina. 
Tutti gli uffici pubblici sono chiusi così come le sedi dei servizi di sicurezza di Hamas, perchè obiettivo dei raid aerei. Regna un clima di paura. Questa notte si teme l'inizio di una offensiva di terra. 

ORE 11.49Le Brigate Al Qassam, braccio armato di Hamas, hanno annunciato il lancio dell'operazione "Shale Stones", in risposta all'azione militare israeliana "Pillar of Clouds". In mattinata lanciati verso la Linea Verde 12 mortai, 48 missili Grad e 67 razzi. La risposta dell'IDF: 31 attacchi aerei in tutta la Striscia.
Il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak ha affermato che l'IDF continuerà ad intervenire per disarmare Hamas e le altre fazioni con il fine di ripristinare la calma. Barak ha riferito che i sistemi di lanci di razzi appartenenti al gruppo Fajr-3 sono stati disattivati.

ORE 11.40: Su richiesta dell'Egitto, il meeting d'urgenza del Consiglio di Sicurezza Onu sull'attacco contro Gaza è appena cominciato. Ieri un precedente incontro non aveva portato ad alcuna decisione in merito. 
In una telefonata con il Segretario di Stato, Hillary Clinton, il ministro degli Esteri egiziano, Mohammed Kamel Amr, che chiede agli Stati Uniti di "intervenire subito per fermare l'aggressione israeliana contro Gaza".

ORE 11.31: Manifestanti palestinesi alla moschea principale di Gaza City per il funerale del leader di Hamas, Ahmed Jaabari, ucciso ieri dall'aviazione israeliana. Intanto proseguono i bombardamenti:centrata Al-Shuja'ia, cinque feriti di cui quattro bambini.

ORE 11.26: Proteste in tutto il mondo contro l'aggressione israeliana a Gaza. Sono state indette azioni a livello globale in risposta all'attacco israeliano contro la Striscia. La lista delle azioni. 

ORE 11.10: RaiNews24 rende noti i nomi delle vittime palestinesi di queste ore. Tra loro una bimba di 4 anni, Rinat Arafat, e un neonato di 11 mesi, Ahmed Mashrawi. Uccisa anche una 19enne incinta, Hiba al-Mashrawi. Identificati i corpi di altri tre civili: Hani al-Kasih (19 anni), Mahmud Sawawein (65) e Habes Mesmeh (30). Tre miliziani uccisi: Issam Abul-Mizah, Wael al-Ghalban e Hisham al-Ghalban.

ORE 10.55: Il sito israeliano Ynet News riferisce che la Siria ha aperto il fuoco nei pressi di una postazione israeliana sulle Alture del Golan. Sembra si sia trattato di un errore accidentale. Nessun ferito. 

ORE 10.45: Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha chiamato ieri notte il premier israeliano Netanyahu e il presidente egiziano Morsi perché fermino le violenze nella Striscia.
Parlando con Morsi, Obama ha reiterato il diritto israeliano di difendersi dagli attacchi e ha condannato il lancio di missili da Gaza. Nella dichiarazione ufficiale della Casa Bianca si legge: "Il Presidente ha ricordato al premier Netanyahu il sostegno degli Stati Uniti e il diritto di autodifesa dello Stato di Israele. Il Presidente ha chiesto al primo ministro Netanyahu di compiere ogni sforzo possibile per evitare vittime civili. I due si sono trovati concordi nel dire che Hamas deve interrompere gli attacchi contro Israele per permettere il calo delle violenze".

ORE 10.20: Funzionari palestinesi annunciano che il presidente dell'ANP, Mahmoud Abbas, ha cancellato la visita in Europa per seguire gli sviluppi : dell'attacco israeliano contro Gaza. Saeb Erekat, capo negoziatore palestinese, ha fatto sapere che Abbas ha cancellato i meeting previsti per oggi in Svizzera ed è rientrato a Ramallah. 

ORE 9.45Israele questa mattina ha impedito ai giornalisti internazionali di entrare nella Striscia, ma ha ora aperto il valico.
Il nostro inviato racconta di strade deserte, pochissimi i palestinesi per la strada. Le forze di sicurezza di Hamas sono scomparse, il posto di blocco all'ingresso della Striscia è stato rimosso e spostato all'interno di un edificio.

ORE 9:L'esercito israeliano ha fatto sapere di aver colpito 100 siti durante la notte: "Abbiamo seriamente danneggiato i siti di lancio missili e i magazzini di armi di Hamas e di altre organizzazioni terroristiche", si legge nel comunicato.

Le esplosioni sono risuonate sopra il cielo di Gaza per tutta la notte:fonti mediche parlano di almeno undici morti, tra cui tre bambini e tre militanti palestinesi. Ieri lo Stato di Israele ha annunciato il lancio di una nuova Operazione, Pillar of Clouds, ricevendo il plauso e l'appoggio degli Stati Uniti.

Il Consiglio di Sicurezza Onu si è riunito in un meeting d'emergenza ieri notte per discutere dei nuovi raid israeliani contro la Striscia, ma nessuna decisione è stata presa. Sabato incontro della Lega Araba al Cairo.

Come riporta il nostro inviato a Erez, pare ci siano anche tre vittime israeliane: una casa a Sud di Israele sarebbe stata centrata da un missile. A riferirlo la tv israeliana: decine i razzi lanciati da Hamas verso il Sud di Israele; uno avrebbe centrato una casa nella città di Kiryat Malachi, a 25 chilometri dal confine con Gaza. 

Il Palestinian Telegraph Newspaper riporta di volantini lanciati su Gaza dall'aviazione israeliana nel quale l'esercito avverte la popolazione: "Per la vostra sicurezza, evitate di essere presenti nelle vicinanze delle strutture e i membri di Hamas e altre organizzazioni terroristiche che comportano un rischio per la vostra sicurezza. Hamas è di nuovo il responsabile di violenza e bagni di sangue nella regione L'IDF è determinato a difendere i cittadini dello Stato di Israele".

Ieri notte, intanto, un centinaio di attivisti israeliani si sono ritrovati di fronte alla casa del ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, a Tel Aviv, per protestare contro il nuovo attacco contro la Striscia di Gaza. I manifestanti, membri delle associazioni Meretz, Hadash e Pirates Party, hanno intonato slogan: "Israele, Palestina, due Stati per due popoli", "Soldi per l'welfare e non per la guerra", "Ministro, quanti bambini hai ucciso oggi?".

Altre manifestazioni sono previste per oggi a Gerusalemme, Haifa e Tel Aviv. Nena News

Fonte: http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=41118


Permalink

La menzogna degli "aiuti" di Monia Benini

Gli 'aiuti' che vengono elargiti agli Stati rappresentano un cavallo di Troia che impicca i paesi membri dell'UE con nuovi debiti e con un'occupazione silente da parte delle lobby. Dal piano Marshall del dopoguerra, ai moderni aiuti alla Grecia: le dinamiche e i motivi nascosti dei piani di 'salvataggio'.

Fonte: http://testelibere.it/video/la-menzogna-degli-aiuti


Permalink

Fusolab 2.0 RI-NASCE e INAUGURA LA SUA NUOVA CASA

************************************
***** Venerdì 9 novembre, ore 22.00 *****
************************************

“LET'S ROCK!” presenta

 

ADELS in concerto (rockabilly)
A cura di LALLA HOP

LET'S ROCK! è il nuovo appuntamento a ritmo di rock'n'roll ideato da Fusolab in collaborazione con Lalla Hop.
Una volta al mese concerti, balli e dj set America anni 50.
I live saranno a cura di alcune delle migliori band rockabilly del panorama italiano.La consolle affidata a Lalla Hop e dj Arpad, scandirà sonorità rock'n'roll, jive, rockabilly e rhythm'n'blues che faranno ballare fin dal primo minuto della serata.

ADELS - rockabilly band - Sicilia
Un pò di numeri: insieme da 18 anni, hanno pubblicato 10 CD e 1 DVD, più di 1800 concerti sulle spalle (negli ultimi anni anche 180 concerti di media l’anno) e 180.000 i kilometri percorsi annualmente sulle strade di tutta Italia!.. ..
Questi sono gli Adels, la band formata nel 1994, oggi composta da Diego “Rockin” Geraci alla chitarra e alla voce, Fabio “Fabulous” Cinque al contrabbasso (slappato, proprio come facevano i bassisti negli anni ’40 e ’50) e Sandro Pittari alla batteria.Durante questi 18 anni gli Adels, dopo aver iniziato come trio dedito al rockin-blues, hanno affinato un loro stile molto più personale dove Rockabilly, Surf, Blues e Punk convivono insieme creando quello che loro chiamano “Pure South-a-Billy Sound”: i loro musicisti di riferimento sono tutti quegli autori che nei ’40 e nei ’50 suonavano in maniera assolutamente selvaggia, pur mantenendo di base una finezza rarissima da trovare negli artisti odierni insieme alle band di neo-rockabilly degli anni '80! ..

www.adels.it
http://www.facebook.com/pages/Adels/41205684490


************************************
*******Sabato 10 novembre************
************************************

Taxidrivers presenta
“SCHERMI RIBELLI”
Cineforum indipendente 

Ore 20.00 Proiezione “OMBRE” di Emanuele Pica - 15’ - 2011
(cortometraggio con Vinicio Marchioni)

Ombre è un thriller psicologico che vede Angelo, un commerciante in crisi, essere ossessionato dalla figura di Mario, strano personaggio che sembra seguirlo ovunque vada
Ore 20.30 Proiezione “MAMMA DAMMI LA BENZA” di Angelo Rastelli – 85’ - 2005 (Premio MEI 2005 miglior documentario musicale)

Mamma dammi la benza racconta quell’irripetibile momento di appropriazione di uno slancio culturale proveniente dal fermento della Londra del 1977. Il punk tricolore è stato senza dubbio frutto del modello angloamericano ma meno tragico e nichilista, più irriverente, e in alcuni casi buffonesco, situazionista, demenziale e addirittura folle. Il film si sofferma anche sulle realtà romana e torinese. A parlare sono i protagonisti dell’epoca. Tra questi: Glezos, Ruggeri, Tony "Face" Bacciocchi dei Not Moving, Steno dei Nabat, Johnson Righeira, Plastic Girl degli HitlerSS, Helena Velena dei Raf Punk e Attack Punk. Non mancano alcuni osservatori e appassionati del fenomeno quali Federico Guglielmi, Claudio Sorge e Red Ronnie.

A seguire 
guest star HELENA VELENA 
Performance di poesie punk

Helena Velena vive e lavora tra Bologna, New York, Roma & San Francisco, dedicandosi a sperimentazioni sessuali e trascorrendo buona parte del suo tempo in cyberspazio". Helena unisce una mente brillante dotata di un approccio situazionista ed estremamente critico e provocatorio, ad un look molto vistoso e volutamente altrettanto provocatorio (e non stereotipato in questa direzione), o meglio "challenging" delle convenzioni dell'identita' e dell'abbigliamento, il cui risultato e' quello, appunto, della agitatrice sociale totale, fuori da tutti gli schemi, incasellamenti e convenzioni.


Ore 22.30
“LIVE@ FUSOLAB” presenta 
STARVING PETS + LE MAN AVEC LES LUNETTES in concerto

Starving Pets è un progetto parallelo di Andy, voce dei Farmer Sea (www.farmersea.it) che racchiude canzoni malinconiche, registrazioni casalinghe, voci filtrate e suoni lo-fi. Le prime sei canzoni, scritte e registrate nell'Ottobre del 2006, finiscono nella mani di Stephen della Dust Wind Tales (http://dustwindtales.wordpress.com/) che nell'aprile del 2009 pubblica "Folk Not Love". 

http://starvingpets.bandcamp.com/


Le Man Avec Les Lunettes
Una band di Brescia, un nome d’oltralpe, una voce che canta in inglese: i Le Man Avec Les Lunettes ci fanno respirare a pieni polmoni l’amore e la forza degli Anni Sessanta, dove tutto ciò che era possibile era a portata di sogno. Sparkles (We Were Never Being Boring Collective - 2011) è il loro ultimo lavoro, ennesimo tassello di un immaginario ormai ben rodato. Materiale orgogliosamente nostalgico ma senza retorica passatista, elegante e delicato al tempo stesso, a dimostrare che "autorevolezza" non fa rima soltanto con "sperimentazione". Le armonie, gli intrecci, e la brezza tra le corde delle chitarre restituiscono quell’atmosfera retro in cui questo EP è stato pensato, scritto e registrato. La sensazione che ogni momento, filtrato dalle lenti di questi Lunettes, sia unico.

http://lemanavecleslunettes.tumblr.com/

a seguire 
FUSORADIO LIVE PARTY 
Live set a cura di Benny & JJ, X FattonCrew 

************************************
*****Domenica 11 novembre, dalle 19*****
************************************
Domenica 11 novembre, dalle 19

Aperitivo@Fusolab
Prelibatezze originali per iniziare al meglio la serata!
Fusoradio Live set a cura di Mr. Green (Reggae world message)

a seguire 
Presentazione dei corsi 2012/2013 del Fusolab 2.0

Ore 22.30
“LIVE@ FUSOLAB” presenta 
CORRADO MERAVIGLIA + EILDENTROEILFUORIEILBOX84 in concerto

CORRADO MERAVIGLIA 
Nato a Savona (classe 1969), suona per tutti gli anni novanta nei Rimozione Forzata (poi EmmaPeel) con tutte le influenze del periodo (Dinosaur Jr, Sonic Youth, Ride, Motorpsycho, Sebadoh, Pavement, Buffalo Tom, God machine, Massimo Volume, Red House Painters). Negli anni zero si dedica a fare il regista di cortometraggi (vincendo anche qualche premio), apre il blog Comavigile e intanto registra canzoni che tiene per se. Dal 2007 lavora a Roma occupandosi di montaggio video per la televisione. Alla fine del 2011 La Fame Dischi si accorge di lui e il 4 Gennaio 2012 pubblica il suo primo album "Parlo Sempre Con Le Persone Sbagliate". Il resto è algebra. 
http://soundcloud.com/coraado


EILDENTROEILFUORIEILBOX84 
Pirotecnico trio romano, nato nel box auto numero 84 formato da Giuseppe Maulucci, Giorgio Rampone, Lorenzo Lemme.
Chiamano il loro genere “Hard-Quore“: nonostante il grande impegno nell’uso delle parole e la gravità degli argomenti trattati nei contenuti dei testi, dal vivo ci troviamo spesso davanti a tre giullari che ballano, sudano, si divertono e si prendono in giro assieme al pubblico.
L’aspetto live è infatti parte integrante della loro poetica: basso, batteria, chitarra, sinth, campionatore, multieffetti e tre voci che si alternano e si sovrappongono continuamente.
Nel corso della loro lunga carriera hanno condiviso il palco con: Caparezza, Zen Circus, Giorgio Canali, Offlaga Disco Pax, Benvegnù, Tre Allegri Ragazzi Morti, Bud Spencer Blues Explosion, The Niro, IOSONOUNCANE e molti altri.
Il primo disco è ”Obecalp“ del 2004. Dal 2007 con ”Omota’L” e ancor di più dal 2009 con “AnanaB” guadagnano visibilità e iniziano a suonare in tutta Italia in locali e in vari festival: Sporco Impossibile, Il Sorpasso, Unconventional Music Fest, Vudstock in Sabina, Val d’Agrò Music Fest, Rockaria, Indipendulo MEI, Ephebia Festival (vincitori), Meeting del Mare, Onda Wave e tanti altri.
Gli Eildentroeilfuorieilbox84 hanno scelto di rendere i primi tre album liberamente disponibili sotto licenza Creative Commons.
Dal 2010 entrano nel rooster della “Famosa Etichetta Trovarobato” di Bologna.
Nell’aprile 2012 esce finalmente “La Fine Del Potere” per Trovarobato/Audioglobe/Sferacubica.
Gli Eildentroeilfuorieilbox84 bevono solo acqua del rubinetto.

http://www.facebook.com/eee84
http://www.eildentroeilfuorieilbox84.org/
http://www.youthlessclub.it/
http://www.facebook.com/youthlessclub


FUSOLAB 2.0
Viale della Bella Villa 94 (zona Alessandrino, Roma) 
www.fusolab.net - info@fusolab.nethttp://www.facebook.com/fusolab -https://twitter.com/fusolab

INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE 

PARCHEGGIO FINO ALLE 3.00 PRESSO IL PARCHEGGIO MULTIPIANO IPERCOOP

Ufficio stampa Fusolab 
Claudia, cell. 339.1636456, ufficiostampa@fusolab.net

 


Permalink

COS’È L’ESM? PARLIAMONE CON LIDIA UNDIEMI, ELSA FORNERO, PIERO FASSINO, BEPPE GRILLO, ANTONIO DI PIETRO

Scritto da Roberta Barone
Mercoledì 31 Ottobre 2012 10:35

foto_7Quante volte ci siamo chiesti come siamo arrivati a questo punto? E quante volte abbiamo cercato di colmare i nostri dubbi, appagare le nostre esigenze di risposta o semplicemente ricercare da noi stessi la verità? Forse poche, pochissime. Eppure ultimamente, colpiti dalla voglia di comprendere quelle terribili variazioni di spread quotidiano, ci siamo armati di coraggio e.. Abbiamo capito.

Abbiamo capito che esiste un tunnel nero da cui si intravede una luce. E non è la stessa di Mario Monti quando disse giorni fa: "Vedo una luce in fondo al tunnel e noi, il resto d'Europa, ci stiamo avvicinando". No, è luce della conoscenza che va inversamente proporzionale all'assurdità rappresentata da un "disegno" europeo che ci impone certe condizioni. Potremmo definirle pezzi di un puzzle che dà origine alla parola "dittatura finanziaria"?

Intanto cerchiamo di capire cosa sia il MES o ESM (meccanismo europeo di stabilità): ce lo spiega Lidia Undiemi, studiosa di economia e diritto, che si è occupata diverse volte dello stesso tema, denunciandone i punti critici e discutibili a livello nazionale e non solo. Il cosiddetto Fondo Salva Stati si presenta come un'organizzazione finanziaria intergovernativa nata per "aiutare gli stati membri in difficoltà" attraverso un capitale di circa 700 miliardi di euro a cui l'Italia parteciperà come terza maggior contribuente con una percentuale del 17,9 %, in relazione al proprio Pil. Una volta ricevuta una somma in prestito dallo stesso, uno Stato richiedente si trova poi nella condizione di dover pagare tassi di interesse altissimi e, nel caso in cui non riuscisse a far fronte a tale pagamento del debito, si ritroverebbe a dover sottostare a rigorose condizionalità quali possono essere le stesse imposte recentemente alla Grecia o pericolose perdite di sovranità nazionale.

Abbiamo chiesto al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Elsa Fornero, cosa comporterebbe perdere tale sovranità: "Io non credo che dobbiamo avere paura di perdere sovranità- dice - perché credo che i vantaggi dell'Unione Europea siano molto maggiori degli svantaggi che una piccola perdita di sovranità delle nazioni può comportare." Mentre Piero Fassino, attuale sindaco di Torino, così commenta: "Gli Stati non rinunceranno alla propria sovranità ma diventeranno soci di una sovranità europea comune più forte- continua – L'Unione europea necessita di un grado di coesione più forte e per far questo e mettersi al riparo dai rischi speculativi conosciuti in questi mesi deve rafforzare i poteri delle istituzioni europee; l'Esm va in questa direzione".

E' fondamentale però sottolineare la preminenza di un altro punto: l'entrata in vigore dell'ESM comporterà una vera e propria finanziarizzazione della democrazia, come la definisce la Undiemi, non solo perché gli Stati godranno del diritto di voto in proporzione alle somme versate all'interno della stessa organizzazione ma anche perché coloro che presteranno i soldi avranno la possibilità di poter incidere sulla politica interna dello Stato, traducendo la democrazia in oggetto di contrattazione finanziario.

Sempre parlando di ESM, abbiamo anche avuto il piacere di discuterne con il leader del Movimento 5 stelle, Beppe Grillo, il quale ha sottolineato il fatto che nessuno in Italia si prenderà la responsabilità della firma e della ratifica di tali trattati perché tutto avviene sotto anonimato e protezione. Il MS5 si è diverse volte occupato, infatti, di informare gli elettori sulla pericolosità di tale trattato anche se, c'è da dirlo, molti denunciano il fatto che, almeno nel web, ciò sia principalmente avvenuto dopo il 19 Luglio, ovvero dopo la ratifica della modifica dell'art. 136 del trattato sul funzionamento dell'Ue, passata in Senato in Italia.

Curiosa invece la risposta del leader nazionale di Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, che il 26 Aprile di quest'anno, in una nostra intervista sull'ESM, ha espressamente riferito che "di queste questioni se ne occupa" un altro esponente del partito incaricato di curare i rapporti con l'Europa: è possibile quindi ratificare trattati sconosciuti affidandosi a terzi?

Intanto la Fornero ha poi parlato di un "disegno di inclusione dei diversi popoli che oggi appaiono divisi sotto molti profili e che inevitabilmente dovranno camminare insieme".

La domanda sorge spontanea: quella dell'ESM è una tappa soltanto finanziaria o anche politica?

Sembra quasi che, più che camminare insieme, molti stati europei oggi si comportino come due ubriachi, in quella famosa storia, che barcollando cercano di appoggiarsi l'uno sull'altro, di fronte una realtà che forse non vogliono nemmeno vedere.

Roberta Barone

 

Fonte: http://www.infoagrigento.it/component/content/article/50/17213


Permalink

Assalto al rave a Cusago – VIDEO e Testimonianze


 

MilanoInMovimento incontra alcuni testimoni dell’assalto al rave di Cusago.

ANALISI SULLO SGOMBERO DEL RAVE A CUSAGO - Matteo Saltalamacchia (Opposticoncordi)

RAVE ON

Questi ragazzi francesi cui è stato sequestrato l’impianto sono veri maestri nell’attività dei Rave. Ricordo perfettamente i loro Rave di diversi anni fa nei dintorni di Milano, Rubattino, San Giuliano, Segrete; ero uscito anche sta volta per andarli a vedere dopo tanti anni che non li vedevo, e mi dispiace pensare che forse non si vedranno più.

Sono stati già denunciati e privati di impianti e mezzi di trasporto in Francia, eppure continuano a infrangere la legge perpetuando questo loro rituale, ostinandosi pacificamente, per cui potremmo dire ostinandosi in questa ‘protesta civile’.

Il rave infatti infrange la legge, in quanto azione sovversiva e TAZ, cioè zona temporaneamente autonoma, nel seno proprio di ‘autonoma’ rispetto alle leggi e alle norme costituite.

E’ questo parte integrante della sua essenza, del suo senso e del suo bello, per chi riesce a vederlo.

LO STRUMENTO DI CONTROLLO E REPRESSIONE: IL TULPS

Il TULPS(1) parla chiaro, in Italia i Rave sono belli che vietati dal 1931 quando venne varato questo decreto regio, strumento di controllo e repressione delle azioni sociali rinnovato da molte legislature fino al 2008. Vietati come qualsiasi altro raduno che per luogo o numero dei partecipanti abbia carattere di riunione pubblica e che non sia stata comunicata e approvata preventivamente dal Questore competente. Con buona pace di chi, nemmeno degno di menzione, ne chiede il divieto ‘come Francia’.

Nella nostra storia recente questo strumento è più usato in casi di manifestazioni politiche, dove si applica lo scioglimento forzato della manifestazione se si rischia il degenero in azione di rappresaglia. Ma un Rave di questo genere, isolato in un capannone nascosto nelle periferie non può certo generare in una rivolta popolare.

Il TULPS è uno strumento malleabile: dice esplicitamente che vanno anche impedite le ‘manifestazioni lesive del prestigio delle autorità’. Il caso delle Pussy Riot è un caso analogo di un altro paese. Nei periodi critici della storia invece le azioni di repressione violenta sono state anche indirizzate su manifestazioni che ledano il principio di autorità anche solo implicitamente. E’ potuto capitare, in certi periodi, a qualsiasi forma di governo e organizzazione sociale di cui si ha notizia.

Forse è questo che spinge a intervenire con la forza per zittire le voci antagoniste e le proteste civili.

E quale manifestazione più lesiva di una che trova senso nel costituirsi zona autonoma rispetto alle norme costituite e salvaguardate dalle autorità?

LA MACCHINA DA GUERRA

La salvaguardia delle norme costituite è garantita in ultima istanza sempre e comunque dal rimando minaccioso o effettivo all’uso della forza bruta. ‘La macchina da guerra’ come la chiamava Deluze in ‘Schizofrenia e Capitalismo’(2) sottolineando che anche nel caso della Forza Pubblica controllata dal Ministero degli Interni è comunque una forza bruta esterna all’apparato di stato, con cui lo stato si allea e a cui rimanda.

La decisione sull’uso o meno di questa ‘Macchina da Guerra’ nelle varie situazioni contingenti di illegalità dipende dalla discrezione dei funzionari che di volta in volta la pianificano. Sono decisioni contingenti basate sul buon senso dei singoli funzionari che vanno al di là delle regole stesse e che si dovrebbero conformare al buon senso comune del momento storico.

Il ragionamento per cui “non potranno certo intervenire perché ormai siamo in tanti e succederebbero casini”, non è fondato su di una regola effettiva e scritta, cioè una legge, ma è solo frutto di un’abitudine contingente basata sul buon senso comune. La decisione in questo caso purtroppo, non è condannabile per un’effettiva infrazione delle regole, ma per una riprovevole valutazione del fenomeno Rave in questione e della sua pericolosità.

Il fatto che gli stessi sindacati dei poliziotti abbiano denunciato l’assurdità della decisione, visto il fenomeno specifico e gli esiti allucinanti dell’intervento, fa notare che la macchina da guerra non è carne da macello ma è un simbionte necessario, e per questo sensibile all’abuso di richieste da parte dell’apparato di stato.

I funzionari possono avere fatto valutazioni assurde. Assurde, secondo il buon senso comune della società in cui ci troviamo noi e i poliziotti.

Forse non siamo in un momento così critico della nostra storia per cui risulti normale alle Forze di Polizia di dover disperdere con la violenza un raduno di persone che sbeffeggiano le leggi dello stato senza però nessun’intenzione di rappresaglia, ne di violenza contro cose o persone. Forse.

IL BUON SENSO COMUNE

Fumogeni in pista e manganellare sotto cassa non si era mai visto..

Secondo il Questore che si attribuisce la responsabilità dell’intervento: ‘Se ci si sposta dalla Francia con quattro mezzi del genere, impianti del valore di diverse migliaia di euro e se non si fa pagare un biglietto d’ingresso, non lo si fa per il piacere di socializzare. E’ evidente che il guadagno deriva soprattutto dalla vendita illegale di alcol. […] È evidente. Socializzare è un’aspettativa legittima. Noi ce l’abbiamo con chi vuole lucrare sulla pelle dei giovani, nonostante i morti e le lesioni che abbiamo già registrato in passato.’ (3)

Ma se i morti e le lesioni avvengono per l’intervento delle Forze dell’Ordine, non possono essere attribuite all’attività concreta della Rave.

Nessun Rave che si sia svolto indisturbato, è mai degenerato in azioni sociali di rivolta.

E dopo vent’anni che milioni di giovani in tutta europa partecipano settimanalmente ai Rave possiamo dire che i casi di intossicazione non hanno sconvolto le cronache come epidemie pestilenziali.

Che poi la vendita di alcool senza ricevuta fiscale possa infastidire di questi tempi ok, ma non è per questo che si avvia un azione di guerriglia reagendo ai fischi degli avventori che tutt’al più vogliono comprare l’alcol di sottobanco.

Per fortuna allo stato attuale del sistema in cui siamo non si giustifica così, un’azione violenta che porta a 40 feriti e una ragazza al coma.

Non si giustifica,

né con un mandato per violazione di proprietà privata,

né per prevenire l’abuso di stupefacenti e alcol,

né per salvaguardare il prestigio delle autorità.

Per fortuna nessuno di questi pericoli giustifica questi esiti secondo il nostro buon senso comune.

Il Questore, forse sapendo di non avere giustificazioni condivisibili intervenendo per salvaguardare il principio di autorità, ha cercato di accattivarsi il buon senso comune sollevando una questione importante.

Commercio contro Solidarietà.

COMMERCIO CONTRO SOLIDARIETA’ – RAVE ON AND ON

Cosa spinge queste persone a radunarsi di nascosto, isolandosi dalla società civile, senza compiere né organizzare nessuna azione sovversiva se non quella di ballare e alterarsi al di fuori delle limitazioni previste?

E più in generale, che senso ha l’attività del ballo? Che legame ha con il commercio? Che legame con la solidarietà?

E’ solo un settore commerciale come gli altri che in questi casi cerca di infrangere le regole finanziarie? E’ evidente che non è questo il caso.

No, il senso di questo rituale è anche il rifiuto ostentato della società produttiva, non è l’appropriazione indebita di un settore commerciale. E’ il ritrovarsi e sintonizzarsi collettivo senza alcun senso o progetto ulteriore anzi, è la celebrazione della mancanza di senso progettuale e progressivo propria di ogni commercio.

Forse il buon senso comune vieta, allo stato attuale delle cose, di intervenire reprimendo violentemente queste manifestazioni collettive.

Speriamo che al più presto i meccanismi della politica regolino questo scollamento tra sentire comune e sensibilità degli apparati decisionali spostando qualche persona inadatta dalle poltrone coinvolte in questo schifo.

Ma il fatto che molte persone ci abbiano hanno rimesso l’incolumità, sia tra i ravers sia tra i poliziotti, e in particolare la ragazza di Ernesto che è finita in coma per questo, ci deve portare a una riflessione più accurata su questa importante normativa che riguarda la Pubblica Sicurezza.

Siamo pronti a modificare una regola così fondamentale come il TULPS, che prevede invece l’intervento violento e la condanna penale contro spettacoli e raduni non autorizzati, oltre che il controllo di ogni produzione culturale, ogni esercizio e ogni comunicazione? Che prevede questo intervento non in tutela delle norme economiche, che hanno iter lunghi e mediati dalla magistratura, ma anche in nome della ‘Pubblica Sicurezza’ per cui è concesso l’intervento immediato della forza?

Forse una società in grado di modificare questa regola e tollerare un livello così incondizionato di autocritica è molto di la da venire.

Augurandoci di trovare ancora organizzatori di Rave di questo livello e godere ancora del loro lavoro, speriamo di più.

Speriamo che il sintomo sociale dei Rave che si rivolge simbolicamente contro i collanti sociali del commercio cumulativo, del progresso e della sobrietà, indichi e spinga verso la necessità di un organizzazione più condivisibile, fondata su collanti sociali improduttivi come l’arte e lo spettacolo e su valori più disinteressati dei nostri.

 

Testimonianza di Federica, studentessa.

L’accaduto è da ritenersi un vero sopruso e abuso di potere….innanzi tutto, all’arrivo lo stesso carabiniere che bloccava le macchine ci ha detto (testuali parole): “ragazzi le macchine devono stare fuori, disposizione DEL COMUNE, voi siete autorizzati ad entrare, la festa è già iniziata, son tutti dentro…”. Questo cosa sta a significare? Era una presa in giro?! Una trappola per topi…. comunque entriamo e di anomalo non accade assolutamente nulla! Io so solo che mi sono ritrovata 4di loro davanti, inferociti, sembravano LORO strafatti di sostanze eccitanti e mi hanno presa e scaraventata letteralmente a qualche metro di distanza per ben 2 volte, mi hanno alzato il manganello..ero disarmata e a mani alzate…non ho mai visto tanto odio e rabbia in volto ad una persona….del tutto GRATUITA. Ho cercato di parlare con i pompieri e alcuni colleghi degli agenti anti sommossa una volta al di fuori del capannone ma le uniche risposte sono state: “mi dispiace”, “non sono stato io (!)” e la risposta più intelligente alla domanda “ma vi rendete conto, cosa state facendo?” è stata di un agente, completamente irriconoscibile, che mi alza il dito medio e si fa figo con isuoi…no, ma ci rendiamo conto? E io con le tasse pago sta razza di stronzi che mi dovrebbe difendere e invece mi mena SENZA nessun reale motivo?!! Sono allibita. Il mio amico per aiutare un altro ragazzo a terra, è stato manganellato…noi eravamo in ambulanza con michela, la ragazza di 22 anni in coma….ma quale inciampo????? Il ragazzo con lei era fuori di sè, ha raccontato delle lesioni provocate dai MANGANELLI della polizia! L’han presa in testa…..cazzo. Tendo a sottolineare che tutta la violenza è stata completamente REGALATA E GRATUITA E SOPRATTUTTO INUTILE! Si voleva sgomberare?? Oltre a NON dare l’autorizzazione, bastava parlare con un megafono o mandare un rappresentante….ma dico io…ma chi è l’IDIOTA che ha disposto tutto ciò? Se non intervenivano, non si faceva male nessuno. Questo dimostra sempre più da quanta gente incompetente e stupida siamo circondati e che riveste ruoli importanti. Ma l’umanità dove è finita? Ma dico una coscienza? Potevano essere i loro figli, fratelli o amici….li avrebbero massacrati? Non credo. A me è bastato il dito medio dell’agente anti-sommossa a darmi, ancora una volta, la conferma di quanto siamo migliori di loro… la violenza non dovrebbe subentrare nemmeno quando le parole non bastano più…..non avevano DIRITTO di fare quello che hanno fatto. E’ abuso. Il mio amico denuncerà la polizia ma secondo voi servirà a qualcosa? Chiaro che no! Ma vogliamo svegliarci?? E soprattutto non facciamo insabbiare e camuffare la notizia come se non fosse successo nulla….ero lì…e sembrava l’apocalisse…..gente rincorsa dai manganelli….sangue, urla.. sono stati degli animali. Con noi giovani che eravamo lì a festeggiare e a ballare. Non stavamo facendo del male a nessuno, NOI.

 

Testimonianza di Nicolò Iddu Ripani

Siamo arrivati al capannone di Cusago (mi) verso le 20:00 siamo entrati da un buco in una rete indicataci da un signore che diceva di essere il proprietario di uno degli stabili,era tutt’altro che ostico nei nostri confronti, direi accomodante, subito dopo però abbiamo notato che all’ingresso principale erano già presenti decine di celerini in tenuta antisommossa, non sapevamo ancora cosa ci aspettava…

Dentro l’edificio c’erano già un migliaio di persone ma la musica continuava a saltare,siamo usciti e abbiamo intravvisto gli organizzatori parlare con delle sinistre figure (inseguito identificati come digos) nel mentre però decine e decine di celerini ci stavano accerchiando.
Torniamo dentro,forse li siamo al sicuro pensai, la musica si stacca definitivamente, vedo strani movimenti, rassicuro i miei amici e vado a vedere alla porta, in quel momento il delirio tutti corrono tra urla e schiamazzi … sono entrati…
Si spengono le luci,una schiera ben compatta di guerriglieri in divisa armati di scudi e manganelli e lacrimogeni cominciano a colpire l’inerme sound e le luci;inevitabile lo scontro…
Volano calcinacci, bottiglie, tutto quello che si trova per terra, dopo la prima carica la folla si disperde,cerco di aiutare un ragazzo rimasto a terra ma non si alza, fuggiamo tutti nel capannone adiacente, siamo in trappola…
Rimasto solo cerco di uscire;nella luce soffusa proveniente da telefonini degli altri ragazzi vedo celerini che massacrano di botte ragazzi indifesi chiusi contro i muri dello stabile, sangue.
Vedo della gente che nell’intento di sfondare le porte per uscire si taglia le mani con lamiere arrugginite,riesco ad uscire.
Giudicate voi se questo è uno sgombero preventivo, per mantenere l’ordine.
Hanno creato il DISordine nelle nostre vite e nelle nostre anime, questo è il racconto di un giorno che doveva essere una festa.

Testimonianza di Andrea

Io c’ero A QUEL massacro E Voglio raccontarvi la Storia per Intero … Arrivato Alle 5 di Pomeriggio c’erano 2 posti di Blocco dei carabinieri Che non creavano Nessun tipo di Problema ai ragazzi … Lungo la strada proseguendo l’affluenza di ragazzi portava a un Buco Nella recinzione di qualche orto Che DOPO ALTRI 100 metri Dava l accessori al Luogo del massacro. Fino Alle 21 circa, credo la festa E proseguita tranquillissima … non avevo MAI VISTO COSì TANTA FELICITA NEI ragazzi .. mi Stavo divertendo da morire. Fu Allora Che decido di Andare a ballare Dietro al fantastico Impianto MONTATO Dagli organizzatori .. Ad un Certo punto sento Dall’altra altera parte della stanza la gente Che urla (non cori Contro la Polizia, ma vere e proprie urla!) e mettendomi in punta di piedi Riesco a scorgere Gli elmetti blu dei poliziotti EI Loro Manganelli Che erano già in Azione … Tutto QUESTO in pochissimi frangenti di secondo … Subito DOPO mi Vedo Una Folla di 1400 Persone Tutte Correre verso di me (ero nei Pressi Di Una delle pochissime e strettissime vie di fuga) io mi Sono lanciato Giù Dal ponticello per Carico merci e ho Fatto 10-15 metri di corsa … non appena mi Sono Girato ho Posto lo sguardo al ponticello da CUI mi ero appena buttato e la gente veniva spinta fuori da lì in 10 alla Volta .. Una fottuta spremuta Tutti Uno sopra l Altro. Un istante dopo la gente ha ricominciato a correre verso di me … Io ho corso a Più non POSSO per Un Altro Tratto di strada mentre sentivo urla di disperazione. fermatomi Un attimo Vicino Ad un’altra porta del Carico merci (Questa chiusa Pero) Ho sentito la gente Che picchiava forte e urlava disperata di APRIRE!! dopodichè Sono Tornato indietro non Molto convinto della situazione .. Dal capannone uscivano ragazzi, ragazze con i Manganelli Stampati in testa … Feriti zoppicanti .. .. Disperati! cani stesi a terra e un fortissimo odore di lacrimogeno Che mi Dava alla testa … In Quel Momento non ho avuto il Coraggio di entrare Nel capannone!!! troppa paura… mi sembrava irreale .. E Stata Una strage .. Eravamo indifesi e disarmati .. Torno verso la rete da CUI Sono entrato e mi Vedo ARRIVARE Dal entrata principale due camionette della celere .. dopodichè mi Sono Dato alla fuga definitivamente .. la paura e lo choc Che ho provato in tal quale Momento non lo avevo mai provato e lo schifo Che provo Ora Leggendo le fandonie Che SI scrivono sui Giornali mi fa Una rabbia assurda!!! Io mi ritengo fortunato ad Essere uscito da quel capannone .. Amici miei mi Hanno raccontato successivamente che dandosi alla fuga Sono rimasti bloccati in Un angolo e SI Sono messi accovacciati con le mani in testa, Ragazzi e ragazze, e sono stati manganellati alla testa .. CI RENDIAMO CONTO???? alla testa! ragazze e ragazzi! Per Loro la MISSIONE Quella Notte era sgomberare GLI ANIMALI!! Voglio Giustizia per QUESTO .. occupare un’area non è un Invito Alla Pace .. ma cio Che i rave party simboleggiano lo Sono! e mi fa schifo Che Passano succedere Certe cose nel 2012! i ragazzi SI Sono rivoltati successivamente DOPO Che Hanno Visto malmenare brutalmente OGNI Cosa ci fossa li Dentro … Vi sta Parlando Un ragazzo minorenne e Spero Che leggiate e SOPRATTUTTO crediate a queste parole … io Il Giorno DOPO mi Sarei aspettato 40 Morti Sicuri vistata la situazione di panico Che SI E Creata in quale capannone… E Stato devastante per i ragazzi … Altro Che Agenti Feriti! se davvero aveste sentito le grida di Quei RAGAZZI SI sarebbe gia Giustizia! grazie di avermi Dato l’Opportunità di Parlare!

P.S Dicendo che 150 uomini sono stati mandati “al massacro” è come picchiare ognuno di quei ragazzi un altra volta!!!!!!!!!!! Il disordine e il CAOS si è creato grazie a loro!!!!!! Non so se son riuscito a spedirvi l’e-mail… ma vi prego di considerare questa testimonianza…grazie.. solo voi poteta farci giustizia!!

Andrea. Bolognese. Trentadue anni, lavora per una grande azienda italiana. Sabato sera era a Milano alla festa sgomberata dalla polizia. Ci ha rilasciato questa intervista:

Raccontaci un po’.
Ero da poco arrivato a Cusago erano piu o meno le 21 Fuori c’era gia la polizia ma la musica dentro continuava a spingere. Entro nel capannone e c’era gia un buon numero, non faccio tempo ad andare a pisciare che capita l’inverosimile. In un niente vedo davanti a me la polizia che inzia a utilizzare il manganello contro qualunque cosa o persona ci sia. Spaccano qualunque cose, le casse dell’impianto, la bancarella della crepes, picchiano ragazzi e ragazze, zombiee senza farsi alcun tipo di problema urlando tossici vi ammazziamo zecche siete morte. Vedo un ragazzo colpito in faccia che cade per terra, lo prendo lo rialzo e lo porto fuori. nel correre fuori inzio a vedere e a respirare il fumo dei fumogeni (lacrimogeni ndr) lanciati dalla polizia. Sono scene che poche volte ho visto mi ricordano le immagini di genova.

Ti è mai successo?
No ho girato mezza europa, scene cosi mai viste.

Ti sai dare una spiegazione?
Non so, oggi a due giorni di distanza non mi so dare una spiegazione di quello che è successo. Non capisco. Non capisco il perche? Il problema è la droga? È vero nei rave ne gira tanta è vero ma sono lo specchio della società, la droga esiste e fa parte di questa società, la utilizzano tutti, basta andare nei locali fighetti, negli arci, nelle universita e nelle scuole superiori pubbliche o private che siano, nei posti di lavoro,nelle sedi dei partiti, nel mondo della televisioni. per lavoro mi è capitato di girare i festini privati della bologna bene e non c’è alcuna differenza. Non riesco a capacitarmi di come chi dovrebbe tutelare l’ordine pubblico, preferisca entrare in un posto con oltre mille persone alterate da sostanze e fiumi di alcool, e far degenerare la situazione. Come si può preferire mettere al volante persone in quelle condizioni, non è peggio così?.
Il problema è l’illegalità? È vero siamo illegali, liberiamo un posto vuoto abbandonato, ci creiamo dentro autogestione, liberta e divertimento fuori dalle logiche commerciali.
È vero siamo illegali ma non sono illegali i politici che fanno gli accordi con la mafia? Non sono illegali gli speculatori? chi sfrutta gli immigrati? chi ti obbliga ad una vita di merda?
Oggi i giornali parlando dei fatti dell’altra sera tirano fuori lo spauracchio della legalità e dell’uso delle sostanze per giustificare l’utilizzo della forza sproporzionata delle forze dell’ordine. Mi fa schifo che chi dovrebbe raccontare la verità si fermi soltanto a quello che dicono gli sbirri.

Chi viene ai rave? Sono cambiati?
Ai rave c’è di tutto, ed io ne sono la dimostazione se dicessi al mio capo che vado ai raves non ci crederebbe mai. Ai raves le distinzioni di soldi sesso lavoro non esistono tutto si anulla.
Io ho inziato a girare questo mondo a quasi 18 anni, poi la love parade del 2001 quella del milione di persone. E poi germania spagna mezz’europa. Negli ultimi anni per problemi legati a viaggi di lavoro, riesco ad andarci meno, due o tre volte all’anno. Negli anni sono cambiati molto, come sono cambiate le droghe che vi circolano dentro, ma come ti ho gia detto prima rispecchiano i cambiamenti della società.

 

(1) https://alloggiatiweb.poliziadistato.it/PortaleAlloggiati/Download/TULPS.pdf

(2) http://it.wikipedia.org/wiki/Capitalismo_e_schizofrenia

(3) http://www.ilgiorno.it/sudmilano/cronaca/2012/10/29/794079-Cusago-Rave-Party.shtml

Articoli collegati:

  1. Tre cose da ricordare prima di aprire la bocca sullo sgombero del rave a Cusago.
  2. Assalto al Rave: il report di Hazard Unitz
  3. Assalto al rave – Grave una ragazza

Fonte: http://milanoinmovimento.com/primo-piano/assalto-al-rave-video-e-testimonianze

 


Permalink

Romanzo di una strage

Un film secco e pudico che mette mano (e cuore) su una delle pagine più tragiche della nostra storia recente

Milano, dicembre 1969. Giuseppe Pinelli è un ferroviere milanese. Marito, padre e anarchico anima e ispira il Circolo Anarchico Ponte della Ghisolfa. Luigi Calabresi è vice-responsabile della Polizia Politica della Questura di Milano. Marito, padre e commissario segue e sorveglia le opinioni politiche della sinistra extraparlamentare. Impegnati con intelligenza e rigore su fronti opposti, si incontrano e scontrano tra un corteo e una convocazione. L'esplosione alla Banca Nazionale dell'Agricoltura di Piazza Fontana, in cui muoiono diciassette persone e ne restano ferite ottantotto, provoca un collasso alla nazione e una tensione in quella 'corrispondenza cordiale'. Convocato la sera dell'attentato e interrogato per tre giorni, Pinelli muore in circostanze misteriose, precipitando dalla finestra dell'Ufficio di Calabresi. Assente al momento del tragico evento, il commissario finisce per diventarne responsabile e vittima. Perseguitato con implacabile risolutezza dagli esponenti di Lotta Continua, 'implicato' dalla Questura e abbandonato dai 'dirigenti', continuerà a indagare sulla strage, scoprendo il coinvolgimento della destra neofascista veneta e la responsabilità di apparati dello Stato. Una promozione e un trasferimento rifiutati confermeranno la sua integrità, determinandone il destino.
È un film secco e pudico quello di Marco Tullio Giordana che mette mano (e cuore) su una delle pagine più tragiche della nostra storia recente. Come e insieme a Pasolini. Un delitto italiano, Romanzo di una strage è un film sulla morte, sulla morte al lavoro. Il regista milanese affronta una delle stragi più devastanti e destabilizzanti della nazione e vi cerca dentro il 'senso' della vita di Giuseppe Pinelli e Luigi Calabresi, assieme ai segni e alle tracce della nostra prematura morte civile. Perché in Piazza Fontana, sull'asfalto della questura di Milano e in Largo Cherubini non sono morti solo loro. In quella terra di nessuno della coscienza e della memoria sono caduti anche i sogni e le speranze degli anni Settanta.
Nella notte di Giordana, come in quella di Bellocchio, si muove la generazione che ha ucciso due padri e non è riuscita ad assumere e a fare propria la loro storia. Potenzialmente popolare, il cinema di Giordana prova ancora una volta a superare le rigidità ideologiche e a recuperare l'umanità del gesto, ricostruendo l'Italia di allora con scrupolo filologico (e giuridico) di grande rigore. Asciutto come un giallo ed essenziale come un courtroom drama, Romanzo di una strage dimostra con l'eloquenza dei fatti che non c'è stata giustizia e che la Legge dei tribunali si risolve troppo spesso in un'opera di rimozione.
Pronto a reinventare per il grande schermo paure e passioni, Giordana ribadisce la sua assoluta predilezione per il melodramma (lirico), di cui elude l'emotività iperbolica ma assume i 'movimenti' musicali. L'opera, che accompagna la narrazione 'in atti' e viene dichiarata 'in scena' da un burocrate, è l' "Anna Bolena" di Gaetano Donizetti. Come la regina inglese, consorte ripudiata e 'spinta' alla morte da Enrico VIII, Pinelli e Calabresi sono figure autenticamente tragiche, profondamente maltrattate, profondamente dolenti eppure sempre dignitose e nobili. Abile a scardinare l'omertà e a rompere pesanti silenzi, il regista 'esplora' la materia drammatica di una nazione, guidando lo spettatore con assoluta empatia nella sofferenza di due uomini ostinati e contrari.
Giuseppe Pinelli e Luigi Calabresi hanno rispettivamente il volto di Pierfrancesco Favino e Valerio Mastandrea, sorprendenti nel sottrarsi al rischio corso da un attore chiamato a interpretare un personaggio reale. Nessuna mimesi o impudica spavalderia nelle loro performance, piuttosto frammenti, intuizioni, visioni parziali di quei corpi nel teatro di un delitto senza castigo. 'Romanzato' da Rulli e Petraglia e agito in pomeriggi declinanti e in interni da cui si esce in qualcosa che non sembra il mondo ma solo un altro interno, Romanzo di una strage semplifica, 'interpreta' e agevola (la comprensione di) una strage impunita.
Nell'assurda e crudele immodificabilità delle cose, a due mogli-madri (Licia Pinelli e Gemma Calabresi nell'interpretazione misurata e composta di Michela Cescon e Laura Chiatti) appartiene altrimenti lo smottamento di tenerezza, restituito con una sciarpa calda e una cravatta bianca.

Fonte: http://www.mymovies.it/film/2012/romanzodiunastrage/

 

 


Permalink

In acqua con quelli che chiamano disabili di Saverio Tommasi

26/10/12 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Attualità, Sport, Internet

"Tutti sott'acqua" è un progetto sperimentale realizzato da un gruppo bene affiatato: due psicologhe, alcuni insegnanti sub e ragazzi con qualche disabilità. Il nostro inviato Saverio Tommasi è andato a provarlo e ha scoperto che il gruppo funziona bene e impara velocemente. La squadra di "Tutti sott'acqua" è composta quasi interamente da volontari. Gli allievi hanno la sindrome di down, oppure sono ciechi o autistici o altre disabilità ancora. Ai corsi sono ammessi tutti, e ognuno viene seguito personalmente da qualcuno dei volontari. Il nostro inviato ha accompagnato i ragazzi durante una lezione in piscina e si è immerso con loro nel bel mare di Antignano. Il progetto, che ha appena iniziato il suo secondo anno di vita, sta funzionando bene. Ragazzi che avevano paura ad entrare in acqua ora nuotano indossando tranquillamente maschera e boccaglio. E ragazzi che già nuotavano ora sono in grado di mettere la muta e le bombole e andare sott'acqua. "Tutti sott'acqua", appunto. Nel video troverete le prove di questa affermazione. E un po' di più.

Link al video: https://youmedia.fanpage.it/video/UInjnOSw58p78gPZ


Permalink

Vuoi aiutarci a fare una lista dei vostri/nostri siti di informazione migliori?

Su internet ormai ci sono tanti siti che fanno
informazione alternativa....
Vuoi aiutarci a fare una lista dei vostri/nostri siti
migliori?

- Se la risposta è Si, basta che copi l’indirizzo del sito 
e lo incolli qui sotto nei commenti di questa foto.

- Se la risposta è No, basta che leggi i commenti...
ma chetelodicoafare!!!

Naturalmente i siti come tgcom e altri non serve elencarli diamo
visibilità ad altri che loro già sono troppo visibili! 
________________________________
-----Può partecipare anche lo staff!-----
________________________________

Ricordatevi di condividere la foto e di commentare sotto!

MiMMo!!

 


Permalink

RENZI a porte chiuse con BANCHIERI e FINANZIERI. Potere e SEGRETEZZA, altro che Rivoluzionario!

24/10/12 | by LiberaMenteMimmo [mail] | Categories: Politica, Signoraggio Bancario, Economia

(Dalla puntata del 18.10.2012)
Renzi è un Liberista, favorevole alle PRIVATIZZAZIONI e alle DISMISSIONI DEL PATRIMONIO PUBBLICO. Praticamente, è un uomo di centrodestra.
Renzi: "SI' AL NUCLEARE" --- "SI' AL TAV" --- "IO I REFERENDUM SULL'ACQUA NON LI VOTO" ---"CON MARCHIONNE SENZA SE E SENZA MA" --- GLI INCENERITORI NON FANNO VENIRE IL CANCRO"

 

Leggere anche questo articolo: http://www.revolucion2010.altervista.org/blogs/index.php/economia/inside-job-2010-documentario


Permalink

Pages: << 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 ... 32 >>

TRADUCI IL SITO

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro).

OFFICIAL CHAT R-EVOLUCION2010

NEWSLETTER


Strict Standards: Declaration of whosonline_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/_whosonline.plugin.php on line 125

Who's Online?

  • Guest Users: 41

Strict Standards: Declaration of ItemTypeCache::get_option_array() should be compatible with DataObjectCache::get_option_array($method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemtypecache.class.php on line 179

More views

XML Feeds


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
free counters

Revolucion2010 YouTube


Strict Standards: Declaration of flash_tag_cloud_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/flash_tag_cloud_plugin/_flash_tag_cloud.plugin.php on line 327

Banner

il prigioniero news


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
powered by b2evolution blog software

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Non-static method Hitlist::dbprune() should not be called statically in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_misc.funcs.php on line 248