Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 223

Strict Standards: Declaration of UserSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Strict Standards: Declaration of UserSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_usersettings.class.php on line 208

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of BlogCache::get_option_list() should be compatible with DataObjectCache::get_option_list($default = 0, $allow_none = false, $method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blogcache.class.php on line 355

Strict Standards: Declaration of Blog::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Blog::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php on line 54

Strict Standards: Declaration of Skin::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/skins/model/_skin.class.php on line 608

Strict Standards: Declaration of CollectionSettings::_load() should be compatible with AbstractSettings::_load($arg1 = NULL, $arg2 = NULL, $arg3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_collsettings.class.php on line 164

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Strict Standards: Declaration of ItemListLight::query() should be compatible with Results::query($create_default_cols_if_needed = true, $append_limit = true, $append_order_by = true, $query_title = 'Results::Q...') in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemlistlight.class.php on line 48

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Notice: Array to string conversion in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_param.funcs.php on line 1199

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /membri/revolucion2010/blogs/inc/collections/model/_blog.class.php:54) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_template.funcs.php on line 59

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of socialbuttons_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/socialbuttons_plugin/_socialbuttons.plugin.php on line 23

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::get() should be compatible with AbstractSettings::get($col_key1, $col_key2 = NULL, $col_key3 = NULL) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Strict Standards: Declaration of PluginSettings::set() should be compatible with AbstractSettings::set() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/plugins/model/_pluginsettings.class.php on line 95

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Strict Standards: Declaration of google_webmaster_plugin::SkinBeginHtmlHead() should be compatible with Plugin::SkinBeginHtmlHead(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/google_webmaster_plugin/_google_webmaster.plugin.php on line 83

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 236
NO ALLA DISINFORMAZIONE "MANIPOLATA" - R-Evolucion 2010
Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
  • Home

  • Strict Standards: Declaration of User::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::dbdelete() should be compatible with DataObject::dbdelete() in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551

    Strict Standards: Declaration of User::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/users/model/_user.class.php on line 1551
  • Contact
  • Gallery
  • Log in
  • Latest comments


Strict Standards: Declaration of GenericCategoryCache::clear() should be compatible with DataObjectCache::clear($keep_shadow = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategorycache.class.php on line 49

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Declaration of GenericCategory::set() should be compatible with DataObject::set($parname, $parvalue, $make_null = false) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/generic/model/_genericcategory.class.php on line 45

Strict Standards: Declaration of Chapter::dbupdate() should be compatible with DataObject::dbupdate($auto_track_modification = true) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/chapters/model/_chapter.class.php on line 38
RETE DEI CITTADINI C’È! 27 OTTOBRE


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 334

 

RETE DEI CITTADINI parteciperà il 27 ottobre al “No Monti day”, in Piazza della Repubblica a Roma.

Mario Monti e il suo governo non solo non sono stati eletti dal popolo, ma agiscono totalmente indisturbati da media, sindacati, organi di controllo e dal Parlamento, che ha dato conclamata prova di essere – da “sinistra” a “destra”, definizioni assolutamente fittizie – in blocco asservito a interessi sovranazionali e criminali. Eseguendo i dettami dittatoriali della Bce (leggi grande finanza), parimenti non eletta da nessuno in Europa, Mario Monti e i suoi accoliti stanno portando a termine, come in Grecia, in Spagna, dappertutto, una vera macelleria sociale, definizione abusata, ma tristissima sintesi della realtà.
Il plauso che va a quest’uomo, da “sinistra” a “destra”, come di una sorta di salvatore della patria, qualifica i partiti. RETE DEI CITTADINI non manifesta solo contro le politiche del governo Monti, non rifiuta solamente il Mes, il Fiscal compact, i trattati comunitari. RDC rigetta questa intera struttura usurpatoria costituita dalla politica sovranazionale di istituzioni economiche comunitarie, che ha nei governanti come Mario Monti degli odiosi burattini traditori del popolo. Ecco perché RETE DEI CITTADINI pone al primo posto la reale esigenza del popolo italiano: riacquistare la sovranità, monetaria e politica, che ci liberi da una cosca internazionale di usurai. Stampare la nostra moneta, erogarla ai cittadini a credito e non a debito e con interessi, come fanno gli usurai, restituirebbe al celebre debito pubblico la sua realtà di truffa illegittima e inestinguibile. Chiunque non parli di riacquisto della sovranità monetaria, e quindi politica, non fa che il gioco di questi parassiti, che cavalcano una crisi finanziaria che è un abile gioco della finanza e della speculazione, sulla pelle di noi tutti.

Ecco perché saremo a Piazza della Repubblica il 27 ottobre. Riprendiamoci le piazze, riprendiamoci la politica – quella vera, alta – e riconquistiamo le nostre sovranità!!

Fonte: http://www.retedeicittadini.net/blog/2012/10/rete-dei-cittadini-ce-27-ottobre/

 


Permalink

Inside Job (2010) (Documentario)

 

Un film diCharles Ferguson

Con :Matt Damon

Titolo OriginaleMan on a Ledge

GenereThriller

Durata : 120 min.

USA -2010

Trama:

I nside Job ha inizio con uno sguardo sull’Islanda, considerata, fino a qualche tempo fa, una democrazia stabile, un paese modello. Un buon posto dove andare a vivere, in cui, però, nell’ultimo decennio, una politica dissennata, dando il via alla deregolamentazione, ne ha determinato la rovina, sul piano ambientale, economico e sociale. Una bolla speculativa, dovuta alla privatizzazione delle banche che con la bancarotta nel 2008 della Lehman Brothers e Aig ha gettato l’Islanda e il mondo intero sul lastrico.
Suddiviso in cinque capitoli, il documentario esamina la crisi globale del 2008 e di cui tutt’ora si pagano le conseguenze, di quello che qualcuno ha definito “tsunami” economico, contestualizzando con precisione la situazione, facendo un passo indietro, mostrando i come e i perché si sia arrivati impreparati a quei drammatici giorni, incapaci di porre rimedio a un meccanismo che, una volta inceppato, ha travolto in maniera inarrestabile l’economia mondiale, causando una recessione senza precedenti.

Link Streaming:

http://www.filmsenzalimiti.it/documentario/inside-job-video_1f3f7bb67.html

http://www.cinemastreaming.net/inside-job-2010-documentario-hdtv/

http://italiafilm.tv/film-documentari/15271-inside-job-ita-2010-streaming-documentario.html

 

Documentario - Inside Job


Permalink

LA RETE URLA: ESISTIAMO ANCHE NOI!! [RETE DEI CITTADINI]


 

Comunicato Stampa : "Rete dei Cittadini" si candiderà alle prossime elezioni regionali e nazionali, come già nel 2010. In quel frangente subì il boicottaggio ed il metodico ostracismo dei "media", e seppure nell'oscuramento ed invisibilità più totale recevette comunque 15mila preferenze. In conseguenza del loro comportamento e dietro nostra denuncia all'Agcom, RAI e MEDIASET all'epoca vennero multate per centomila € dall'autorità delle comunicazioni e conseguentemente sanzionate per 100.000 € ciascuno i Direttori Responsabili dell'epoca..

Rete Dei Cittadini è quello che sostiene; le sue idee ed i suoi principi sono la sua carta d'identità; ma è anche il contenitore di altri movimenti e/o gruppi civici, per scelta profonda e fondante non sostiene nessuna tradizionale ideologia politica decotta, fallimentare precolombiana e viceversa propone un suo originale programma politico eccezionalmente innovativo, alternativo, riformatore, postindustriale, fut
urista. Invitiamo pertanto esponenti di liste civiche locali non colluse col "potere" ad unirsi a Rete Dei Cittadini sulla base dei valori morali condivisi.

Appunto per questa sua essenza ed indole futurista RdC si serve ampiamente dei più innovativi mezzi quali Internet, siti web, Facebook, teleconferenze Skype ed altro a livello regionale e nazionale; ed irrinunciabilmente tiene contatti settimanali di confronto vis à vis a Roma con chiunque, non colluso col potere, voglia partecipare.

RdC ha da anni dichiarato "Basta alla Casta", "Basta al Potere" "Basta alle massonerie di qualunque rito e colore" inamovibili, intoccabili, incensurabili e lotta decisamente ed indefessamente contro la corruzione e depravazione dilagante. Ecco perché RdC come regola Democratica Diretta Partecipativa ha stabilito da anni di porre al centro delle sue attenzioni il controllo dell'operato dei propri rappresentanti che sono già, e saranno, se eletti, ancor più monitorati costantemente nella loro azione affinché rispondano alle decisioni della base elettorale.
.
Gli strumenti davvero innovativi contraddistintivi, inalienabili, irrinunciabili di cui RDC si è dotata per scelta irrevocabile sono molti ed esclusivi sia nel panorama politico regionale, sia nazionale che mondiale; essi sono unici, esclusivi, motori di nuove energie, di innovative risorse e latori di nuovi scenari sociali, economici e politici quali, solo per citarne tre : la Democrazia Diretta e Partecipata, il Reddito di Cittadinanza, la "Cambiale Sociale".

 

More Info: http://www.retedeicittadini.net/blog/groups/rete-dei-cittadini-nazionali-2013/docs/programma-nazionali-2013-bozza


Permalink

La pagina ufficiale di Facebook propaganda le scie chimiche!!!

Oggi è tutto il giorno che gira su Facebook questo video che proviene dalla pagina ufficiale.


 

Avete notato niente di strano? Se non avete notato nulla ecco cosa si vede dal 40″:

Perchè la pagina ufficiale di Facebook inserisce nel suo video un aereo che rilascia una scia del genere?
La diffusione di messaggi subliminali sulle scie chimiche, come abbiamo potuto notare è sempre più massiccia, come sempre più massicce sono le irrorazioni chimiche nei nostri cieli!
Queste operazioni di propaganda servono solamente a farci accettare un cielo che di naturale ormai non ha quasi più nulla.

Restiamo Umani - di Maurizio Elia Spezia -

Fonte: http://www.losai.eu/la-pagina-ufficiale-di-facebook-propaganda-le-scie-chimiche/#.UHlZz8UxrdV

 


Permalink

Lucia Uva. Una firma per la verità su mio fratello Giuseppe Uva.

 

Morte Giuseppe Uva. Appello per chiedere al PM di aprire un fascicolo su quanto successo in caserma la notte del 14 giugno 2008.

Di Lucia Uva

Il 14 giugno 2008, mio fratello Giuseppe Uva, alle 3 del mattino insieme al suo amico Alberto Biggioggero, sono fermati dai Carabinieri di Varese. Dai verbali della magistratura risulta che Giuseppe è stato intercettato in stato di ebbrezza in una stradina di Varese. Dai verbali della magistratura si legge che, dopo essere stato portato in caserma: «all'interno della caserma di via Saffi, Giuseppe per tre ore abbia subito violenze, sistematiche e ininterrotte: dimostrate dalle numerose ecchimosi al volto e in varie parti del corpo, macchie di sangue in diverse zone». Nella caserma dei Carabinieri mio fratello Giuseppe, insieme al suo amico,  arrivano scortati anche da due volanti della Polizia e vengono divisi. L'amico Alberto dal suo posto sente le urla di Giuseppe, e con il cellulare che ancora teneva addosso chiama il 118 per chiedere un'ambulanza. I sanitari del 118 a seguito della chiamata di Alberto, per accertarsi dell'esigenza di un loro intervento chiamano in caserma per capire se ci sia bisogno di un'autobulanza, ma i Carabinieri rispondono ai sanitari che non c'è alcun motivo e nessuna necessità di un'ambulanza.

Più tardi sono i Carabinieri stessi a richiederla, perché uno dei fermati necessita di un trattamento sanitario obbligatorio. Così, mio fratello Giuseppe, viene portato all'ospedale di circolo di Varese e ricoverato nel reparto di psichiatria per essere sottoposto ad un trattamento sanitario obbligatorio, ma lì Giuseppe muore.

Nel corso di questi quattro anni si è cercato di dare la colpa della morte ai farmaci, ma noi non abbiamo mai creduto a questa versione. Anche nella ricostruzione dei pm, la causa della morte di Giuseppe non è imputabile ai farmaci, ma alle percosse ricevute. Vengono indagati due medici, ma per quanto riguarda la responsabilità di coloro che hanno sottoposto Giuseppe a violenze si procede ancora contro ignoti.

Nel frattempo il Giudice dottor Moscato ha assolto perché il fatto non sussiste, lo psichiatra Carlo Fraticelli dall'accusa di omicidio colposo, sottolineando che invece è proprio nella caserma che si deve indagare, e disponendo che il Procuratore della Repubblica di Varese aprisse una formale inchiesta.

Nella perizia medico-legale dei professori Davide Ferrara, Angelo Demoni e Gaetano Thiene, ordinata dal Tribunale per far luce sulla vicenda, è indicato che la morte di Giuseppe si deve a «stress emotivo» dovuto all’alcool insieme alle «misure di contenzione fisica» e alle «lesioni traumatiche auto ed eteroprodotte». Sulle lesioni che hanno portato all’infarto «non è possibile fare ulteriori osservazioni» perché c’è «assoluta mancanza di documentazione inerente il periodo tra il fermo delle 3 e la relazione medica che prescrive il Tso», fino «all’accesso in pronto soccorso alle 5.48». I periti hanno trovato «escoriazioni prodotte dall’urto contro un corpo contundente, espressione di una forza di lieve entità, con l’eccezione dei tessuti molli pericranici, ove l’intensità appare fotograficamente di maggiore rilevanza». «La valutazione - si precisa - delle lesioni è esclusivamente fondata sulla documentazione clinico-ospedaliera e fotografica dei consulenti del pm».

Oggi, nonostante il Giudice Moscato abbia espressamente riconosciuto a noi familiari di Giuseppe il diritto di sapere cosa è accaduto in quella caserma quella notte del 14 giugno 2008, il Pm dopo 4 anni non ha ancora aperto un fascicolo su quanto avvenuto. Per conoscere la verità su quanto sia accaduto quella notte a mio fratello Giuseppe, ti chiedo di sostenere la mia, la nostra causa. E' anche un modo per rivendicare dignità e giustizia per i tanti Giuseppe Uva che sono morti in circostanze poco chiare nel nostro Paese.Aiutami anche tu a chiedere, firmando questo appello indirizzato al Pubblico Ministero di Varese Agostino Abate, affinché apra al più presto il fascicolo n.5509/09 contro ignoti, per far luce su quanto accaduto quella notte a mio fratello Giuseppe.

 


Permalink

South Park svela la più grande delle truffe psicologiche.

 

- di Daniele Di Luciano -

Non riesco a capire come possa reagire una persona che veda “Pinewood Derby”, puntata della tredicesima stagione di South Park… Forse penserà che è solo un cartone animato, una storiella per bambini. In realtà South Park non è un cartone per bambini e a volte la gente dimentica che anche i cartoni per bambini vengono realizzati da adulti che spesso li utilizzano per lanciare messaggi più o meno nascosti. La maggior parte di questi messaggi sono negativi (sia per i bambini che per gli adulti) ma a volte capita di trovarne uno costruttivo, come in questo caso. Ovviamente il cartone animato semplicizza alcuni meccanismi leggermente più complessi ma il concetto di fondo rappresenta perfettamente la realtà.

Questa è la trama: a South Park atterra una navicella aliena.

Sfortuna vuole che questo alieno sia un criminale spaziale. È in fuga dalla polizia spaziale perché ha rubato una montagna di soldi spaziali. L’alieno ricatta la popolazione terrestre perché aveva “finito la benzina” ma gli abitanti di South Park riescono a ucciderlo.

Morto l’alieno, i terrestri curiosi entrano nella navicella spaziale e trovano il bottino…

I grandi della terra decidono di dividersi i soldi; che sono davvero tanti! I giapponesi iniziano a costruire robot giganti, gli inglesi li spendono per le armi nucleari, e i paesi poveri come il Messico costruiscono ospedali e parchi acquatici in tutto il territorio. L’intero pianeta terra comincia a vivere un periodo di grande prosperità, come non si era mai visto prima! Sono tutti felici.

Fin qui niente di particolare. Una puntata come altre. Ma il colpo di scena finale è geniale. Arriva sulla terra un’altra navicella aliena, quella della polizia spaziale.

I poliziotti spaziali chiedono agli umani se per caso hanno trovato dei soldi spaziali. Gli umani mentono per paura di doverli restituire. Ma la polizia spaziale insiste. Dopo aver monitorato l’attività terrestre si chiedono “Come mai, improvvisamente, tutti gli stati della terra hanno iniziato a costruire infrastrutture che non hanno mai avuto?”. Gli umani, imperterriti, continuano a negare l’evidenza.

Ecco allora che dalla navicella della polizia scende il criminale spaziale che gli umani credevano di aver ucciso. In realtà, spiegano i poliziotti, l’alieno non è un criminale. Si trattava semplicemente di un test per controllare il livello di sviluppo del pianeta terra.

I soldi spaziali erano falsi, erano solo carta e inchiostro. Non avevano alcun valore eccetto il valore che gli stessi umani gli avevano conferito.

Ovviamente gli umani non avevano superato il test perché non erano riusciti a capire il vero valore della moneta. Gli alieni ripartono e chiudono il nostro pianeta all’interno di una gabbia. FINE.

Occorrono commenti? Il professor Giacinto Auriti ha cercato di spiegare in tutti i modi che chi crea il valore della moneta non è chi la stampa ma chi l’accetta. Siamo di fronte alla più grande delle truffe psicologiche e economiche. La gente, se non ropme la gabbia che la propaganda ha costruito attorno alla nostra mente, continuerà a credere che il problema siano i soldi quando invece i soldi sono l’unità di misura della ricchezza. Non esiste nessuna crisi! La gente vuole lavorare, abbiamo le materie prime, abbiamo le tecnologie per lavorarle… ci mancano solo i soldi! Ma i soldi sono carta e inchiostro e si potrebbero stampare secondo le nostre necessità (in proporzione alla ricchezza prodotta con il lavoro).

La truffa è psicologica perché non è difficile da capire, è difficile da credere…

Fonte: http://www.losai.eu/south-park-svela-la-piu-grande-delle-truffe-psicologiche/#.UHLxPE0xqwc

 


Permalink

Qualunque partito, che non abbia al primo posto nel suo programma politico la Sovranità Monetaria, TI STA FOTTENDO!!

 

 

Convegno RDC 6 ottobre 2012 - Noi oltre alla FACCIA mettiamo la FIRMA - La Sovranità non si delega [VIDEO YOUTUBE]

 

 

Non cercare scuse informati ed informa. Qualunque partito, che non abbia al primo posto nel suo programma politico la Sovranità Monetaria, TI STA FOTTENDO!!


Permalink

La natura della moneta è centrale

Parla Stephanie Kelton, docente all’Università del Missourikelton_mmt_296

-La Modern Monetary Theory considera decisiva la natura della moneta nel funzionamento del sistema economico: cosa c’entra l’euro con la crisi del debito? 
Penso che sia sempre più chiaro a tutti nel mondo che i mercati finanziari spadroneggeranno nei confronti dei Paesi che non sono in grado di reagire. Vorrei portare l’esempio del Giappone, un Paese dove il rapporto debito/Pil è superiore al 200%, ma i tassi d’interesse sono bassi da decenni. Tutti pensano che prendendo a prestito troppo denaro si andrebbero a pagare tassi d’interesse troppo elevati e insostenibili, ma il caso del Giappone dimostra il contrario. Non è tanto importante l’ammontare del debito, quanto la capacità di ripagarlo. I mercati pensano che il Giappone, gli Stati Uniti, il Regno Unito possano sopravvivere e questo perché hanno la loro valuta e possono fissare i tassi d’interesse. Una Banca centrale, come la Federal Reserve, può acquistare le obbligazioni nella quantità che ritiene opportuna per spingere i tassi al ribasso. Ciò fa sì che questi Paesi non siano esposti sul mercato, mentre ad esempio in Italia siete costretti a pagare quello che vi impongono i mercati. 

-Sta dicendo che gli attacchi speculativi alla zona euro e la valuta sono collegati?
Vi attaccano poiché pensano che potete fallire e ciò avviene perché avete rinunciato alla sovranità monetaria. Quando l’Italia aveva la lira le probabilità di default erano pari a zero perché le agenzie di rating sapevano che, essendo titolari di debiti nella vostra stessa valuta potevate sempre ripagarli. La cosa cambia completamente se il debito è in una valuta estera, che bisogna acquistare altrove. -E questo è il caso dell’euro?
Esattamente. Negli Usa, quando Standard&Poor’s ci ha tolto la tripla A tutti pensavano: non potranno prendere a prestito denaro! Dovranno pagare alti tassi d’interesse! Invece è successo l’esatto contrario: il giorno seguente il declassamento, infatti, tutti sono corsi a comprare obbligazioni Usa e quindi il tasso di interesse è sceso anziché aumentare. Il fatto, poi, che nella zona euro ci siano ancora Paesi che hanno un rating tripla A, penso alla Germania, dimostra quanto poco siano affidabili le agenzie di rating. 

-Professoressa, come giudica le politiche promosse dall’Unione europea per fronteggiare la crisi?
E’ follia. Sappiamo che quando si cerca di rilanciare un’economia, l’ultima cosa che si può fare è quella di soffocarla licenziando, tagliando gli stipendi, le pensioni. In questo modo è impossibile rilanciare domanda e consumo. Non solo, quando si adottano politiche di austerità finanziaria, con riduzione dei redditi e aumento dell’imposizione fiscale, il deficit tende ad aumentare, contrariamente a quanto si pensa. Con queste politiche, la Grecia, ad esempio, fallirà certamente. 

-E’ corretto paragonare il debito statale con quello delle famiglie?
L’analogia non funziona affatto in Paesi che hanno la propria valuta, come Usa e Giappone, ma calza a pennello in economie che non hanno la propria valuta, come per esempio l’Italia. Una volta il presidente Obama disse che siccome le famiglie americane tiravano la cinghia era giusto che anche il governo facesse lo stesso. Allora scrissi un articolo in cui sostenni che bisognava fare proprio il contrario: quando i cittadini tirano la cinghia il governo dovrebbe allargare la sua, altrimenti i primi ci rimettono anche la camicia. La bestia nera del neoliberismo e delle autorità europee è l’inflazione. Anche l’MMT non sottovaluta il fenomeno, ma ritiene più decisivi dati come il tasso di disoccupazione, poiché una società che tende alla piena occupazione mantiene un equilibrio e protegge la democrazia, che invece è a rischio in Europa.

(M. P.)

Fonte: http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/articolo.jsp?id=11685&p&idmenumain=0&fb_source=message


Permalink

Banchiere confessa: omicidi, attentati e rivoluzioni del Bilderberg e del FMI

L’intervista ha avuto luogo il 30 maggio tramite il settimanale russo “NoviDen”.

Nella foto Josef Ackermann, CEO della Deutsche Bank e membro del Bilderberg

D: Può dirci qualcosa riguardo il suo coinvolgimento nel settore bancario svizzero?

A: Ho lavorato per le banche svizzere per molti anni. Fui designato come uno dei direttori di una delle più grandi banche svizzere. Durante il mio lavoro venni coinvolto nel pagamento, nel pagamento diretto in contanti di una persona che uccise il presidente di un paese straniero. Ero presente alla riunione in cui venne deciso di dare questi soldi in contanti all’assassino. Tale decisione mi ha riempito di rimorsi. Non fu l’unico caso grave, ma fù sicuramente il peggiore. Vennero inviate istruzioni di pagamento su ordine di un servizio segreto straniero, scritte a mano, con le disposizioni di pagare una certa somma ad una persona che aveva ucciso un leader di un paese straniero. E non fù l’unico caso. Abbiamo ricevuto numerose lettere scritte a mano, provenienti da servizi segreti stranieri, che davano l’ordine di pagamenti in contanti, da conti segreti, per finanziare rivoluzioni o per l’uccisione di persone. Posso confermare quello che John Perkins ha scritto nel suo libro “Confessioni di un Sicario Economico”. Esiste veramente un solo Sistema e le banche svizzere hanno le mani in pasta in esso.

D: Il libro di Perkins è stato tradotto ed è disponibile in russo. Ci può dire di quale banca si tratta e chi è il responsabile?

A: Era una delle prime 3 banche svizzere a quell’epoca il responsabile fù il presidente di un paese del terzo mondo. Non voglio però entrare nei dettagli, mi troverebbero facilmente se dicessi il nome del presidente e il nome della banca. Rischio la mia vita.

D: Non è possibile fare il nome di una persona di quella banca?

R: No non posso, ma vi posso assicurare che tutto ciò è accaduto. Eravamo in molti nella sala riunioni. Il responsabile del pagamento fisico del denaro è venuto da noi (dirigenti) e ci ha chiesto se gli fosse consentito il pagamento di una così grande somma di denaro in contanti. Uno dei direttori spiegò lui il caso e tutti gli altri acconsentirono a procedere.

D: Accaddero spesso cose del genere? I soldi erano una specie di fondi neri?

R: Sì. Questo era un fondo speciale gestito in un posto speciale nella banca dove arrivavano tutte le lettere in codice dall’estero. Le lettere più importanti venivano scritte a mano. Una volta decifrate, contenevano l’ordine di pagare una certa somma di denaro da conti per l’assassinio di persone, il finanziamento di rivoluzioni, il finanziamento di attentati e per il finanziamento di ogni tipo di partito. So per certo che alcune persone all’interno del gruppo Bilderberg erano coinvolti in questo genere di operazioni. Hanno dato l’ordine di uccidere.

D: Puoi dirci in quale anno o decade tutto questo è accaduto?

R: Preferisco non darvi l’anno preciso ma è stato negli anni 80.

D: Hai mai avuto problemi con questo lavoro?

R: Sì, un problema molto grande. La notte non riuscivo a dormire e dopo un po’ lasciai la banca. Diversi servizi segreti provenienti dall’estero, soprattutto di lingua inglese, diedero l’ordine di finanziare azioni illegali, compresa l’uccisione di persone attraverso le banche svizzere. Dovevamo pagare, sotto ordine di potenze straniere, per l’uccisione di persone che non seguirono gli ordini del Bilderberg o del FMI o della Banca Mondiale, per esempio.

D: Quella che stai facendo è una rivelazione molto importante. Perché senti il bisogno di dirlo qui e adesso?

R: Perché il prossimo Bilderberg meeting si farà in Svizzera. Perchè la situazione mondiale peggiora sempre di più. Infine perché le maggiori banche Svizzere sono coinvolte in attività non etiche. La maggior parte di queste operazioni sono al di fuori del bilancio. Non sono sottoposte a verifica e non prevedono tasse. Si parla di cifre con molti zeri. Somme enormi.

D: Si parla di miliardi?

A: Molto ma molto di più, si parla di triliardi, illegali, non sottoposti a controllo fiscale. Fondamentalmente si tratta di una rapina per tutti. Voglio dire le persone normali pagano le tasse e rispettando le leggi. Quello che sta accadendo qui è completamente contro i nostri valori svizzeri, come la neutralità, l’onestà e la buona fede. Negli incontri dove fui coinvolto, le discussioni erano completamente contro i nostri principi democratici. Vedete, la maggior parte degli amministratori delle banche svizzere non sono più locali, sono stranieri, soprattutto anglosassoni, sia americani che britannici, non rispettano la nostra neutralità, non rispettano i nostri valori, sono contro la nostra democrazia diretta, basta loro usare le nostre banche come mezzi per fini illegali. Utilizzano enormi quantità di denaro creato dal nulla e distruggono la nostra società e distruggono le persone in tutto il mondo solo per avidità. Cercano il potere e distruggono interi paesi, come Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda. Una persona come Josef Ackermann, che è un cittadino svizzero, è l’uomo di punta di una banca tedesca e usa il suo potere per avidità e non rispetta la gente comune. Ha un bel paio di casi legali in Germania e ora anche negli Stati Uniti. E’ un Bilderberger e non si preoccupa della Svizzera o di qualsiasi altro paese.

D: Stai dicendo che, alcune di queste persone che citi parteciperanno alla imminente riunione del Bilderberg a St. Moritz?

R: Sì.

D: Quindi i partecipanti sono attualmente in una posizione di potere?

R: Sì. Hanno enormi quantità di denaro disponibile e lo utilizzano per distruggere interi paesi. Distruggono la nostra industria e la ricostruiscono in Cina. Dall’altra parte hanno aperto le porte a tutti i prodotti cinesi in Europa. La popolazione attiva europea guadagna sempre meno. Il vero obiettivo è quello di distruggere l’Europa.

D: Pensa che la riunione del Bilderberg a St. Moritz abbia un valore simbolico? Perché nel 2009 erano in Grecia, nel 2010 in Spagna e guardi cosa è successo loro. Può significare che la Svizzera dovrà subire qualcosa di brutto?

R: Sì. La Svizzera, per loro, è uno dei paesi più importanti, perché vi sono immensi capitali. Si riuniscono in Svizzera anche perchè vogliono distruggere ciò che questa terra rappresenta. Capisca che è un ostacolo per loro, non essendo nella UE o nell’euro, non del tutto controllata da Bruxelles e così via. Per quanto riguarda i “valori” non sto parlando delle grandi banche svizzere, perchè non hanno più niente di svizzero, la maggior parte di esse sono guidate da americani. Sto parlando, invece, del vero spirito svizzero a cui la gente comune tiene.
Certo che l’incontro ha e ha avuto un valore simbolico. Il loro scopo è quello di essere una specie di club elitario esclusivo che gestisce tutto il potere, mentre quelli sotto di loro, appassiscono.

D: Pensa che lo scopo del Bilderberg sia quello di creare una sorta di dittatura globale, controllata dalle grandi imprese globali, dove non esisteranno più gli stati sovrani?

R: Sì, la Svizzera è l’unico posto in cui vige ancora la democrazia diretta e lo stato si trova nel mirino di questi gruppi elitari (proprio perchè non è completamente asservito ad essi). Utilizzano il ricatto del “too big to fail”, come nel caso di UBS per far aumentare il debito del nostro paese, proprio come hanno fatto con molti altri paesi. Quello che si deduce è che forse si vuole fare con la Svizzera quello che è stato fatto con l’Islanda, in cui sia banche che paese erano in bancarotta.

D: Anche l’UE è sotto queste influenze negative?

R: Certo. L’Unione europea è sotto la morsa del Bilderberg.

D: Come pensa che si potrebbe fermare questo piano?

R: Beh, questa è la ragione per cui mi rivolgo a voi. La verità. La verità è l’unica strada. Fare luce sulla situazione, esporli ai riflettori. A loro non piace molto essere al centro dell’attenzione. Dobbiamo creare trasparenza nel settore bancario e in tutti i livelli della società.

D: Quello che sta dicendo ora, è che c’è un lato sano del business delle banche svizzere, mentre ci sono delle “mele marce”, cioè alcune grosse banche che fanno cattivo uso del sistema finanziario, per portare a termine le loro attivitù illegali.

R: Sì. Le grandi banche formano il loro personale con i valori anglo-sassoni. Li formano ad essere avidi e spietati. Avidità e spietatezza che stanno distruggendo la Svizzera e tutti gli altri paesi europei e mondiali. Come paese abbiamo, se si guardano le banche piccole e medie, la maggior correttezza finanziaria al mondo. Sono le banche grandi che operano a livello mondiale che sono fonte di problemi. Esse non sono più svizzere e non si considerano tali.

D: Pensi che sia una buona cosa che la gente stia esponendo il Bilderberg e mostrando chi siano veramente i suoi componenti?

R: Il caso Strauss-Kahn dimostra quanto queste persone siano corrotte, mentalmente instabili, sature di vizi, vizi che vengono tenuti nascosti dagli ordini a cui appartengono. Alcuni di loro come Strauss-Kahn stuprano le donne, altri praticano il sado maso, altri ancora si dedicano alla pedofilia, molti si appassionano al satanismo. Quando andate in alcune banche potete vedere chiaramente questi simboli satanisti, come nella Banca dei Rothschild a Zurigo. Queste persone vengono controllate tramite il ricatto data la loro debolezza mentale. Devono seguire ordini o saranno svergognati pubblicamente, distrutti o addirittura uccisi.

D: Da quando Ackermann è nel comitato direttivo del Bilderberg, pensa che abbia preso delle decisioni importanti?

R: Sì. Ma ce ne sono molti altri, come Lagarde, che probabilmente sarà il prossimo capo del FMI, ed è anche un membro del Bilderberg, poi Sarkozy e Obama. Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo per creare il motivo. Potrebbero anche inventarsi qualcosa di orribile per avere la scusa.

D: Quindi è questa la sua paura?

A: Non è solo paura, ne sono certo. Come ho detto, hanno dato l’ordine di uccidere, sono quindi in grado di compiere azioni terribili. Se avessero la sensazione che stanno per perdere il controllo, come nelle rivolte in Grecia e in Spagna, con l’Italia che probabilmente sarà la prossima, allora faranno un altro Gladio. Ero vicino alla rete Gladio. Come sapete istigarono il terrorismo pagandolo con soldi americani per controllare il sistema politico in Italia e in altri paesi europei. Per quanto riguarda l’assassinio di Aldo Moro, il pagamento è stato fatto attraverso lo stesso sistema come ti ho detto su.

D: Ackermann faceva parte di questo sistema di pagamenti?

A: (Sorriso) … E’ lei il giornalista. Guardì come la sua carriera è arrivata rapidamente alla cima.

D: Cosa pensa si possa fare per impedirglielo?

R: Beh ci sono molti buoni libri là fuori che spiegano il contesto e fanno chiarezza sull’argomento, come quello che ho citato di Perkins. Queste persone hanno veramente sicari che vengono pagati per uccidere. Alcuni di loro ricevono i soldi attraverso le banche svizzere. Ma non solo, hanno un sistema capillarizzato in tutto il mondo. Per evitare che esso venga scoperto sono addestrate a fare di tutto. Quando dico di tutto intendo tutto proprio.

D: Attraverso l’informazione si potrebbero sgominare?

R: Sì, bisogna dire la verità. Siamo di fronte a criminali davvero spietati, compresi grandi criminali di guerra. Sono pronti e in grado di uccidere milioni di persone solo per restare al potere e avere il controllo.

D: Può spiegarci dal suo punto di vista, perché i mass media in Occidente se ne stanno più o meno completamente in silenzio per quanto riguarda il gruppo Bilderberg?

R: Perche’ esiste un accordo tra loro e i proprietari dei mezzi di comunicazione. Alle riunioni vengono invitate anche alcune personalità di spicco del mondo dei media, ma viene detto loro di non riferire nulla di ciò che vedono o sentono.

D: Nella struttura del Bilderberg, vi è una cerchia interna che conosce i piani e poi c’è una maggioranza che segue solo gli ordini?

R: Sì. Hai la cerchia interna dedita al satanismo ci sono poi le persone ingenue o meno informate. Alcuni addirittura pensano di fare qualcosa di buono, nella cerchia esterna.

D: Secondo i documenti esposti e le stesse dichiarazioni, il Bilderberg ha deciso nel 1955 di creare l’Unione europea e l’Euro, quindi hanno preso importanti decisioni.

R: Sì e deve sapere che il Bilderberg è stato fondato dal principe Bernardo, ex membro delle SS e del partito nazista lavoro infine anche per la IG Farben, che era una sussidiaria della Cyclone B. L’altro tipo che ha fondato il gruppo era a capo della Occidental Petroleum, che aveva stretti rapporti con i comunisti dell’Unione Sovietica. Lavorarono per entrambe le parti, in realtà, però, queste persone sono fascisti che vogliono controllare tutto e tutti quelli che si frappongono sulla loro strada vengono “rimossi”.

D: Come fanno a mantenere queste operazioni fuori del sistema internazionale Swift?

R: Beh, alcune delle liste Clearstream erano vere in pricipio. Inserirono solo dei nomi falsi per far credere alla gente che l’intero elenco fosse falso. Anche loro fanno degli errori. Il primo elenco era vero e si possono estrapolare un sacco di cose. Vedete, ci sono delle persone in giro che scoprono le irregolarità e poi trasmettono agli altri la verità. Verranno poi ovviamente costituiti disegni di legge che ridurranno al silenzio questo genere di persone. Il miglior modo per fermarli è quello di dire la verità, portando alla luce le loro malefatte. Se non riusciamo a fermarli diventeremo i loro schiavi.

D: Grazie per questa intervista.

Traduzione
La fonte originale è stata cancellata ma centinaia di siti avevano già copiato l’articolo

Altra Fonte: http://www.losai.eu/banchiere-confessa-omicidi-attentati-e-rivoluzioni-del-bilderberg-e-del-fmi/#.UG4XYE0xqqc


Permalink

5 ottobre: Gli studenti medi di tutta Italia tornano in piazza!

studenti-in-rivolta20081016_fumogeni-4cf292e1a2efaCon l'autunno iniziato da poco, all'interno di unoscenario dove buona parte dell'Europa mediterranea vede riempirsi le piazze da Madrid ad Atene passando per Lisbona e Parigi, tornano in piazza gli studenti medi del nostro paese, in una prima giornata di mobilitazione nazionale lanciata dalla rete StudAutcontro il governo Monti e le politiche di austerity; una giornata che avrà l'importante compito di riportare nelle piazze il conflitto e la voglia di protagonismo del mondo della formazione.

 

L'importanza strategica delle lotte studentesche è sotto gli occhi di tutti, dal momento in cui solo questi possono avere la forza di massificare e generalizzare un conflitto sociale che, a dispetto di chi vedrebbe questo paese immobile rispetto a quelli che si mobilitano in questi giorni, non è affatto inesistente. Ma che anzi, vede presente una costellazione di lotte, da quella degli operai Alcoa a quella dei cittadini di Taranto, passando per la sempreverde battaglia contro la Tav e le decine di lotte sul terreno del lavoro, dei beni comuni e dell'opposizione alle nocività e alla devastazione dei territori.

 

Una costellazione di lotte da generalizzare a partire dallo sforzo ricompositivo di quel soggetto studentesco fondamentale affinchè le lotte contro il governo Monti e le misure di austerity dettate dai poteri forti globali attraversi il nostro paese. Non a caso l'invito a mobilitarsi sin dall'inizio dell'autunno è scaturito dalla riunione avuta in Val Susa nel giugno scorso quando tantissimi studenti e studentesse attraversarono il campeggio di lotta No Tav che si delineò proprio nel quadro della forte opposizione al governo in toto bypassando la pura, semplice e sacrosanta questione del NO all'Alta Velocità.

 

Riportiamo l'appello a scendere in piazza della rete StudAut e gli eventi Facebook dei diversi concentramenti di venerdì.

 

Questi ultimi mesi sono stati caratterizzati dall'avvento del governo Monti e dei suoi tecnici, che di fatto si è posto su una linea di continuità nell'ottica di applicare le politiche di austerity dettate dalla finanza internazionale.In un quadro di trasformazione politica, in cui nei fatti l'iniziale fiducia nei confronti del governo Monti è completamente svanita e la sfiducia e il dissenso nei confronti del governo Monti si stanno diffondendo a macchia d’olio, una sfiducia che poggia le sue basi sulle difficoltà e i nuovi problemi economici e sociali che le famiglie, i lavoratori e non soltanto noi studenti dobbiamo affrontare nella nostra vita quotidiana.


La scuola infatti con il carattere di comunità che l'accompagna spaventa chi come il ministro Profumo mira a mettere in atto l'ennesima riforma per garantire privilegi ai soliti e continuare nel processo di smantellamento del nostro futuro.


Con la parola d'ordine meritocrazia si vuole nascondere nei fatti un progetto che ha come obbiettivo quello di far accedere ad un'istruzione di qualità già conforme al modello di una società soggiogata alle logiche di mercato soltanto chi dispone di un certo livello di reddito.


Reddito sempre più eroso dalle politiche governative che gravano sulle famiglie e quindi sugli studenti che con l'aumento del costo dei servizi pubblici e della socialità rispondono costruendo alternative dal basso.


Molti aspetti sono in continua evoluzione e nel corso dell'estate molti scenari politici si sono definiti, ma la nostra opposizione a questo governo e a questo modello di sviluppo dettame dell'Europa e delle sue banche resta forte e determinata.Lottare e scendere in piazza significa quindi lottare non soltanto per noi stessi ma anche per il futuro del nostro paese e per quei lavoratori che, sotto ricatto, non possono manifestare la propria rabbia. Non si tratta quindi di manifestare una semplice indignazione, ma di rispondere direttamente alla devastazione sociale che il governo tecnico sta mettendo in atto, individuando i responsabili e non facendo sconti ai partiti che si rendono complici di questa situazione.

 

In quest'ottica lanciamo la prima data di mobilitazione studentesca nazionale venerdì 5 ottobre.

CONTRO CRISI E AUSTERITÀ RIPRENDIAMOCI SCUOLA E CITTÀ !

 

Bologna

http://www.facebook.com/events/367488106662197/

Brescia

http://www.facebook.com/events/347040108721822/

Firenze

http://www.facebook.com/events/480660675300174/

Livorno

http://www.facebook.com/events/281956728582240/

Milano

http://www.facebook.com/events/185301471602710/

Modena

http://www.facebook.com/events/345715508855320/

Napoli

http://www.facebook.com/events/343046669118309/

Palermo

http://www.facebook.com/events/119696238178498/?ref=ts&fref=ts

Pisa

http://www.facebook.com/events/372507366150964/

Ravenna

http://www.facebook.com/events/435655073147528/

Roma

http://www.facebook.com/events/471312752902764/

Torino - Val Susa

http://www.facebook.com/events/358725964211953/

http://www.facebook.com/events/358725964211953/

Massa

http://www.facebook.com/events/209317419198725/

Lecce

http://www.facebook.com/events/368663859876607/

Piacenza - Cremona

https://www.facebook.com/events/357580577660914/

Napoli

http://www.facebook.com/events/343046669118309/

Cava dei Tirreni

http://www.facebook.com/events/194582237342557/

 


Il 16 giugno 2012 a Chiomonte durante il campeggio studentesco No Tav si è svolta un'assemblea che ha riunito realtà studentesche di varie città italianeLa discussione si è concentrata in una prima fase su una valutazione dell'anno scolastico passato.
Questi ultimi mesi sono stati caratterizzati dall'avvento del governo Monti e dei suoi tecnici, che di fatto si è posto su una linea di continuità nell'ottica di applicare le politiche di austerity dettate dalla finanza internazionale.
In un quadro di trasformazione politica, in cui nei fatti l'iniziale fiducia nei confronti del governo Monti è completamente svanita e la crisi si fa sempre più sentire sulle spalle della gente, la scuola ancora una volta resta luogo di costruzione e progettazione di opposizione e conflitto contro un modello economico e sociale che tenta di riprodursi a scapito di chi già sta pagando questa crisi.
La scuola infatti con il carattere di comunità che l'accompagna spaventa chi come il ministro Profumo mira a mettere in atto l'ennesima riforma per garantire privilegi ai soliti.
Con la parola d'ordine meritocrazia si vuole nascondere nei fatti un progetto che ha come obbiettivo quello di far accedere ad un istruzione di qualità già conforme al modello di una società soggiogata alle logiche di mercato soltanto chi dispone di un certo livello di reddito.
Reddito sempre più eroso dalle politiche governative che gravano sulle famiglie e quindi sugli studenti che con l'aumento del costo dei servizi pubblici e della socialità rispondono costruendo alternative dal basso.
Molti aspetti sono in continua evoluzione e nel corso dell'estate molti scenari politici si definiranno, ma la nostra opposizione a questo governo e a questo modello di sviluppo resta forte e determinata. In quest' ottica lanciamo la prima data di mobilitazione studentesca nazionale autonoma venerdì 5 ottobre 2012.

Fonte: http://www.infoaut.org/index.php/blog/prima-pagina/item/5660-5-ottobre-gli-studenti-medi-di-tutta-italia-tornano-in-piazza


Permalink

ROMA : ASSEMBLEA APERTA Progetto Democrazia Diretta : Prima "Assemblea Sovrana aperta" , 6 ottobre 2012 , roma , fusolab 2.0 via della bella villa 94. Evento per RETE DEI CITTADINI

Progetto Democrazia Diretta : Prima "Assemblea Sovrana aperta" , 6 ottobre 2012 , roma , fusolab 2.0 via della bella villa 94.
sono invitati tutti i rappresentanti dei gruppi , liste civ
iche , movimenti, associazioni , comitati ecc ecc , che si ritrovano nei principi della sovranita politica , sovranita monetaria, sovranita territoriale e nessuna collaborazione con partiti di governo , dell'opposizione e della casta in generale.

Link Evento: https://www.facebook.com/events/118684024948618

Manifesto Rete Dei Cittadini: http://retedeicittadini.it/chi-siamo/manifesto-della-rete-dei-cittadini/


Permalink

L’i-Phone5 e la rivoluzione impossibile

 

”Genova, corsa all’iPhone5: vince Stefano a mezzanotte e sei minuti”. C’è chi sale sui silos dell’Alcoa a protestare contro licenziamenti e provvedimenti del governo, chi a Taranto scende in strada per il blocco degli impianti, chi manifesta contro riforma del lavoro e l’eccessiva tassazione, chi si toglie la vita perché la sua azienda è ormai al collasso. E c’è chi invece “manifesta” in piedi per un’intera serata per comprare l’idolo del momento, l’i-Phone5 (con la maiuscola). Giovani, per lo più tardoadolescenti. E’ la crisi di una generazione, composta per lo più da “ignari”.

 

Populismo a parte, quando martedì scorso Maurizio Crozza parlava degli italiani che hanno dimenticato i forconi, in parte aveva ragione. E non si tratta di fare la rivoluzione in modo violento – che non avrebbe senso, da secoli non siamo il popolo delle rivolte – si tratta invece della capacità di ciascuno di avvertire e condividere quel senso comune di preoccupazione verso questo Paese che ancora a troppi sfugge. Si tratta di scendere in piazza e sedersi a migliaia davanti la piazza del Parlamento per gridare che no, alle balle dei politici non ci crediamo più. Ma quella italiana, da sempre, è la logica del cortiletto: se il singolo sta bene e ha le tasche piene perché dovrebbe preoccuparsi del suo vicino di casa che ha appena perso il lavoro? All’apprendere la notizia basta scuotere un po’ la testa, bofonchiando: “c’è la crisi”.

Ed è proprio a causa di questa ormai smarrita concezione di bene comune che basta un i-Phone5 nuovo di zecca per blandirci, per ammansirci, per anestetizzare le nuove generazioni e creare il nuovo appagante status symbol, per sopire proteste e farci dimenticare quella cattiva politica che sta rovinando questo Paese. O meglio: per farcela ignorare, come tanti Ponzio Pilato. E’ l’italianità che delega ad altri – che non mancano mai, poveri illusi – il compito di cambiare le cose. Perché alle urne siamo il Paese del 30% degli astenuti: si critica senza muovere un dito per cambiare le cose dall’interno. O peggio: si scappa all’estero, parlando poi male del sistema Italia. Salvo non far nulla per inciderlo e mutarlo.

Ovviamente, quella dell’i-Phone5 è una provocazione dal sapore populista. Ma vedere file di giovani che dalla mattina presto si attardano fuori dai centri commerciali per accaparrarsi l’ultimo modello del melafonino, cozza con l’immagine di un Paese preda della crisi. E un dato pare certo: gli adolescenti di oggi sono ben lontani dall’Ilva, dall’Alcoa, dalle problematiche relative alla Fiat e all’imprenditoria giovanile. Gli basta un i-Phone nuovo di zecca pagato da mamma e papà. Salvo poi scoprire – tra dieci anni – di vivere in un Paese immobile, fermo, basato sulla carta stagnola. Buone per le allodole.

Fonte: http://www.dirittodicritica.com/2012/09/28/iphone5-alcoa-fiat-sulcis-crisi-42069/

 


Permalink

Pages: << 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 ... 32 >>

TRADUCI IL SITO

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro).

OFFICIAL CHAT R-EVOLUCION2010

NEWSLETTER


Strict Standards: Declaration of whosonline_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/_whosonline.plugin.php on line 125

Who's Online?

  • Guest Users: 22

Strict Standards: Declaration of ItemTypeCache::get_option_array() should be compatible with DataObjectCache::get_option_array($method = 'get_name', $ignore_IDs = Array) in /membri/revolucion2010/blogs/inc/items/model/_itemtypecache.class.php on line 179

More views

XML Feeds


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
free counters

Revolucion2010 YouTube


Strict Standards: Declaration of flash_tag_cloud_plugin::SkinTag() should be compatible with Plugin::SkinTag(&$params) in /membri/revolucion2010/blogs/plugins/flash_tag_cloud_plugin/_flash_tag_cloud.plugin.php on line 327

Banner

il prigioniero news


Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304
powered by b2evolution blog software

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Warning: Creating default object from empty value in /membri/revolucion2010/blogs/inc/settings/model/_abstractsettings.class.php on line 304

Strict Standards: Non-static method Hitlist::dbprune() should not be called statically in /membri/revolucion2010/blogs/inc/_core/_misc.funcs.php on line 248